Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURAESTERO

La spunterà l’imbecillità contro la Bellezza?

L'attacco alle opere d'arte sembra divenire una consuetudine

Di nuovo dei sedicenti ambientalisti si scatenano contro le opere d’arte e, non appena abbiamo riflettuto sul gesto delle due “emoji” viventi, che la scorsa settimana hanno gettato zuppa di pomodoro sui “Girasoli” di Van Gogh alla National Gallery di Londra, altri due attivisti dell’ignoranza hanno imbrattato con purè di patate un quadro di Monet, della serie dei “Pagliai”, dipinti nel 1889 a Giverny dal grande artista francese, esposti al Museo di Potsdam. in Germania.  Anche quest’opera era schermata  da un vetro di protezione  ma, pur sempre, c’è da temere che quanto avevo ipotizzato nel pezzo, on line da mercoledì 19 ottobre scorso, “La bellezza salverà il mondo -forse – , ma chi salverà la bellezza?”, che qualche invasato possa seguire l’esempio deleterio e cercare di fare più danni!   I due appartengono ad un’altra  associazione ambientalista che si chiamerebbe Ultima Generazione, in Germania Letzte Generation, diffusa anche in Italia . E non appena pensato ciò, al museo delle cere di Madame Tussauds,  a Londra, altri due di “Just stop oil”, quelli che già se la sono presa con “I Girasoli” di van Gogh, hanno colpito con una torta la statua dell’appena insediatosi Carlo d’Inghilterra, al grido di “La scienza è chiara, le richieste sono semplici. Stop semplicemente al petrolio. È un pezzo di torta” (dall’inglese: “The science is clear, the demands are simple. Just stop oil. It’s a piece of cake”).

Mi rifiuto, con convinzione e pervicacia, di riconoscere la benchè minima legittimità di questi gesti folli che pretendono di richiamre l’attenzione sull’emergenza climatica od ambientale; perchè se la prendono con l’ Arte, per sostenere le loro idee, che potrebbero essere giuste?  Giuste ma non dogmatiche beninteso, ed è proprio questo intento di ritenere si tratti di dogmi assoluti, forse, a creare il fanatismo, a ispirare la coscienza che in nome di ciò, per la “salvezza del Pianeta” si possa commettere ogni azione, anche la più irrispettosa e temeraria! Comunque sarà  difficile richiamare l’attenzione, anche con tali gesti  eclatanti, da parte di chi sembra infischiarsene altamente di  tutti i loro proclami, come i bagnanti di fine ottobre, intervistati dai telegiornali, che sembrano più essere allettati dalle giornate da tarda estate che si fanno sentire sul nostro Paese che preoccupati per le cause che le genererebbero – e forse hanno ragione loro pur se io sono a favore del freddo!-; specie al Meridione, non è cosa non rara in fin dei conti che l’estate persista, come sottolineato anche dai siti meteorologici, che pur propagandano l’evento come senza precedenti, e sicuramente non è vero, ma questa è un’altra storia e ora non ne voglio parlare! E ancora, quando gli attivisti senza remore, lanciando minestra, purè o torte contro oggetti artistici, vogliono rammentare al mondo che una parte dell’Umanità soffre la fame e qui invece ci preoccupiamo di proteggere dei quadri, quale buon esempio danno sprecando del cibo inutilmente, che, soprattutto chi sa cosa significa mancarne, considererebbe un gesto eticamente ingiusto e sbagliato?

Potrebbe sembrare che, chi mette in atto tale tipo di protesta, più che agire a favore di qualcosa, voglia esprimersi contro qualcos’altro, pur se di nuovo si leggono pareri di comprensione e di giustificazione, assicurando che i tali, come nel caso di Londra, sapevano che il dipinto di Monet era schermato.  La statua di cera no sicuramente e non è figlia di un Dio minore!C’è veramente da sperare che tali gesti inconsulti non degenerino in modo più virulento. Di sicuro il mondo non verrà salvato attraverso tali comportamenti che, più che l’ardore dell’impegno civico,  mettono in mostra l’ardimento dell’imbecillità!

 

Immagine da InsideArt

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: