Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURAREGIONE

Genova, inaugurate le nuove sale e riaperto al pubblico il Museo di Palazzo Rosso

Sono terminati gli interventi di adeguamento e oggi pomeriggio hanno riaperto alla fruizione del pubblico le collezioni conservate a Palazzo Rosso, inserite all’interno del percorso museale dei Musei di Strada Nuova, insieme con Palazzo Bianco e Palazzo Tursi; I lavori sono iniziati alla fine del 2019 e sono stati finanziati grazie al “Patto per Genova”. L’amministrazione comunale ha coperto gli interventi per il rifacimento di parte dei serramenti, il restauro di arredi monumentali e la realizzazione di alcuni tendaggi, mentre la Fondazione Compagnia di San Paolo ha sostenuto, nell’ambito del Protocollo Quadro 2019-20 tra Compagnia e Comune di Genova, il restauro della facciata di Palazzo Rosso, la Sala d’Autunno, la Loggia delle rovine e, ricompreso nell’intervento, anche i giardini, con l’obiettivo di una completa riapertura dell’emergenza architettonica, rendendo la visita più attrattiva, interessante e ricca.

“Sono felice ed emozionata ed in questo momento così importante per la città mi sento orgogliosa di essere genovese”, dichiara l’assessore alla cultura del comune di Genova Barbara Grosso, “e restituiamo alla città la casa-museo di Palazzo Rosso dopo tre anni di lavoro. Sono stati svolti interventi di adeguamento degli impianti e di restauro degli affreschi tra cui quello della Primavera di Gregorio Del Ferrari al secondo piano; questo dipinto era grigio e non si vedevano i colori. Voglio ricordare che la parte del mezzanino con l’alcova non è mai stata aperta al pubblico e ringrazio tutti coloro che hanno collaborato tra cui gli uffici lavori pubblici e la direzione cultura. Questo è un luogo unico al mondo e finalmente è stato restituito alla società; tutto ciò è frutto di un lavoro di squadra durato tre anni e ne siamo contenti”.

Parole simili da parte di Nicoletta Viziano in rappresentanza della Compagnia San Paolo :”Questa è un’opportunità importante per tutti e uno degli obiettivi principali della nostra realtà è il perseguimento degli obiettivi dell’agenda 2030 per salvaguardare la bellezza; la compagnia ha una convenzione con il comune per cui eroga 7 milioni destinati alla cultura, alla sanità, al sociale ed al pianeta. Una fondazione bancaria riceve tanto dalla società in cui opera ed è giusto che faccia del bene; Palazzo Rosso, inserito nel circuito dei Rolli, è molto bello e la riapertura sarà sicuramente apprezzata da turisti e residenti trasmettendo importanti messaggi destinati soprattutto ai giovani. Abbiamo destinato 588000 euro per il restauro dell’alcova e l’apertura di nuovi spazi; è importante preservare le bellezze della città anche per tramandarle alle prossime generazioni”.

“Porto i saluti del presidente Toti dicendo che questo è un bel giorno perchè torna a vivere un luogo centrale della cultura”, sottolinea Ilaria Cavo, assessore regionale alla cultura, “e tutto ciò è frutto di un’importante sinergia tra comune e ministero. La cultura ha in sè un importante valore e la sua fruizione deve essere svolta in sicurezza; tutto ciò ha in sè l’inclusione e questo luogo deve essere vissuto al massimo. Le mostre Superbarocco hanno un valore importante e la magnificenza di Genova deve essere valorizzata; i Palazzi dei Rolli sono un importante punto per turisti e residenti”.

“Saluto tutti dicendo che sono contento di rivedere Palazzo Rosso aperto per essere visitato da turisti e residenti”, afferma il sindaco di Genova Marco Bucci, “e la storia della città del periodo intorno al 1600 è molto interessante. Tutto ciò ha in sè entusiasmo e voglia di crescere creando un ottimo segnale di valorizzazione; all’interno di questa meraviglia sono anche presenti opere di ingegneria e cultura. Ringrazio la Fondazione San Paolo e tutti gli uffici ricordando che sono stati tanti i cambiamenti in corso d’opera; l’offerta culturale e turistica della città ha al suo interno tante potenzialità”.

“Sono contenta di essere qui perchè lavoro bene con Genova e progetti partiti durante il Governo Conte I nel periodo 2018-2019 si concretizzano; luoghi di questo tipo sono sempre più importanti nel nostro Paese soprattutto dopo le chiusure del lockdown ed il futuro riparte dalla cultura. Sono molteplici le risorse investite in questa città nel settore cultura; voglio ricordare il Museo dei Cantautori e quello dell’Emigrazione senza dimenticare gli interventi sui forti per i quali sono già arrivati i fondi in città. Questo luogo è un fiore all’occhiello per il turismo genovese e ne sono orgogliosa; Genova è un esempio di efficienza in tutti i settori. A breve partirà il bando PNRR Giardini ed abbiamo già avuto due richieste da Genova e una, di quasi un milione, è stata accettata; questa città deve essere sempre più valorizzata ed è fondamentale spiegare ai giovani le nostre origini”, conclude il Sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: