Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Inaugurato il data center più grande della Liguria e uno dei maggiori poli strategici del Paese

Inaugurato, dopo due anni di ristrutturazione, il data center di Liguria Digitale. Si tratta del luogo che fisicamente custodisce i server in cui sono conservati i dati di tutta la pubblica amministrazione ligure; i lavori svolti negli ultimi due anni hanno permesso di apportare importanti miglioramenti da un punto di vista di aggiornamento tecnologico, di cyber sicurezza e di sostenibilità ambientale consentendo alla struttura di diventare uno dei poli strategici più innovativi e importanti del Paese, oltre che il più grande della Liguria. Oggi l’infrastruttura rispetta i più alti standard infrastrutturali, di sicurezza e di sostenibilità grazie a 11 certificazioni internazionali di qualità ottenute e ha puntato sulla dualità, cioè la replica di tutti gli impianti e i sistemi di sicurezza, per garantire il funzionamento anche in caso di guasti, interruzione dell’erogazione di corrente elettrica e isolamento; l’ampia capacità di archiviazione del data center vede i dati distribuiti su più di 4000 server fisici e virtuali, in circa 2000 mq di spazio fisico. L’infrastruttura può così ospitare una ampissima quantità di dati mantenendoli al sicuro da perdite o attacchi esterni. Le attività di backup coinvolgono oltre 120 TB di dati al giorno, raggiungendo picchi di circa 3,5 PB sull’archiviazione a lungo termine; la difesa dell’infrastruttura e dei dati è assicurata grazie al lavoro del SOC, Security Operation Center, che, grazie a tecnologie di ultima generazione, riesce a intercettare e isolare attacchi provenienti da ogni parte del mondo: in un anno sono state bloccate oltre 170 milioni connessioni non sicure, 1,6 milioni di mail malevoli e sono circa 500 gli incidenti di sicurezza gestiti con successo dai tecnici. Ad affiancare il SOC c’è la struttura del NOC, Network Operation Center, che gestisce tutto il sistema di rete e collegamenti dell’infrastruttura. In particolare si occupa di garantire il costante e veloce collegamento tra i server e con la rete internet esterna; la rete di collegamento interna è realizzata con oltre 100 km di cavi in fibra ottica e rame permette di garantire velocità fino a 40Gbit/s con un traffico annuale di circa 9,5 milioni di Gigabyte. Il collegamento con la rete esterna internet è invece garantito dal collegamento tramite 4 diversi provider che permettono una velocità di 2Gbit/s con la possibilità di essere flessibile e scalabile fino a 10Gbit/s; per comprendere il volume di traffico di dati gestito, si possono considerare una media di circa 2 milioni di email transitanti al mese. Da un punto di vista energetico il data center è alimentato grazie ad un doppio collegamento da 15.000 V con e-distrubuzione attraverso i quali passano gli oltre 2,5 milioni di KWh consumati in un anno; a supporto dei collegamenti diretti sono presenti 5 UPS da 200KVA per un’autonomia di 90 minuti e 2 gruppi elettrogeni da 650KVA per garantire nelle situazioni peggiori un’autonomia fino a 12 ore. Durante l’inaugurazione del data center è stato anche annunciato un accordo tra Leonardo e Liguria Digitale per realizzare iniziative formative all’avanguardia in ambito cybersecurity, considerata l’attualità e la valenza strategica del tema. L’accordo siglato prevede una collaborazione con offerte congiunte, nel mercato privato e pubblico, rivolte sia alle piccole medie imprese sia a enti nazionali e locali e prevede l’uso di spazi fisici nella nuova sede della Cyber & Security Accademy di Leonardo recentemente inaugurata.

“Questo è uno dei data center migliori d’Italia e quando AGID (Agenzia Italiana per il Digitale) ha fatto il censimento li ha divisi in grandi categorie e noi, per essere la categoria massima, abbiamo fatto investimenti per 3 milioni”, dichiara Enrico Castanini, amministratore unico di Liguria Digitale, “e siamo diventati una delle realtà più grandi e moderne d’Italia. Siamo gli unici nella regione appartenenti alla categoria A SUPER e l’università è collegata a noi; gli altri sono nel gruppo B ed in caso di attacchi convergono sui cloud nazionali, categoria a cui apparteniamo, o presso un data center di classe A. Abbiamo uno spazio fisico di 2000 metri quadri e generatori presenti sul tetto che permettono di avere corrente all’infinito; qui sono presenti più di 4000 server e transitano più di 2 milioni di mail al mese. Sono abilitati 35000 utenti e tra questi troviamo le maggiori pubbliche amministrazioni locali come la regione, il comune di Genova, la Città Metropolitana, il porto e le Asl 3 e 4 senza dimenticare che è un importante nodo per tante altre; il livello di sicurezza è molto elevato ed abbiamo due ISO che ci permettono di essere all’avanguardia. Subiamo migliaia di attacchi al giorno ed ogni cosa è presente in doppio; abbiamo il provider in rindondanza, due sale comunicazioni, due sale back-up e tante altre cose. Se manca la luce scatta immediatamente il sistema UPS che sostituisce la rete Enel e dura alcune ore; se la corrente è assente per più di 4-6 ore subentrano i generatori che sono più lenti ma praticamente infiniti e funzionano a gasolio”.

Parole simili da parte di Ilaria Cavo, assessore regionale alla cultura :”Sono contenta di essere qui e vedere questi server è emozionante; è fondamentale capire il traffico di dati e quanto sia prezioso tutto questo. E’necessario custodire tutto in sicurezza e ringrazio tutti per cosa fanno; 100 chilometri di cavi in fibra ottica sono moltissimi ed occorre andare avanti così. E’necessario far avvicinare i più giovani a questi temi e a breve ci sarà un corso ITS dedicato alla cybersecurity; certi percorsi di studio sono importanti ed è fondamentale avere personale qualificato per portare avanti i saperi che servono alle aziende e alla pubblica amministrazione”.

“Abbiamo più di 11 certificazioni”, prosegue Castanini, “ma ne vogliamo altre. Per noi garantire la sicurezza è fondamentale”.

“Centro di eccellenza a livello europeo, la Cyber & Security Academy rappresenta un’opportunità anche per il territorio e la filiera della formazione italiana, affiancando Leonardo Lab e HPC davinci-1 nel polo per la digitalizzazione industriale creato da Leonardo a Genova e ponendosi come aggregatore e federatore di realtà, contenuti ed esperienze, che possono essere messi in sinergia e valorizzati attraverso l’esperienza e l’infrastruttura tecnologica di Leonardo”, conclude Stefano Bordi, Direttore della Cyber & Security Academy di Leonardo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: