Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Firmato il nuovo patto per il lavoro con sindacati e categorie, al via bonus assunzionali per favorire l’occupazione e sostenere le imprese

È stato sottoscritto il Patto del lavoro nel settore del Turismo, l’accordo tra Regione Liguria, sindacati e categorie datoriali per l’attuazione degli interventi a sostegno delle imprese del settore per il 2022; la misura, arrivata alla quinta edizione e finanziata attraverso il Fondo Sociale Europeo, mira, attraverso l’erogazione di bonus assunzionali, ad incentivare le aziende turistiche affinché garantiscano l’apertura dell’attività per periodi più lunghi, con un aumento sia in termini numerici che di durata dell’occupazione degli addetti. Due le categorie beneficiarie, identificate con i codici Ateco: le imprese del comparto alberghiero ed extra-alberghiero legate all’accoglienza (anche catering, agenzie di viaggio e tour operator, organizzazione di convegni, fiere, feste e cerimonie) oltre agli stabilimenti balneari che stipulino contratti di lavoro a tempo indeterminato oppure a tempo determinato di almeno sei mesi (con tre scaglioni di valore del bonus: 2.500 euro per ciascun contratto della durata tra 6 e 8 mesi, a 4000 per ciascun contratto da oltre 8 mesi e 6000 euro per ogni assunzione a tempo indeterminato); le attività della ristorazione, bar, pasticcerie e gelaterie che stipulino contratti di lavoro a tempo indeterminato oppure a tempo determinato di almeno nove mesi (due scaglioni di valore del bonus: da 2mila euro per ciascun contratto della durata di almeno 9 mesi, da 6mila euro per ciascuna assunzione a tempo indeterminato).

“Questo è un accordo importante per il lavoro”, dichiara il presidente Giovanni Toti, “ed è una grande opportunità per il settore ma anche motivo di orgoglio per sindacati ed associazioni di categoria. Il modello ligure è una sfida importante per il futuro e la scorsa stagione ha portato un importante segnale con molto traffico lungo le strade ed i treni pieni; la qualità del lavoro è importante ed il vero paradosso sono le migliaia di disoccupati quando, ad alcuni settori, manca il personale. E’fondamentale istituire corsi di formazione in linea con le richieste del mercato del lavoro avendo stipendi più alti e maggiore produttività; una delle cose fondamentali è quella di sgravare le aziende dai costi. Il reddito di cittadinanza va rimodulato anche nell’ottica del problema del mercato interno per il basso reddito dei lavoratori”.

Stessa soddisfazione da parte di Gianni Berrino, assessore regionale al turismo :”Ringrazio i sindacati e le associazioni di categoria dicendo che circa 3000 contratti di lavoro sono stati facilitati da questo patto; tutto ciò prolunga le attività del settore con contratti più lunghi per i dipendenti con un contributo di 2500 euro per contratti di 6 mesi e 8000 per contratti a tempo indeterminato anche per bar e ristoranti. Una buona parte del pil italiano è prodotto dal turismo ed occorre avere un’offerta di qualità; con l’inizio della stagione a Pasqua sono tornati i turisti stranieri. Questo modello coniuga lavoro e turismo ed è condiviso dalle associazioni di categoria per favorire i contratti e contiamo di arrivare, grazie al patto in questione, ad avere 1500-2000 assunzioni”.

“Il lavoro non si crea da solo ma occorre un appoggio pubblico”, sottolinea Maurizio Calà, segretario generale Cgil Liguria, “ed è fondamentale avere un turismo di qualità che però deve essere strutturato. E’necessario pagare meglio i lavoratori e fare contrattazione per avere qualità; il lavoro deve essere organizzato perchè è importante per la nostra regione ed il turismo è centrale”.

“Siamo giunti alla quinta edizione del patto ricordando che il turismo è uno dei settori centrali e troppo spesso viene considerato la Cenerentola dell’economia”, evidenzia il segretario generale Cisl Liguria Luca Maestripieri, “ma per la nostra regione servono accordi ed investimenti in tal senso. Investire sulle persone per destagionalizzare l’offerta è molto importante ed è la strada giusta; è molto importante avere un accordo tra sindacato e regione per il rilancio del lavoro turistico che vuole ripartire facendo leva sulla stabilità e sulla qualità dell’occupazione. Il bonus incentiva le assunzioni a seconda del tipo di contratto e sarà massimo con un’assunzione a tempo indeterminato ma tutto ciò dovrà avvenire rispettando la legge; molto importante è la destagionalizzazione che permette di allungare i mesi di attività”.

“Lavorare in sinergia porta ad importanti risultati”, commenta il presidente di Federalberghi Liguria Aldo Werdin, “e tenendo le strutture più aperte si migliora il prodotto”.

“L’accordo crea buona occupazione ma vogliamo un occupazione fissa”, ricorda Mario Ghini, segretario generale Uil Liguria, “avendo come obiettivo la ripartenza visto che il turismo è un importante settore di lancio. Abbiamo sottoscritto questo patto per far crescere l’occupazione in un settore che ha bisogno e può svilupparsi alla grande con il personale giusto”.

“Noi forniamo un turismo di qualità”, prosegue la coordinatrice regionale del Turismo di Confindustria Laura Gazzolo, “ed è una buona idea quella di lavorare 12 mesi”.

“Per noi è fondamentale poter fare turismo tutto l’anno”, dichiara il presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti, “e siamo d’accordo sul fatto di avere una nuova visione promozionale del territorio. Quello del turismo è un settore molto vasto e l’accoglienza è fondamentale”.

“Ringrazio l’assessore Berrino dicendo che per le aziende l’aumento esponenziale dei prezzi dell’energia e delle materie prime è un grosso problema; questo accordo abbatte i costi ed abbiamo riscontrato molta disponibilità al dialogo da parte delle istituzioni”, conclude il direttore di Confartigianato Liguria Luca Costi.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: