Please assign a menu to the primary menu location under menu

PONENTE

Intitolato al curato don Franco Destefanis l’Auditorium di Santa Caterina di Finalborgo

Tutto il rione di Finalborgo e anche i cari amici di Orco hanno festeggiato il ricordo di Don Franco Destefanis a cui è stato intitolato ufficialmente l’Auditorium del complesso di Santa Caterina; un luogo simbolico, legato alla figura del curato che per circa 70 anni è stato un costante e sapiente punto di riferimento per il Borgo e per la parrocchia orchese di San Lorenzo e lì, quando ancora la struttura era adibita a carcere, ricoprì il ruolo di cappellano dopo essere giunto da Piana Crixia (dov’era nato nel 1923) quando fu nominato presbitero (nel 1947).

“Saluto e ringrazio tutti dicendo che Don Franco era una figura importante per tutti”, dichiara il sindaco di Finale Ligure Ugo Frascherelli, “e questa foto è molto bella perchè rappresenta il suo stato d’animo. L’idea dell’intitolazione dell’auditorium è piaciuta a tutti perchè qui ci saranno eventi e manifestazioni; questo è il modo migliore di ricordare una persona che ha fatto la storia di Finalborgo”.

Parole simili da parte del sindaco di Orco Feglino Roberto Barelli :”Sono molto contento di essere qui e ringrazio il comune di Finale Ligure nella persona del primo cittadino; questa intitolazione mi piace molto perchè tutto ciò dimostra che Don Franco è sempre presente. Per la mia comunità è stato un onore averlo come prete ed ha lasciato un bel ricordo per tutti”.

“Don Franco era amato da tutti e per me è un onore essere sacerdote nella sua stessa chiesa”, afferma Don Luigi Caneto, attuale parroco di Finalborgo, “e proprio lui mi ha insegnato a conoscere questa comunità. L’intitolazione della sala è una buona cosa per tutta questa zona e ringrazio questo grande uomo”.

“Questo è un giorno importante e voglio ricordare come siamo arrivati qui”, prosegue l’assessore Franco De Sciora, “ed abbiamo deciso di fare questo per tenere viva un’importante memoria. Ho tanti bei ricordi di Don Franco che era solito aiutare tante persone e coinvolgeva l’amministrazione nei suoi progetti indipendentemente dal colore politico; sono fiero di aver conosciuto una persona come lui”.

“Mio cugino era molto amato e sono contento di vedere tante persone qui; quando era vivo la gente lo riconosceva per strada e lo fermava sempre e potevo vedere quanto la gente gli volesse bene. Ringrazio tutti i presenti senza dimenticare l’amministrazione comunale”, conclude il cugino di Don Franco Destefanis.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: