AttualitàPersonaggi

Intervista a Francesco Termine uno dei soci del Vesuvio: “Ringrazio la cittadinanza per la vicinanza dimostrataci in questo periodo difficile”

In questo periodo difficile dove il COVID-19 non ha fatto eccezione e ha colpito tutti i settori, ce ne è uno che sicuramente ha risentito maggiormente della pandemia, ed è quello della ristorazione.

Quest’oggi abbiamo cercato di dare voce ad una delle pizzerie più grosse e conosciute di Savona, il Vesuvio aperto dal 1979: “La nostra attività è da anni che fortunatamente lavora tanto e bene, basti pensare che la pizzeria è stata aperta dai miei genitori e i miei zii nel 1979. Siamo una famiglia che lavora nella ristorazione da anni- esordisce Francesco Termine, uno dei soci del Vesuvio- e nella nostra pizzeria siamo tutti soci, il  fatto che la nostra attività sia a conduzione familiare, in questo momento, è una fortuna. Lavoriamo solo con l’asporto e la consegna a domicilio tutte le sere della settimana e riusciamo noi famiglia a gestire il tutto così abbiamo messo i nostri dipendenti in cassa d’integrazione”.

“Il guadagno che ci arriva dall’attività lavorativa di questo momento è ovviamente assai ridotto e non ci consente di coprire interamente tutte le spese ma diversamente non possiamo fare, immagino che siamo tutti noi ristoratori sulla stessa barca. Speriamo nei contributi dello stato perché altrimenti non riusciremmo ad andare avanti. Posso solo dire che noi ci impegniamo e sempre lo faremo per offrire un buon servizio ai nostri amati clienti che ci tengo a ringraziare molto per la vicinanza a noi dimostrata. Voglio ringraziare tutta Savona perché in un modo o nell’altro non ci ha abbandonato, lavoriamo per voi e spero presto che torniate a riempire coi vostri sorrisi i nostri tavoli”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: