Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

L’energia della storia, i codici del futuro; l’azienda Algowatt spa si presenta alla città di Genova

L’azienda Algowatt– Greentech solution company, nata nel marzo 2020 dalla fusione tra la genovese Softeco Sismat e l’umbra TerniEnergia, è ospitata nell’antica Villa Pallavicino, (uno dei Palazzi dei Rolli); una vera e propria centrale operativa del gruppo quotato sul mercato Euronext Milan di Borsa Italiana ma è proprio a Genova che l’azienda informatica progetta, sviluppa e distribuisce prodotti, soluzioni e servizi per i settori della digital energy, smart building, mobility as a service.

“L’azienda è nata pochi giorni prima dello scoppio della pandemia e tratta tematiche sostenibili”, dichiara Stefano Neri, presidente di Algowatt, “ma la vera sorpresa che abbiamo trovato a Genova è la concentrazione di competenze necessarie per l’automazione. Abbiamo sette sedi in Italia e due all’estero ma vogliamo collaborare con le realtà in cui siamo e la realtà genovese è una vera eccellenza”.

Stessa soddisfazione da parte del sindaco Marco Bucci :”Qui c’è l’high-teck genovese ed è un segnale importante per il territorio; ogni azienda ha un notevole impatto dove va ad insediarsi poichè vengono coinvolti i lavoratori, le loro famiglie ed il territorio. L’azienda fa un grande lavoro e voglio ricordare che uno dei tre motori del recovery plan è l’ecosostenibilità senza dimenticare la digitalizzazione del sistema che sostituisce il sistema numerico; il nuovo sistema permette di migliorare la nostra vita coinvolgendo turismo e commercio. Qui avremo i nuovi cavi sotterranei che vanno a Milano e Francoforte creando un enorme business che andrà ad aumentare i fondi del recovery; occorre darsi da fare perchè questa è un’opportunità unica e ricordo che avremo un cloud legato al database ed il fascicolo elettronico digitale sarà sempre più importante. Quest’anno l’università ha visto un aumento del 22% delle matricole rispetto allo scorso anno con un incremento di ben 30% per la facoltà di ingegneria; la nostra città sta crescendo sempre di più e vengono qui grandi aziende”.

“Il rilancio del gruppo è importante così come il legame tra energia ed informatica”, afferma l’assessore regionale Andrea Benveduti, “e vi è un importante business da sviluppare con grandi competitor. La transizione energetica è necessaria ma occorre efficienza energetica e tecnologica; la regione è completamente a disposizione delle aziende coinvolte”.

“La location è molto bella e l’azienda ha in sè un importante futuro”, sottolinea l’Onorevole Edoardo Rixi, “ma la digitalizzazione legata al settore energetico è necessaria. Spero vivamente che Genova possa diventare un importante punto di riferimento per il settore della tecnologia”.

“L’azienda Algowatt ha un ruolo importante”, ricorda Fabrizio Ferrari, vicepresidente di Confindustria Genova, “e crea valore sul territorio. Porgo il mio sincero in bocca al lupo a questa importante realtà per tutto il comprensorio e non solo”.

“L’uso della tecnologia è importante, soprattutto per le persone anziane”, commenta Luigi Attanasio, presidente della Camera di Commercio di Genova, “ma sono convinto che questa realtà possa rivitalizzare la zona in cui si è insediata”.

“Lo sviluppo digitale è fondamentale ed ha in sè una sinergia di competenze necessarie”, evidenzia l’amministratore delegato di Algowatt Paolo Piccini, “e realtà come Oto Melara di La Spezia sono frutto di joint venture. L’Ilva è nata da una relazione di diverse realtà ed il progetto Algowatt è stato creato prima dell’istituzione del PNRR ma ha in sè digital energy, smart building e mobility; la location è molto interessante poichè è un contrasto tra lusso e tecnologia e vogliamo che i posti di lavoro possano crescere. La sede operativa sarà qui a Genova e spero inoltre in un rilancio del territorio; il recupero della storia della Superba per lo sviluppo futuro della tecnologia e del business è molto importante”.

“Nel Medioevo quella di Genova era una zona di marinai ma nel 1500 con la nascita delle Repubbliche Marinare i nobili hanno scelto questa terra per le loro vacanze”, asserisce Rosaleen Lodigiani, guida turistica, “ed i Palazzi dei Rolli erano di proprietà delle famiglie nobili che venivano estratte a sorte per ospitare i principi. Nel 1800 circa Genova diventa una città industriale anche grazie alla presenza dell’Ansaldo e nel 1854 viene creata la linea ferroviaria Genova-Torino; con l’avvento del fascismo Mussolini ha unito la città da Voltri a Nervi creando la Genova che conosciamo”.

“Le visite dei Rolli sono importanti anche in modalità digitale”, dichiara Enrico Castanini, amministratore unico di Liguria Digitale, “poichè si fa conoscere Genova altrove. Il PNRR è molto importante per le prossime generazioni senza dimenticare l’artigianato di zona”.

“Questo è per l’ecosostenibilità un momento importante ma bisogna condividere i valori del sapere e del saper fare”, sottolinea Guido Conforti, direttore di Confindustria Genova, “e svolgere meglio l’attività d’impresa”.

“Ringrazio Algowatt per avere scelto Genova ed il quartiere di Sampierdarena per la loro sede”, afferma l’assessore alla transizione energetica del comune di Genova Matteo Campora, “e la nostra è una città politecnica. La digitalizzazione è fondamentale per i trasporti, la gestione dei rifiuti e la cultura; se le persone vivono in un ambiente pulito si comportano meglio. Venire qui è stato per l’azienda un vero atto di coraggio ma spero che lo possano fare anche altre aziende; sono convinto che la nuova sede di Algowatt possa portare al quartiere una riqualifica per renderlo più vivibile ma vi è bisogno di implementare il trasporto”.

“Credo molto in questo progetto e non mollo mai; spero che l’azienda possa avere successo e mettere la sede operativa qua è stata una sfida importante per il territorio”, conclude Paolo Piccini, amministratore delegato di Algowatt.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: