Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Inaugurata la nuova area imbarchi dell’aeroporto di Genova

Nonostante la pandemia e i pesanti effetti sul trasporto aereo anche nel 2021, Aeroporto di Genova S.p.A. chiude l’anno con un utile dopo imposte di 872.432 euro; un risultato reso possibile dal ristoro statale di 3,8 milioni di euro a copertura dei danni Covid nel periodo marzo-giugno 2020, dal contenimento dei costi, anche attraverso il ricorso alla cassa integrazione per l’intero anno, e da crediti per imposte anticipate. Nel 2021 il traffico da e per l’Aeroporto di Genova ha visto una ripresa anche se si registra ancora un calo di passeggeri del 60% rispetto al 2019; anche a fronte dell’impatto negativo della pandemia e del forte ridimensionamento del traffico, l’Aeroporto di Genova ha confermato il piano di ammodernamento e ampliamento.

Gli interventi includono il rifacimento della pista e la realizzazione di un nuovo impianto di gestione dei bagagli da stiva (entrambi completati), così come l’ampliamento dell’aerostazione, che ha preso il via a fine 2021; il totale degli investimenti previsti è di circa 29 milioni di euro, di cui 11,3 milioni stanziati dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale. Altri 5 milioni sono stati stanziati da Regione Liguria con risorse del Fondo strategico regionale; a seguito dell’Assemblea dei Soci, i vertici dell’aeroporto hanno presentato oggi una nuova area imbarchi di circa 300 metri quadrati, dotata di due gate e che potrà ospitare fino a 200 passeggeri. Progettata interamente in house e costruita nel giro di alcuni mesi, la nuova area imbarchi servirà i crescenti flussi di passeggeri in partenza dallo scalo; nel frattempo arrivano buone notizie sul fronte della ripresa del traffico passeggeri sia per numero di voli sia per numero di passeggeri in arrivo e in partenza.

“La ripresa c’è e le compagnie ci danno nuovi voli”, dichiara Paolo Odone, presidente dell’aeroporto di Genova, “ed il bilancio è positivo. Abbiamo rifatto la pista spendendo quasi 4 milioni, l’impianto dei bagagli per 3 milioni e ci siamo dati da fare per la realizzazione di questa sala che accoglierà i passeggeri in partenza per i voli dell’Area Schenghen; la nuova aerostazione avrà un’ampiezza di 5000 metri quadri. Ringrazio l’Autorità di Sistema Portuale, nostro socio di riferimento, e la regione; gli aerei privati fanno parte di un importante business ma è altrettanto fondamentale il rilancio dei cargo sui quali stiamo lavorando. L’accordo tra MSC ed ITA è molto importante e MSC ha offerto più di 1 miliardo per acquistare la nuova compagnia aerea e Lufthansa; tutto ciò sarebbe fondamentale per i porti di Genova, Napoli e Palermo. MSC gode di ottima salute e solamente il 10% del bilancio deriva dalle crociere mentre il resto proviene dai container e dalle merci; questa saletta è per noi molto importante perchè permette di accogliere al meglio i passeggeri”.

Stessa soddisfazione da parte di Paolo Emilio Signorini, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale :”Le interruzioni dovute alla pandemia ci hanno creato grossi problemi ma in accordo con la regione ed il comune di Genova abbiamo svolto i lavori di ampliamento dell’aeroporto; per noi è fondamentale migliorare l’accessibilità e siamo orgogliosi delle nuove opere”.

“Genova deve diventare una città internazionale e l’aeroporto è fondamentale per questo”, afferma il sindaco di Genova Marco Bucci, “ma voglio ricordare che quest’anno abbiamo avuto più turisti che nel 2019. Sono stati fatti notevoli investimenti in città e la linea business è necessaria; il collegamento con la città deve migliorare ma è altrettanto fondamentale collegare bene Savona senza dimenticare che i bacini di utenza di Nizza e Pisa dovrebbero essere spostati qui. Sarebbe una buona idea collegare con Genova tutte le città italiane distanti più di 500 chilometri così come le isole e le capitali europee più importanti; in queste ultime realtà sono presenti 2 o 3 hub intercontinentali che collegano l’Europa agli altri continenti. L’amministrazione comunale sostiene l’aeroporto e la collaborazione tra queste due realtà è fondamentale; stiamo facendo importanti investimenti per la linea urbana e quella della metropolitana per arrivare più velocemente qui. Il Terzo Valico è fondamentale per arrivare più rapidamente a Milano e Roma ricordando che è necessario potenziare i voli per destinazioni lontane più di 500 chilometri mentre per quelle più vicine è sufficiente ampliare le infrastrutture per il trasporto via terra”.

“La voglia di ripartire è tanta”, sottolinea il presidente della regione Giovanni Toti, “e tra i nostri obiettivi vi è quello di rilanciare l’aeroporto. L’Autorità Portuale ha fatto importanti investimenti e questa sala farà crescere l’operatività dello scalo; i traffici crescono e sono contento ma è necessario rendere lo scalo maggiormente efficiente. Il turismo in Liguria ha grandi numeri ed occorre potenziare ogni settore; l’aeroporto è strategico ed è un elemento di traino, un’opportunità importante per tutta la città. Sono certo che questa infrastruttura sarà presa come esempio nel futuro ed è il perno centrale di una grande offerta turistica; questa sala aumenta la capacità dell’aeroporto e lo rende più comodo per tutti. Le istituzioni credono in questa realtà e si riparte con grandi investimenti; allo stato attuale i voli interni sono superiori rispetto al 2019 quindi prima della pandemia. L’aeroporto deve crescere senza dimenticare i voli charter ed i collegamenti con Roma; la compagnia ITA si è dimostrata interessata alla nostra realtà”.

“I traffici stanno riprendendo e sono stati realizzati importanti lavori di potenziamento”, ricorda Piero Righi, direttore generale dell’aeroporto di di Genova, “ed il fatto che siamo diventati City Airport fa apprezzare questa infrastruttura che deve crescere per soddisfare tutte le offerte. Ringrazio il presidente Toti, il sindaco Bucci, l’azienda che ha fatto i lavori ed il gruppo che ha svolto la progettazione”.

“Questa nuova sala rinnovata è molto bella e sono convinto che i passeggeri devono essere trattati bene; vedere che il turismo nella nostra regione è in crescita mi rende orgoglioso di essere ligure”, conclude l’assessore regionale al turismo Gianni Berrino.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: