Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Ludopatia – Passione sfrenata del gioco d’azzardo

di Pino Rosso

Il termine azzardo deriva dall’arabo e significa dado. Si gioca scommettendo sul  numero uscito. Lo stesso evento si può realizzare con corse di cavalli o cani; già gli antichi, sia gli adulti che i ragazzi, conoscevano bene il gioco degli astragali (ossicini di animali) usati come dadi, tirando quattro colpi.

I sacerdoti li usavano per fare profezie davanti alla statua del dio, anche gli eroi, come dimostrano le effigi sul vaso conservato nel museo Vaticano, rappresentanti Achille e Aiace che giocano ai dadi, ma anche Eros dio dell’amore usava passare il tempo giocando con Ganimede il coppiere degli dei Vinceva sempre perchè non rispettava mai le regole.

A Roma ,nonotante la lex tabularia (dell’epoca repubblicana), cercasse di limitarlo, si  giocava, anche Augusto ne rimase affascinato (pare abbia perso  in una sola partita con Nerone).  Il giro d’affari è enorme circa 85 miliardi.                                                                                                                                                                   L’Organizzazione Mondiale della Sanità da vari anni ha inserito la ludopatia tra le malattie. L’Italia comincia a prenderne atto, solo adesso e  il sistema sanitario nazionale dovrà garantire adeguate cure a questa patologia. La malattia colpisce il sistema di controllo degli impulsi e quando questo non è ben funzionante col tempo si sviluppa una vera e propria patologia con i segni della compulsività in una parola una vera e propria dipendenza.                                                                                                                                    Fattori che favoriscono l’insorgere della malattia sono: la vicinanza a luoghi di gioco o a persone che giocano abitualmente, il bombardamento pubblicitario e la velocità tra un gioco e l’altro. Il numero delle persone, colpite secondo indagine effettuate dall’ Organizzazione Mondiale della  Sanità, oscilla, nel nostro paese, tra 1,5% e 5 % della popolazione  (circa mezzo milione di persone). Sicuramente un numero enorme soprattutto per i risvolti sociali. Si inizia per divertimento poi si rinvestono i guadagni, infine si gioca per recuperare e si va alla rovina.                                                                                                   Per uscirne bisogna parlarne con i famigliari o ad un amico inutile fingere e fuggire o meglio ancora con l’Associazione giocatori d’azzardo.                                                     Interessante l’iniziativa portata avanti da alcuni gestori di bar di  rinunciare ad ospitare le macchinette. Dimostrano coraggio, tra l’altro possono perdere un introito di circa 1000 euro al mese. Spesso anche le Amministrazioni Locali vanno incontro a  questi locali abbattendo le tasse

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: