Attualità

Covid: tensioni con la Svizzera

La Svizzera ha prescritto l’obbligo di quarantena di 10 giorni per coloro che rientrano nel Paese dopo aver soggiornato per più di 24 ore in Liguria,

La misura della Sanità Pubblica Svizzera rientra in un meccanismo automatico che scatta nel caso in cui in una regione si superino i 60 casi su 100mila abitanti in 14 giorni. In particolare nel caso della Liguria tale soglia corrisponderebbe ad una media di 70 casi al giorno; il superamento della soglia è interamente ascrivibile al cluster spezzino, il resto del territorio ligure resta al di sotto del parametro indicato.

La Svizzera ha stilato un elenco degli Stati e regioni considerati a rischio, che è in costante aggiornamento sulla base della situazione epidemiologica: tra i Paesi e le regioni della lista di precauzione rientrano Gran Bretagna, Olanda, Belgio, 18 regioni della Francia, Austria, Danimarca, Portogallo.

La Regione Liguria, allegando l’opportuna documentazione di Alisa, si è rivolta al console generale della Svizzera in Italia e per conoscenza al ministro degli esteri Di Maio per invitare il Governo elvetico a ritornare su di una decisione che risulta falsata da dati disomogenei sul territorio regionale oppure, in subordine, limiti le proprie prescrizioni alle  aree regionali maggiormente colpite dal contagio.

“Ho appena sentito al telefono il Ministro degli Esteri Di Maio, al quale ieri avevamo scritto dopo la decisione della Svizzera di imporre la quarantena obbligatoria per chi arriva dalla Liguria, e mi ha assicurato che il Governo interverrà al più presto“.

Il Presidente della Regione, Giovanni Toti, dal proprio profilo Facebook, ha aggiornato i tanti operatori liguri del settore turistico preoccupati per le conseguenze che la decisione delle autorità sanitarie svizzere potrebbero comportare per le loro aziende.

Così si è espressoil Presidente Toti. “La nostra è l’unica regione in Italia ad avere questo vincolo, posto per tutti i territori che superino i 60 casi ogni 100 mila abitanti nei 14 giorni precedenti al viaggio

Appena ricevuta la notizia come Regione ci siamo immediatamente attivati, inviando al console generale svizzero in Italia la documentazione di Alisa che dimostra come nel caso della Liguria l’unica area che supera la soglia prevista è La Spezia, a causa del cluster che abbiamo individuato, tracciato e già circoscritto. Il resto del territorio ligure resta al di sotto dei limiti, per questo abbiamo chiesto che la Svizzera riconsideri la sua decisione oppure applichi la quarantena solo alle zone interessate

In Liguria lavoriamo giorno e notte per monitorare e limitare il contagio. Non accettiamo che i nostri sforzi vengano intaccati da misure che mettono in cattiva luce la nostra regione e danneggiano le nostre imprese: dopo tanti sforzi per ripartire non possiamo permetterci ulteriori stop“.

Vicenda spinosa, effetto dello stramaledetto Covid; certo non si può pretendere che un altro Paese si adatti alle nostro vedute e,d’altra parte, una maggiore flessibilità da parte di chi applica misure di precauzione sarebbe opportuna e vale anche per noi e chissà come veniamo o venivamo giudicati noi, per quelle da noi applicate!

 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: