AttualitàPolitica

Elezioni regionali 2020; intervista alla candidata Maria Zunato

Il 20 e 21 settembre si terranno le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale della Liguria e sono molti i candidati che sostengono i possibili governatori; tra di essi, a sostegno di Giovanni Toti, c’è anche Maria Zunato, assessore allo sviluppo economico ed attività produttive presso il comune di Savona.

 

Un Suo breve curriculum

 

Ho la laurea in sociologia, sono stata dirigente della pubblica amministrazione e sono in pensione dal 1 maggio 2014. Da sempre sono impegnata sul territorio. In passato sono stata consigliera della Comunità Montana del Giovo, consigliera comunale a Cairo Montenotte, capogruppo del consiglio comunale a Millesimo ed attualmente sono assessore allo sviluppo economico, attività produttive e personale nella città capoluogo Savona

 

Perchè ha deciso di candidarsi consigliera regionale?

 

E’ stata una scelta su cui ho riflettuto molto ed ho deciso di assumere l’impegno di rappresentare il territorio e le sue necessità perchè è dovere di ogni cittadino mettere le proprie competenze ed il proprio sapere al servizio del proprio paese. Non ho mai smesso di studiare! Ho iniziato il mio percorso politico da giovane e le mie conoscenze sono state acquisite nel mio lungo lavoro presso la pubblica amministrazione e nel rapporto con tutti gli enti e gli organismi sovraordinati. Credo nella politica nobile e ho fatto mio lo stralcio dell’intervento dell’Onorevole Dossetti nell’ambito dell’Assemblea Costituente : “…l’unica possibilità e la condizione pregiudiziale per una ricostruzione stanno proprio in questo : che una buona volta le persone coscienti ed oneste si persuadano che non è conforme al vantaggio proprio, restare assenti dalla vita politica e lasciare “quindi” libero campo alle rovinose esperienze dei disonesti e degli avventurieri…”

 

Cosa significherebbe per Lei diventare consigliera regionale?

 

Per me diventare consigliera regionale significherebbe poter rappresentare il territorio della Val Bormida, il capoluogo Savona e tutta la provincia nella sede deputata alla programmazione e all’emanazione delle norme sulla base delle esigenze di sviluppo della Liguria. E’ ovviamente fondamentale garantire la presenza costante sul territorio affinchè, puntualmente, i cittadini possano avere un rapporto diretto con l’ente regione. Savona deve tornare ad essere, in quanto capoluogo, il centro degli interessi ed il coordinatore della macroarea dell’intera provincia di Savona. I progetti fatti in quanto assessore hanno un’ampia visione come, ad esempio, quello denominato “Progetto Agricoltura Sociale” nel quale Savona è capofila ma coinvolge tutti i comuni della provincia nel rapporto città-entroterra

 

Breve programma elettorale

 

Un candidato non può avere un proprio programma ma io ho contribuito a definire quello della coalizione, frutto di studio ed analisi, mettendo a confronto idee e progetti; la Lega ha svolto un lavoro di squadra con giornate di studio per definire le linee guida per la “Liguria 20.25 idee per il futuro della nostra regione, la forza del territorio”. Io rappresento le necessità di un intervento urgente sulle infrastrutture, il bisogno di operazioni per interventi strutturali per il sistema delle imprese, la semplificazione burocratica della pubblica amministrazione, la digitalizzazione dei territori, la valorizzazione dell’entroterra, la necessità di garantire servizi essenziali per poter vivere nei territori rurali. Non bisogna dimenticare la creazione di un ospedale di zona svantaggiata, il sostegno al trasporto pubblico, al turismo campestre, allo sport all’aria aperta, ai prodotti enogastronomici di eccellenza, gli sgravi fiscali per le attività esistenti e per attrarre nuovi investimenti, il bisogno di creare una stretta sinergia tra la città capoluogo della nostra provincia, le altre zone costiere e l’entroterra

 

Se venisse eletta cosa realizzerebbe nei primi cento giorni da consigliera regionale?

 

Consoliderei i rapporti già in essere con tutte le associazioni di categoria, il sistema delle imprese e tutti i soggetti portatori di interessi generali al fine di tutelare e sostenere il tessuto imprenditoriale e commerciale per prevenire le chiusure di attività fondamentali per il mantenimento dell’economia locale. Vorrei inoltre mettere le basi per la creazione di un distretto industriale Val Bormida-Savona in relazione alla strategicità che la Val Bormida ha come area retroportuale

 

 

Alcuni dei candidati al consiglio regionale di cinque anni fa oggi siedono in Parlamento. Lei vorrebbe seguire queste orme?

 

Stimo molto gli attuali parlamentari del nostro gruppo e credo che ben ci rappresentino quindi la loro esperienza e le loro capacità devono essere messe a disposizione, in relazione ai livelli inferiori di governo, per raggiungere l’allineamento fondamentale per il rilancio dell’economia del nostro Paese

 

Una frase che la rappresenta

 

La competenza al servizio del territorio

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: