Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Genova, triplicano in un anno le sanzioni per l’abbandono rifiuti

Presentato il report annuale della Polizia Locale di Genova, impegnata anche sul fronte della tutela dell’ambiente, con la collaborazione della Polizia Amministrativa di AMIU. Nel corso dell’anno appena trascorso, il Corpo della Locale ha elevato 2254 sanzioni che hanno segnano una crescita esponenziale rispetto a quelle elevate nell’anno 2020. Sono state inoltre 451 le sanzioni elevate a seguito di abbandono di “veicoli rifiuto” su strada.  Le sanzioni, per violazioni al Regolamento comunale e al Testo Unico Ambientale, sono state 2084, con accertamenti ambientali diretti effettuati anche in collaborazione con la Polizia Amministrativa AMIU Genova, integrate dalle 170 rilevate attraverso l’utilizzo della videosorveglianza.  Da segnalare che, sempre nel 2021, sono state 93 le denunce penali a carico di titolari d’impresa o rappresentanti di enti: quasi il doppio rispetto a due anni fa, quando le persone giuridiche denunciate penalmente erano state 44. Sempre nel 2020 le sanzioni elevate erano state in totale 807, di cui 129 rilevate attraverso telecamere e 678 in flagranza di illecito o a seguito di attività di indagine.  Alle sanzioni comminate dalla Polizia Locale si aggiungono anche quelle elevate dalla Polizia Amministrativa di AMIU che, nel corso del 2021, ha rilevato in autonomia e sanzionato amministrativamente 97 illeciti.

“Vi è stata una collaborazione importante tra diversi assessorati”, dichiara l’assessore all’ambiente Matteo Campora, “e voglio ricordare che per gli ingombranti si può avere il ritiro a casa con un’attesa di 3 giorni; sono stati effettuati più di 20000 ritiri per 130000 pezzi circa. Il ritiro per le strade degli ingombranti ha un costo maggiore e le zone dove si riscontrano più abbandoni sono Sampierdarena e Cornigliano mentre le aree dove ci sono minori abbandoni sono il Levante e la Valbisagno. La Polizia Locale ha svolto un importante lavoro e le sanzioni sono triplicate; è stata fatta una repressione forte e le denunce possono far ridurre gli abbandoni”.

Parole simili da parte di Giorgio Viale, assessore alla Polizia Locale :”I servizi di AMIU sono importanti e per alcuni abbandoni di rifiuti si ha una multa da 300 euro mentre per altri si incorre in un reato penale; nel 2021 sono state fatte più di 2200 sanzioni per abbandono dei rifiuti, 450 per abbandono di veicoli che è un reato penale e ben 93 aziende hanno abbandonato i loro rifiuti in modo errato a svantaggio di chi rispetta le regole. La collaborazione con AMIU è ottima e ci permette di evitare degrado e danni ambientali; abbiamo notato che gli abbandoni sono maggiori laddove ci sono difficoltà economiche ed il territorio aiuta più o meno i controlli visto che nelle zone collinari è più difficile controllare. Nel 2021 sono 2200 le sanzioni per abbandono di rifiuti e ciò dimostra che il rispetto delle regole paga; sono state fatte sanzioni da 300 a 3000 euro ed i rifiuti devono essere smaltiti correttamente. Un sistema di aiuto molto efficace è è la foto della targa dell’auto di chi non conferisce correttamente”.

“Il fatto che le sanzioni siano triplicate è una sconfitta per tutti”, afferma il comandante della Polizia Locale Gianluca Giurato, “perchè garantisce gratuitamente il ritiro degli ingombranti sotto la propria abitazione. Con l’errato conferimento vi è un danno in merito al decoro ma non bisogna dimenticare anche quello economico per lo smaltimento; l’amministrazione vuole dare un forte segnale verso gli incivili. Le sanzioni triplicate sono una sconfitta per tutti poichè significa inciviltà visto che vengono garantiti i servizi di raccolta; vogliamo sanzionare gli incivili con fototrappole, telecamere amovibili ed occultabili che possono essere spostate in punti critici tra cui discariche abusive nuove”.

“Ringrazio l’amministrazione comunale e la Polizia Locale poichè è stato fatto un gioco vincente con importanti risultati”, sottolinea Pietro Pongiglione, presidente di AMIU, “e la città è pulita se tutti contribuiscono a renderla tale ricordando che il nostro personale per raccogliere i rifiuti abbandonati viene sottratto ad altri servizi come la pulizia delle strade. Per l’azienda l’abbandono ha un costo superiore alla raccolta; vogliamo che la gente smaltisca bene la spazzatura ma occorre altresì fare una differenziata corretta. Con il recupero degli ingombranti si recupera materiale di pregio e le due campagne sono parallele; i risultati di una portano vantaggi anche all’altra e le persone devono usare i nostri servizi gratuiti. Le fototrappole della Polizia Locale ci portano alla segnalazione delle sanzioni che risolviamo ed alla raccolta del materiale”.

“Le segnalazioni sono in aumento ed il controllo sociale è fondamentale; Corso Perrone era un luogo tipico per l’abbandono dei rifiuti ma ora il fenomeno si è ridotto grazie all’illuminazione”, conclude l’assessore Campora.

L’attività sarà ulteriormente rilanciata con l’arrivo di 10 “fototrappole”, sistemi di videosorveglianza amovibili e, all’occorrenza, occultabili, acquistate grazie alla Città Metropolitana di Genova. Saranno impiegate a rotazione nelle zone non coperte da sistema fisso di videosorveglianza, garantendo flessibilità e rapidità di intervento.

Ecco le principali sanzioni:

  • 600 euro per l’abbandono incontrollato sul suolo di rifiuti non ingombranti (ad esempio: gettare a terra qualsiasi tipo di rifiuto) e ingombranti (es.: lasciare un mobile o un elettrodomestico a terra, lontano dai cassonetti)
  • 300 euro per il conferimento di rifiuti domestici ingombranti nel circuito di raccolta dei rifiuti urbani (es.: lasciare un mobile o un elettrodomestico a terra, vicino ai cassonetti). Regolamento gestione rifiuti urbani
  • 600 euro per il deposito incontrollato sul suolo di rifiuti (es.: lasciare il sacco dell’immondizia dove sono già presenti altri sacchi abbandonati
  • 300 euro per il conferimento di imballaggi secondari o terziari nel circuito di raccolta dei rifiuti urbani (es.: mettere nel cassonetto per rifiuti urbani imballaggi in cartone o bancali in legno)
  • 1.200 euro per l’abbandono/deposito incontrollato sul suolo di rifiuti pericolosi (es.: abbandonare per strada le batterie dell’auto)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: