Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Genova, report incidentalità 2021: calano i sinistri mortali e con feriti

Anno nuovo, tempo di bilanci per la Polizia Locale, con il consueto report dell’attività svolta nei dodici mesi precedenti; sul versante della sicurezza stradale, il dato positivo che emerge è il calo degli incidenti mortali, così come degli incidenti con feriti. Se il numero complessivo dei sinistri è pressoché in linea con gli anni precedenti (fatta eccezione per il 2020, durante cui il periodo di lockdown ha comportato una netta riduzione della circolazione veicolare e, quindi, dei casi di incidente), il 2021 ha fatto per l’appunto registrare una flessione degli incidenti più gravi: mortali e con feriti. Sono infatti 14 gli incidenti mortali occorsi nel corso dell’anno, contro i 18 nel 2019, i 24 del 2018 e i 21 del 2020; per quanto riguarda i sinistri con feriti, ammontano a 3350 nel 2021, contro i 3706 del 2019, 3976 nel 2018 e 4046 nel 2017. La flessione degli incidenti di più grave entità è riconducibile anche alle campagne di sensibilizzazione messe in atto dalla Polizia Locale in contrasto ai comportamenti pericolosi mentre si è alla guida: comportamenti che sono elencati nel titolo V del Codice della Strada. Qualche esempio? Si va dalla guida col cellulare alle cinture di sicurezza non correttamente allacciate, passando per manovre pericolose come inversioni di marcia e svolte laddove vietato, transito con il semaforo rosso, guida di mezzi a due ruote senza casco, eccetera; le sanzioni per trasgressione ai principali articoli del titolo V del Codice della Strada, nel 2021, sono state 52.440, con un deciso incremento rispetto agli anni precedenti.  L’azione della Polizia Locale, tuttavia, non è solo repressiva ma anche e in larga parte preventiva. Un esempio è la campagna sulla sicurezza stradale, lanciata la scorsa primavera per sensibilizzare non solo i giovani neopatentati, ma anche chi guida da anni.  Proprio per raggiungere un target più ampio possibile, l’iniziativa si è sviluppata su più canali e ha visto la realizzazione di una guida sulla sicurezza stradale, un test interattivo (che si può effettuare sul sito del Comune di Genova) per valutare le proprie conoscenze in tema di Codice della Strada, affissioni e una campagna social. Stando ai risultati del test, visualizzabili una volta risposto in maniera anonima alle 13 domande (escludendo le prime due, puramente statistiche per determinare la percentuale dei partecipanti in base a sesso ed età), le risposte esatte hanno un voto medio pari a 8,2 punti su 13 (il 63,07%); un dato in parte confortante, che però vede d’altro canto la necessità di proseguire con un’azione informativa atta alla prevenzione.

“Il 2020 non è stato preso in considerazione a causa delle chiusure e nel 2021 gli incidenti stradali senza feriti sono aumentati”, dichiara l’assessore alla Polizia Locale Giorgio Viale, “ricordando che si sono ridotti i ricoveri dovuti ai sinistri che hanno un costo sociale ed affettivo grave. L’attività degli agenti è molto importante ma occorre ricordare che la prevenzione è fondamentale; il casco e la cintura di sicurezza sono necessari per la nostra cultura e colpire chi non li usa correttamente è doveroso per la cittadinanza”.

Parole simili da parte di Gianluca Giurato, comandante della Polizia Municipale di Genova :”Sono soddisfatto dei risultati; Genova aveva un record negativo per incidenti e morti ma dal 2017 sono in calo con una riduzione del 33% dal 2017 al 2021 mentre per quelli con feriti si ha meno 17%. Trovo offensivo sentir dire che le multe vengono fatte per una questione di cassa e nel 2021 sono state fatte, rispetto al 2019, -100.000 sanzioni per sosta vietata;  molto importante è la prevenzione ed abbiamo sistemato diversi strumenti per rilevare la velocità. La campagna di sensibilizzazione prosegue molto bene attraverso video, manifesti, opuscoli, controlli e molto altro; l’effetto prevenzione funziona e ci si concentra sui comportamenti più pericolosi. La metà degli introiti delle multe è, per legge, destinato agli interventi per la sicurezza stradale e per migliorare le dotazioni degli agenti della Polizia Municipale; ogni anno facciamo una relazione al Ministero degli Interni su questo tema elencando i problemi relativi alla segnaletica, alle luci ed alle buche stradali. La tecnologia è per noi fondamentale ma voglio ricordare che le sanzioni più elevate sono destinate a condotte che sono un pericolo per la sicurezza come l’uso del cellulare alla guida, la guida senza patente o senza cintura; le sanzioni che non comportano pericolo sono in calo. L’articolo 191 del Codice della Strada dice che se un pedone attraversa la strada il veicolo deve dargli la precedenza; in questo senso stiamo facendo controlli con pattuglie in divisa e in borghese”.

“Gli agenti della Polizia Locale sono attenti alle sanzioni dei comportamenti contro il vivere civile tra cui l’occupazione di posteggi per i disabili; l’impegno per il contrasto dell’alcol alla guida e lo studio degli incroci pericolosi è notevole ma c’è bisogno di una componente sia umana che tecnologica. Una legge statale prevede che una parte dei proventi delle multe siano destinati alla sicurezza stradale ma quello tra multe pagate e quelle non pagate è un equilibrio difficile; per le multe di sosta vietata abbiamo il sistema Grifo già usato e non ancora implementato mentre con le piste ciclabili si avranno altri tipi di sanzioni. Sono molte le sanzioni per la mancata raccolta degli escrementi dei cani, circa 2-3 al giorno, mentre i controlli per il rispetto delle norma anti-Covid sono concordati con la Prefettura”, conclude l’assessore Viale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: