Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

È tempo di scegliere la Scuola adatta

Se educare vuol dire tirar fuori saperi, iscrizioni tirar fuori le proprie scelte. Le iscrizioni per il prossimo anno scolastico devono essere fatte dal 7 Gennaio al 31 Gennaio 2020 ed effettuate solo on line. Per le Scuole Paritarie iscrizione presso le singole Scuole. Dovrebbe essere una cosa semplice ma talvolta nascono problemi perché non è un puro atto formale, ma implica dubbi, scelte, aspirazioni, attitudini. Una vera scelta invece deve essere fatta dopo la terza media, spesso subendo l’influenza di amici. Fare una scelta a 13/14 anni è difficile, ragazzi non maturi, in pieno periodo di costruzione della propria identità (ognuno lo fa con tempi propri). Importante parlarne a casa, chiedere agli insegnanti della scuola di provenienza. Interessante l’iniziativa della Fondazione Agnelli. Mette a disposizione delle famiglie impegnate nella scelta della Scuola il portale Eduscopio che analizza città per città, le scuole (per ora limitato a licei e istituti tecnici). Sono stati seguiti quasi un milione di studenti, valutando in base ai risultati conseguiti dagli studenti nel primo anno di università (esami sostenuti e voti conseguiti). Gli Open day devono essere utili per conoscere materie ed orari delle stesse, per sentire esperienze di ragazzi che già frequentano quella scuola più che i locali e gli impianti. Non avere fretta, serve ponderare; la data di iscrizione non dà alcun diritto di precedenza, per far bene una scelta, certo si può cambiare, ma si perde tempo, occorre pensare. Le scuole hanno fatto vari test, sono stati redatti giudizi orientativi I genitori, dovrebbero aiutare, suggerire una scelta senza insistere, per non creare contrapposizioni poco produttive. Il tasso di dispersione, abbandono nella Secondaria è spaventoso, a due cifre. Dei 600.000 che iniziano 130.000 non arriveranno al diploma, sia con opportune differenze tra Regione e Regione. Partendo dalle Elementari in 100, 75 si diplomano, metà va all’Università, ma arriveranno alla laurea solo in 18. L’abbandono è una sconfitta per Scuola, Società e Famiglia, un danno per il Paese. Negli altri stati europei il tasso di dispersione è molto più basso, di chi è la colpa? Sicuramente buona parte al sistema Famiglia, Scuola, Società (qualità, offerta formativa). Per la scuola elementare può essere utile una valutazione per l’iscrizione in anticipo. Attenti però a non forzare i tempi con carichi di lavoro eccessivi, ognuno ha i suoi tempi, è utile il parere del docente della scuola materna. Chi studia i giovani adolescenti ci fornisce una guida per capirli, aiutarli, compito non facile; sono anche frutto di una società (scuola, famiglia), che dispensa più affetto che regole, e lamenta di non capirli. Da una indagine effettuata su 24/25enni, riportata dal Corriere, traspare che i giovani hanno abbassato le aspettative per il lavoro, sanno che devono accontentarsi ed è un peccato perché significa abbassare anche le nostre prospettive. Il nostro futuro è nelle loro mani. Diciamo con Tolstoieski “il vostro male non capire quanto siete belli” “Scegliere bene il proprio lavoro significa non lavorare per tutta la vita” La disoccupazione giovanile è troppo alta rispetto agli altri Paesi Europei, dobbiamo aiutarli, le aziende sono alla ricerca di figure professionali ed in particolare tecnologiche specializzate, con conoscenza lingue (specie inglese). Tra l’altro è grave che giovani con laurea non trovino impiego corrispondente a tal proposito, si dovrebbe operare prima per informare, aiutare la scelta degli indirizzi di studio, considerato, che anche il livello di abbandono è alto, troppo alto. Importanti, nelle Superiori, saranno anche i progetti “Alternanza Scuola-Lavoro” per creare maggior conoscenze e competenze, mettere insieme le esigenze delle aziende, preparare i giovani che servono alle aziende, con le aspettative dei giovani evitando i “need” (né scuola né lavoro) In definitiva rendere le aziende più soddisfatte e i ragazzi da apatici a interessati. L’incontro tra offerta e richiesta deve abbandonare il sistema medioevale (amico, parroco, sindaco), per passare al mondo digitale, mettendo in giusto risalto l’esigenza di formazione tecnico/professionale, formazione scuola/lavoro o apprendistato I ragazzi che partecipano, riescono a capire meglio se stessi, scoprono passioni e aspirazioni, in una parola che vorrebbero fare da grandi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: