Attualità

Licei scientifici savonesi a Roma al “Tech-Challenge” Exxon

liceo scientifico orazio grassi savona

Due licei scientifici della provincia di Savona, l’“Orazio Grassi” di Savona e il “Giordano Bruno” di Albenga partecipano anche quest’anno allo Sci-Tech Challenge – Science and Technology Challenge -, iniziativa didattica sviluppata a livello europeo dalla ExxonMobil in collaborazione con Junior Achievement Europe, associazione no-profit leader per la promozione dell’economia nelle scuole primarie, secondarie di primo grado e superiori. La fase nazionale del concorso, affidata a squadre di cinque studenti per istituto, si svolgerà a Roma nei giorni 6 e 7 marzo.

In Italia, il programma coinvolge alcuni Licei Scientifici delle aree in cui insistono siti operativi e la Sede delle società del gruppo ExxonMobil. All’edizione 2017-2018 prendono parte alcune classi terze di 10 Istituti delle province di Napoli, Novara, Roma, Savona e Siracusa:

L’iniziativa, che quest’anno ha corso in quattro Paesi – Belgio, Italia, Paesi Bassi e Romania – si pone l’obiettivo di incoraggiare gli studenti a considerare Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica come valide opzioni per il proprio percorso formativo e come solida base per una futura crescita professionale, aiutandoli a comprendere l’importanza di queste materie e il loro ruolo nello sviluppo di nuove opzioni per vincere le sfide energetiche del futuro.

Si osserva, infatti, che in Europa va crescendo il divario tra la domanda e l’offerta di risorse professionali con tale background. Appunto per tale motivo, attraverso una metodologia didattica coinvolgente e interattiva, il programma Sci-Tech Challenge mira a promuovere l’istruzione in campo scientifico e tecnologico mettendo gli studenti di fronte a sfide reali.

Nel corso di lezioni in classe, i giovani allievi hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con esperti delle società del gruppo ExxonMobil e di cimentarsi in “mini” sfide scientifico-tecnologiche, secondo la metodologia didattica del learn-by-doing (impara facendo). Il programma prevede poi la partecipazione dei vari team liceali alla sfida nazionale cui farà seguito, per i vincitori, una competizione internazionale. Ai ragazzi sarà chiesto di lavorare in gruppo per individuare e sviluppare soluzioni innovative in risposta a specifici quesiti in campo energetico.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: