Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Genova celebra la Festa dell’Unità Nazionale

Grande partecipazione per la cerimonia di commemorazione per il centocinquantesimo anniversario dalla morte di Giuseppe Mazzini, morto il 10 marzo del 1872; una giornata che è servita anche a ricordare altri genovesi che hanno svolto un ruolo di spicco nell’Unità di Italia, della quale oggi occorre il 161 anniversario.

“Questo è un giorno importante e ringrazio i ragazzi presenti dicendo che commemorazioni di questo genere sono molto importanti per loro”, dichiara Laura Repetto in rappresentanza della Città Metropolitana, “ricordando che Mazzini è stato sepolto il giorno dell’Unità d’Italia. Per Genova questa giornata è molto significativa e la legge che la celebra è stata proclamata dieci anni fa; Mazzini non è nato in Italia perchè all’epoca il nostro Paese era diviso in tanti piccoli stati e da Genova pensava al futuro del suo Paese. Lui è stato un esule, ha fondato un partito, la Giovane Italia, e parlava ai ragazzi dicendo che potevano cambiare il mondo; nel suo partito non erano ammesse persone al di sopra dei 40 anni. Il suo sogno ha dato vita ad un gruppo che aveva come simbolo il tricolore ed era solito dire ai giovani che dovevano studiare e capire le sue idee; in questo gruppo di giovani vi erano anche Goffredo Mameli che scrisse l’inno sulla base degli ideali di Mazzini e Giuseppe Novaro che fece la musica. Questo è un giorno genovese e dobbiamo esserne orgogliosi poichè con l’Unità d’Italia il sogno mazziniano non si realizzò completamente visto che lui era repubblicano; il suo sogno si realizzò pienamente nel 1946 con il referendum tra monarchia e repubblica e la Costituzione. La patria che Mazzini sogna siamo noi ed i giovani sono il futuro”.

Parole simili da parte di Armando Sanna, vicepresidente del consiglio regionale :”Rivolgo ai presenti un sincero grazie dicendo che i simboli sono importanti e cosa lasciamo ai giovani è fondamentale; la storia passa da Genova ma la storia è fatta di persone che combattono per la libertà e la Costituzione. La pandemia ci ha fatto capire che la libertà è importante ed abbiamo accolto molti cittadini ucraini in fuga che scappano dalla guerra; è emozionante portare una fascia istituzionale poichè il futuro dei giovani è fatto di valori importanti. La nostra storia è bella da studiare e la politica è fatta di quotidianità”.

“Siamo qui dopo tre anni con un importante ritorno alla vita e ai valori della democrazia”, sottolinea Michele Finelli, presidente dell’Associazione Nazionale Mazziniana, “e la figura di Mazzini è importante perchè è cittadino del mondo. Quando era in esilio a Londra era solito dialogare con gli intellettuali ed aveva creato una scuola per gli intellettuali emigrati; aveva capito che il futuro è importante e l’umanità è un principio universale ma la Nazione ha una missione secondaria ed è il mezzo, non il fine, per realizzare gli Stati Uniti d’Europa. Vi è il dovere di migliorarsi per assumere consapevolezza dei propri diritti ma i doveri sono la chiave giusta per combattere la cittadinanza passiva; il web distorce la realtà e e l’educazione significa potersi elevare rendendo attuale in pensiero mazziniano ricordando che Staglieno ha un valore sia personale che collettivo. Mazzini ha tracciato un percorso importante rendendo attuale il suo pensiero; il suo patriottismo è universale così come il valore dell’umanità visto che per avere un diritto occorre esercitare un dovere. Sono contento che la nostra sede rimanga a Genova e la storia risorgimentale è importante per tutti”.

“Saluto tutti i presenti ringraziando i ragazzi ed il Sottosegretario Pucciarelli”, afferma il sindaco Marco Bucci, “ricordando che il primo cittadino rappresenta tutta la città. Oggi si celebrano l’inno e la bandiera e proprio nel 1847 venne suonato il nostro inno per la prima volta ad Oregina; tutti sanno andare oltre cosa si vede e la nostra libertà inizia dove finisce quella degli altri. Stiamo vivendo un periodo con grandi opportunità e costruiamo il nostro futuro con la città delle prossime generazioni; Mazzini dava ai genovesi messaggi importanti per il futuro ed i genovesi hanno dimostrato che sanno lavorare. Oggi si ricordano cose importanti e bisogna lavorare insieme; stiamo lavorando per realizzare il mondo che avranno i giovani. Mazzini è una figura che tutti noi abbiamo studiato a scuola ed ha sofferto perchè emigrato; vorrei che la città facesse di più per lui e Genova è  risorgimentale. Lui era precursore dei suoi tempi e trasmetteva valori importanti per le istituzioni”.

“161 anni fa l’Italia si è finalmente unita e sono contenta di essere qui; la festa è stata creata dieci anni fa per dare risalto ad un passaggio importante. Porto i saluti del Ministro Guerini ed i miei personali; questo è un luogo sacro per tutti e Mazzini è stato protagonista delle lotte risorgimentali diventando una sorta di padre della patria. Chi sacrifica la vita per la Patria merita la nostra riconoscenza ed il nostro pensiero concreto è dedicato alle storie di riscatto che ci permettono di superare i momenti difficili; la pandemia ha provocato una grave crisi sanitaria ed economica ed ora abbiamo una guerra a pochi chilometri dal nostro confine. La festa ha un significato importante e riconoscerci nelle nostre radici nazionali è importante; occorre rispetto ed apertura al dialogo e Maria Bergamas è il simbolo delle madri italiane per coraggio e sacrificio. Le celebrazioni odierne sono molto importanti per tutta la società e l’Italia, che è parte dell’Alleanza Atlantica NATO e dal 14 dicembre 1955 è nell’ONU, ha valori occidentali e fa parte di un processo importante per la costituzione dell’Europa unita; le difficoltà devono diventare un’ispirazione per un futuro migliore e legarsi alla Costituzione, alla bandiera e all’inno è importante. Occorre collocare questi simboli in modo unitario dando ai ragazzi una nazione più unita e solida; in questo periodo difficile l’identità e la libertà sono sempre più importanti. L’Italia e tutte le forze armate sono pronte a rispondere alle chiamate dovute alle emergenze come la pandemia e le calamità naturali ed i nostri militari portano pace; questa festa è molto sentita anche per l’attuale contesto internazionale e serve ricordare che la libertà e la democrazia sono conquiste importanti. Chi è venuto prima di noi ha fatto importanti sacrifici ed occorre riflettere ricordando che il nostro esercito è sempre pronto ed addestrato”, conclude il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: