Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURAREGIONE

Liguria Transatlantica, un festival tra musica, wellness e territorio

Grande successo per la presentazione del cartellone di Transatlantica Festival, il nuovo progetto ideato da Jazz:Re:Found in collaborazione con Kowalski, Mescite, Rete Contatto Genova e Riviera Gang, nella straordinaria cornice di Villa Serra di Comago dal 29 al 31 luglio; dopo la presentazione del Festival con Nu Genea e Los Bitchos, entrambi in concerto sabato 30 luglio per il format “Nu Genea invite”, Transatlantica ha snocciolato una serie di artisti che spaziano dai nomi più brillanti della scena italiana a personaggi di caratura internazionale. Calibro 35, Murubutu, Nu Genea, Los Bitchos, Mad Professor e Dj Ralf sono quindi i protagonisti di questa nuova avventura, insieme a una ricchissima proposta di dj e selectors come Dj Falafel, Luca Bernascone, il live di Veezo & Kidd Mojo e i liguri o “local heroes” Ma Nu!, Franco (Code War), Disco Amor, Vittorio Barabino, Giovanni Verrina, Pierka (Oversize), Capasoul e Flaco Scivola. Musica che viaggia dall’altro capo del mondo, con sonorità che toccano le baie del Sud America mischiandosi a latitudini elettroniche per poi tornare a Genova e al suo Porto, simbolo di partenza e di arrivo della storia contemporanea. Il nuovo festival Transatlantica si inserisce all’interno del concept Liguria Transatlantica, patrocinato da  Camera di Commercio di Genova, Regione Liguria e Città Metropolitana, che vede in questo evento il primo di una serie di appuntamenti. Come altri festival nazionali, Transatlantica, offre la possibilità di pernottare all’interno della Villa, grazie a un servizio di glamping esclusivo, andato sold out in pochi giorni. Il sistema di accreditamento e dei servizi sarà gestito tramite bracciali collegati a Meccanismi, una piattaforma software in cloud per la progettazione e gestione cashless di eventi live, con punti di ricarica all’interno della manifestazione; al fine di contenere il consumo di plastica e la produzione di rifiuti, è prevista la consegna con cauzione all’ingresso del bicchiere Eco Cup, il cui deposito potrà essere restituito a festival concluso. Il filo conduttore della manifestazione nasce dalle suggestioni transatlantiche delle “Grandi Migrazioni” di cui il porto di Genova è stato protagonista nel XIX secolo. Un filo che lega Genova al mondo e viceversa, nel racconto della banchina, del suo significato e delle grandi rotte transatlantiche che l’hanno toccata. Cardine dell’evento sarà la presenza delle eccellenze del territorio con i prodotti Genova Gourmet e Genova Gourmet Bartender, entrambi marchi della Camera di Commercio di Genova che promuovono la professionalità degli operatori del bere miscelato e la ricchezza produttiva del territorio ligure. Dall’area food con, tra le altre proposte di qualità, le trofie al pesto di Roberto Panizza, allo Zafferano dei Giovi, alla presenza dei prodotti targati Enoteca Regionale, sinonimo di promozione e qualità territoriale all’interno dell’area beverage. Grazie al circuito Gourmet, infatti, si realizzeranno attività di degustazione e promozione del territorio e sarà possibile trovare drink dedicati: l’Americano a Savona, con il chinotto  caratteristico del Ponente, e la Rosa Transatlantica, con lo sciroppo di rosa interprete della tradizione locale. La prestigiosa Villa Serra di Comago, perla architettonica di metà del XIX secolo dell’alta Val Polcevera, nel comune di Sant’Olcese, verrà valorizzata al massimo, sia negli ampi spazi del giardino all’inglese, sia per l’intrattenimento e l’ospitalità. Si tratta, infatti, di una manifestazione open-air con una proposta ampia, ricca di contaminazioni artistiche ed enogastronomiche, attività per famiglie a cura dell’Ass. Culturale Pepita Ramone, glamping per pernottare nel parco e una selezione di experience all’insegna del buon vivere.

“Questo importante evento è un motivo d’orgoglio per Genova anche perchè si parla di temi legati alla nostra storia come i transatlantici, le migrazioni ed i barman”, dichiara Maurizio Caviglia, segretario generale della Camera di Commercio di Genova, “che proprio a Genova hanno creato una scuola di alto livello. Durante la manifestazione ci saranno cocktail con prodotti locali senza dimenticare la valorizzazione del pesto; Genova è la porta del Mediterraneo e dell’omonima dieta. Riguardo al vino la Liguria ha poca storia ma le attività legate a questo settore sono cresciute negli ultimi 15 anni; in questi tre giorni verranno valorizzare eccellenze del territorio come lo zafferano e lo sciroppo di rose grazie a Genova Gourmet. Il nostro passato è importante e merita di essere conosciuto attraverso il web; nel passato c’è futuro e questo evento valorizza le cose più belle della nostra città”.

Stessa soddisfazione da parte dell’organizzatore Manuele Roberto :”Il progetto ha in sè una ricerca culturale che permette di legare il passato ed il futuro; lo scambio di eccellenze è importante e la musica non fa eccezione. La scena del jazz ligure è molto importante per la world music così come la scuola dei cantautori e dal disco Transatlantica parte un progetto che crea una bellissima rete di spettacoli e talk; è fondamentale poter esportare la nostra musica ed avere un pubblico internazionale. Il festival è la prima parte di un progetto editoriale e di una ricerca culturale che comprende un disco che raccoglie alcuni brani degli anni ’50 e ’70 i quali raccontano la musica dialettale ligure; vogliamo lavorare per portare qui molte persone ricordando alcuni grandi nomi che avremo come i Calibro 35 con una sorta di tributo a Morricone e Murubutu venerdì 29, Los Bitchos con una sorta di live a base rock ed alcune realtà che s’ispirano a Pino Daniele sabato 30 mentre domenica avremo un pomeriggio legato al mondo dei dj con un party mentre alla sera sarà presente Dj Ralf senza però dimenticare gli artisti locali. L’evento è a pagamento e venerdì e sabato il biglietto costa 25 euro mentre la domenica 10 e l’abbonamento per i 3 giorni costa 45 euro; ci sarà la possibilità di fare glamping presso Villa Serra con tende date da noi senza dimenticare i materassi e le prese USB. Per prenotare andare sul sito www.jazzrefound.it”.

“Il legame tra passato e presente è importante ed è una sorta di sintesi tra l’entroterra e la riviera con la qualità al centro”, afferma Fabio Parodi di Genova Gourmet Bartender, “e sono stati creati due cocktail come L’Americano a Savona per valorizzare il chinotto savonese e Rosa Transatlantica che ricorda lo sciroppo di rose dell’entroterra genovese. E’importante raccontare le nostre ricchezze con un linguaggio nuovo valorizzando Villa Serra e durante il festival possiamo conoscere il territorio; la tradizione dei baristi che iniziano a lavorare sui transatlantici per poi aprirsi un locale in proprio è molto forte tanto che l’aperitivo è nato da qui. E’fondamentale bere bene includendo culture e prodotti valorizzando le eccellenze culturali ed i prodotti del territorio; degna di nota è la collaborazione con il food partner Roberto Panizza”.

“E’importante far conoscere i nostri prodotti locali attraverso la nostra mission Genova Gourmet; occorre lavorare bene per far conoscere le nostre ricette che permettono di mantenere la genovesità”, conclude Roberto Panizza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: