Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURAESTERO

La bellezza salverà il mondo – forse -, ma chi salverà la bellezza?

L'offesa ai "Girasoli" di Van Gogh: cosa si cela dietro?

Talvolta viene citata, forse adattandola un po’, la frase, divenuta famosa,  da “L’idiota” di Dostoevskij, in cui si afferma che “la bellezza salverà il mondo”, ma chi salverà la bellezza del mondo dagli appartenenti alla stessa categoria del titolo del grande scrittore russo, che giungono a sfregiarne gli esempi, come è successo alla National Gallery di Londra, venerdì scorso, 14 ottobre, quando due attiviste di un movimento ambientalista dal nome “Just Stop Oil” – ovvero “Basta petrolio subito” o qualcosa del genere – hanno lanciato il contenuto di due lattine di zuppa di pomodoro su una versione del quadro “I Girasoli”, di Van Gogh,  arrecando qualche danno alla cornice visto che il dipinto era protetto da un vetro? Le due, ventenni, di nome Anna Holland e Phoebe Plummer, si sono poi incollate con una mano al muro e la seconda ha gridato frasi come “Cosa vale di più? L’arte o la vita? L’arte vale più del cibo? Vale più della giustizia? Vi interessa di più proteggere un quadro che proteggere il nostro pianeta e la nostra gente?” Il loro sguardo un po’ allucinato, un po’ fanatico, approssimava le loro espressioni agli “emoji”, ormai noti, che abbiamo su telefonini e computer, quando hanno la faccina cattiva o dispettosa!

Arrestate, con l’accusa di danneggiamento, sono poi state rilasciate su cauzione dal giudice distrettuale Tan Irkam, mentre l’associazione di cui fanno parte e lo stesso pubblico ministero, sostengono che le due attiviste abbiano agito sapendo che il dipinto era protetto da una teca di vetro. Il processo è stato fissato per il 13 dicembre.  Insieme con loro è stata accusata Lora Johnson, 38enne di Southwold, per aver imbrattato l’insegna di New Scotland Yard; le due si sono dichiarate comunque non colpevoli davanti alla Westminster Magistrates’ Court; invece, secondo l’accusa,  dovrebbero essere condannate ad un risarcimento per un valore inferiore a 5.000 sterline con l’interdizione a visitare musei e gallerie.

Varie elecubrazioni che leggo tendono persino a giustificare il gesto, adducendo l’attenuante, avanzata pure dall’accusa, come già riferito, che le due  fossero consapevoli che il quadro era protetto, prima di compiere il gesto che avrebbe dato visibilità e notorietà, prima scarse, al movimento che rappresentano  e che protesta contro «l’inazione del governo» britannico nel contrasto al carovita e alla crisi climatica, e che in particolare contesterebbe  «una nuova serie di concessioni per il petrolio e il gas». Fermo restando che è più che giusto e degno di riconoscimento l’agire per la protezione dell’ambiente, per ridurre emissioni ed inquinamento, per uno sviluppo sostenibile e per tutte le altre finalità simili, e relativi mezzi per conseguirle, a volte più o meno sensate e coerenti, si abbia il coraggio di affermarlo,  per quale motivo è necessario colpire il mondo dell’Arte per ottenere ascolto e visibilità? Qual’è la ragione per cui si deve sfregiare proprio una delle più alte affermazioni del pensiero e dell’azione umane per promuovere idee e proposte? Apprendo che gesti simili sono avvenuti di recente, a Londra e qualcuno si è “incollato” ad un quadro di John Constable, ad esempio, ma pure la Gioconda, al Louvre di Parigi, è stata oggetto di tali particolari “attenzioni” e così un dipinto di Botticelli agli Uffizi di Firenze e se sinora si è levata la mano contro opere “protette” , non sarà che un giorno si cercherà di infierire più provocatoriamente e di danneggiare con maggiore determinazione ed effetto? E comunque, giusta o meno la causa delle proteste, dubito molto, anzi non ci sarebbe da dubitare affatto, che tutti questi militanti non accendano la luce a casa loro, non abbiano il frigorifero, non possiedano televisori ed elettrodomestici, non si facciano la doccia calda o tiepida, non mettano in funzione la lavatrice e, soprattutto, non  smanettino molto più di me e di altri, sul telefonino e sul computer e pertanto anche loro sono consumatori di energia, di risorse e di materiali per ottenerle, approfittando di ciò che condannano a parole e con atteggiamenti ma di cui si servono come tutti! Attaccare e cercare di sfregiare le opere d’Arte proviene forse da un impulso di fondo vendicativo e irrispettoso nei confronti del Passato dell’Umanità, che si condanna senza appello, ma anche della Storia e della Cultura in genere, conniventi e complici di quel Passato, sia la precedente che l’attuale, perchè la Cultura e l’Arte esistono sempre e sempre impegnano il pensiero e l’azione; è tale il risultato della cosiddetta “cancel culture”? Si tratta del fenomeno sociale, come si sa, che tende ad imperversare negli ultimi tempi, per fortuna un po’ meno nel nostro paese, ed il cui atteggiamento, inizialmente rivolto forse solo contro determinate situazioni e comportamenti, sta dilagando ed allargando il proprio orizzonte, giungendo a pretendere di modificare ed integrare –  e sfigurare  – la letteratura, reclamando censure inaudite che sconfinano nel ridicolo, cercando di imporre un codice di comportamento ed un linguaggio ispirati al cosiddetto “politicamente corretto”,  che di corretto ha ben poco, e tale visione finirebbe per coinvolgere tutto ciò che, nel bene o nel male ma spesso nel bene, è il retaggio di quello che siamo stati e che siamo tuttora, perchè noi, l’umanità, siamo ciò che siamo stati, visto che il futuro non lo conosciamo! Ma fare piazza pulita di tutto, azzerare ogni espressione del pensiero potrebbe invece farci intravvedere un futuro liberato dai “fardelli” di cui la Cultura e la Storia ci obbligano a gravarci; quale fine ultimo e più conseguente se non quello, potrebbe esserci per la “cancel culture”? La cultura della cancellazione è la cancellazione della cultura, in nome di una nuova era che non conosciamo, nella quale qualcuno vorrebbe insegnarci a salvare il mondo togliendo di mezzo quello che è esistito sinora e che è il nostro, comprese le sue migliori espressioni, se tutto è da condannare e da buttare, ma il discorso rischia di ampliarsi e questa non è la sede! Ciò che turba veramente, ciò che angoscia è la deriva verso cui può inclinare tale attitudine mentale,  giungendo a voler manifestare la mancanza di rispetto se non proprio il disprezzo verso l’Arte e ciò rappresenterebbe di sicuro uno sbocco verso una profonda ignoranza ed una conseguente inciviltà,che cancellerebbe anche la nostra anima e pertanto noi stessi! Quindi non ritengo giustificabili in alcun modo le due attiviste ora all’onore delle cronache e chi eventualmente potrebbe aver suscitato od incoraggiato il loro gesto, che dovrebbe pagare ancora di più ma che, prontamente, avrà ritirato la mano dopo aver lanciato il sasso, lasciando alle due la missione di lanciare la minestra!

 

Immagine: foto da Post

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: