Commissione inchiesta covid-19, m5s, pd, linea condivisa: “pochi tamponi; carente assistenza sul territorio, Rsa abbandonate, regia di A.li.sa disastrosa. Facciamo tesoro degli errori per non ripeterli in futuro”

 La Commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid-19 è stata fortemente voluta dall’opposizione non per fare processi, ma per stabilire punti di forza e di debolezza rispetto a quanto è successo, in modo da farne tesoro e affrontare un’eventuale ulteriore crisi con maggiore efficienza ed efficacia. Con queste premesse avremmo dovuto giungere a un testo comune, ma il centrodestra non ha voluto. Abbiamo redatto una nostra relazione, illustrata da Andrea Melis, in cui sono evidenziati i punti critici, acquisiti grazie al patrimonio di informazioni utili raccolti durante i lavori della Commissione d’inchiesta. Siamo consapevoli che il virus è sempre presente, come testimonia i vari focolai rilevati a livello internazionale, nazionale e anche locale, fra cui va citato il cluster di Savona. Occorre mantenere alta l’attenzione e adottare tutte le precauzioni possibili.

I punti di maggiore criticità sono:

1) L’impiego di un ridotto numero di tamponi (la Liguria è una delle peggiori in Italia sotto questo profilo) e la sottovalutazione dell’importanza della “tracciatura” come strumento per definire l’ampiezza e controllare la diffusione del contagio.

2) Un forte ritardo nella predisposizione delle così dette squadre speciali (Usca o Gsat) che ha portato alla loro presenza sul territorio praticamente ad emergenza finita. Il modello sanitario ha portato a concentrare l’attenzione sugli ospedali e a sottovalutare l’importanza dell’assistenza territoriale e domiciliare, causando una rallentamento nella reazione al virus, di fatto lasciando soli molti pazienti, che sono stati abbandonati a sé stessi.

3) Il forte ritardo della gestione dell’emergenza nelle RSA, dovuti spesso ad indicazioni carenti e contraddittorie da parte di A.Li.Sa. Fino all’individuazione del Prof. Palummeri come coordinatore dell’emergenza, Gestori, medici e infermieri si sono dovuti attrezzare per proprio conto a resistere nella totale assenza di dpi e tamponi, spazi limitati per isolare i pazienti Covid-19 e una permeabilità con l’esterno che spesso è stata causa della diffusione del virus e di un numero di vittime estremamente elevato.

4) È spesso mancata anche una vera regia dell’emergenza e A.Li.Sa, che avrebbe dovuto assicurarla e non è stata in grado di svolgere in modo soddisfacente la funzione di punto unificante e unitario del sistema. Ciò non è accaduto e questo ha reso più difficile contenere lo sviluppo della pandemia e ha lasciato gli operatori a tutti i livelli spesso soli.

5) Il rapporto pubblico/privato. Il decreto Cura Italia consentiva di utilizzare strutture, attrezzature, personale privato per esigenze pubbliche e dietro rimborso. Questa facoltà non è mai stata praticata o ciò è avvenuto solo in modo insufficiente. Emblematico il caso il caso degli screening sierologici che i laboratori privati hanno effettuato in regime di mercato e con prezzi di mercato o a prezzi calmierati ma in convenzione con altre regioni.

6) È mancato un vero coinvolgimento degli operatori sanitari nella cabina di regia tanto nella fase 1 quanto nella fase 2. Emblematico il fatto che l’Ordine dei Medici non sia mai stato coinvolto in alcuna task force. Il confronto avrebbe reso il governo dell’emergenza più efficace e meno autoreferenziale.

L’elevato numero di morti per Covid-19, l’estesa esposizione degli operatori al contagio, il numero inadeguato di tamponi, i ritardi e le incoerenze ci dicono che in Liguria l’emergenza è stata gestita con evidenti limiti. Invitiamo fin da ora ad attrezzarsi per rafforzare la copertura vaccinale anti-influenzale, a mettere subito mano a una revisione del piano pandemico regionale per evitare di ritrovarsi impreparati se ci fosse la ripresa del virus come lo siamo stati questa vola e aumentare il numero di tamponi per vigilare sulla diffusione del virus anche in questi mesi.

La sfida del domani sarà l’irrobustimento della medicina territoriale: la tragedia che ha colpito la Liguria in questi mesi ci dice chiaramente che questa Giunta ha sottovalutato l’importanza della medicina di base, anche prima del Covid-19. La lezione del Covid ci dice che il modello lombardo ha fallito e l’unica strada da percorrere è quella di rafforzare la sanità pubblica abbandonando la strada delle privatizzazioni inseguite da questa Giunta regionale.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: