Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Estate e lavoro

L’Eurostat, l’ufficio statistico della UE, che raccoglie ed elabora i dati pervenuti dai vari stati membri ci dà proiezioni di occupazione degli ultimi 10anni relative ad ogni paese. Nel 2018 in Europa avevamo 17milioni di disoccupati, in Italia 2,7milioni di disoccupati, con un forte aumento (44,5%), rispetto a 1,9 milioni del 2009. Le previsioni non sono rosee, specie per il tessile e l’abbigliamento, si prevede crisi, di 1 su 3 aziende (totale di 13.000), chiederà la cassa integrazione nel breve, medio periodo. A Maggio si dovrebbero fare 430.000 assunzioni, ma non si troveranno lavoratori con i requisiti, le competenze richiesti (ingegneri, informatici, saldatori, carpentieri). Più della metà resteranno vuoti : Ingegneri 52%, informatici e comunicazioni 57%, saldatori, lattonieri, fabbri 59%, operai tessili 43%. Si può altresì sottolineare che l’80% dei giovani, ad 1 anno dal diploma tecnico trovano lavoro coerente con il corso di studi frequentato. A compensare un po’ invece si prevede una infornata di 100.000 assunzioni nel pubblico impiego (Scuola, Ministeri, Polizia):Inps 5.000, Scuola compresa Università prevede 11.500 collaboratori, 66.000 insegnanti per la Scuola Secondaria, ed un concorso per la Scuola Primaria di 48.000 cattedre. Altra buona notizia per le aziende, è stato prolungato il bonus per le assunzioni da 30 a 35anni. Lavori estivi, stagionali, a termine, previsti nel settore turistico per l’accoglienza/reception, ristorazione, camerieri, chef, dirigente servizi per il periodo giugno/settembre. Non stupisce che le maggiori offerte di lavoro siano in Lombardia (Università, Duomo, Musei, Negozi Grandi Marche, Laghi, Montagne), insieme a Emilia,Veneto. Indispensabili le lingue (oltre inglese, utile russo, cinese) e le capacità relazionali, Queste ultime importanti anche con i bambini dei centri estivi, ove l’indagine a fronte di una forte richiesta, prevede che solo il 25% delle famiglie possa permettersi i costi o trovi offerte per questo lungo periodo. Costo medio: per un tempo pieno (dalle 8,30 alle 16,30), 170 euro a bimbo per una settimana, un costo giornaliero intorno ai 30 euro: Se mezza giornata il costo si aggira su 300 euro mensili. Utile muoversi presto, qui non vale last minute. Per iniziative organizzate da strutture pubbliche il costo a bambino si aggira su 60euro a settimana, considerate la residenza e le condizioni economiche. Per tutti sarebbe importante poterle detrarre dalle tasse. Per allargare le offerte e contenere i costi interessante sarebbe una collaborazione tra Comune e Scuole, con gestione affidata a Cooperative utilizzando qualche docente della Scuola per la logistica locali e animatori, tutti opportunamente formati sia per la parte didattica che per la parte sanitaria. A proposito di formazione, interessante l’iniziativa, nel percorso per le Competenze Trasversali che sostituisce la vecchia “Alternanza Scuola Lavoro”, unisce la pratica alla grammatica, “Verso il Futuro oltre la Scuola”, Z lab organizzata dalla Banca S:Paolo di Torino per 500 ragazzi in 18 realtà (Tecnici e Licei) e a settembre ne partiranno per altri 500 ragazzi in 25 realtà, per lavorare in Banca, come lavorare in Banca. La Banca infatti non è più quella di prima.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: