Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURAREGIONE

Maledetti Architetti – atto II

Dopo il grande successo dello scorso anno, questo fine settimana torna Maledetti Architetti, l’evento organizzato dal Comune e da Fondazione Ordine Architetti di Genova con l’obiettivo di raccontare la nostra città attraverso uno sguardo tra gli edifici più iconici del ‘900; Genova è nota soprattutto per la sua monumentalità, dai Palazzi dei Rolli, alle chiese barocche, alla particolarità del centro storico, mentre sono meno conosciute le numerose testimonianze che i principali architetti italiani hanno lasciato sul tessuto urbanistico della città. Maledetti Architetti si pone appunto l’obiettivo di mettere in luce gli edifici novecenteschi di altissimo pregio, che hanno reso inconfondibile il panorama e lo skyline genovese più recente e lo fa con l’ausilio di filmati monografici, visite guidate gratuite e mostre, che costituiscono una sorta di mappa ideale delle più pregiate architetture del secolo scorso; tutto il materiale realizzato sarà disponibile sui canali web e social del Comune di Genova.

“Questo è un evento importante che ha successo”, dichiara Francesca Corso, assessore al marketing territoriale del comune di Genova, “e la seconda edizione sta avendo molte prenotazioni. L’amministrazione ci tiene molto e ringrazio Maurizio Gregorini e la Fondazione Ordine Architetti; tutto ciò è molto importante per il marketing territoriale e permette di far conoscere strutture anche molto discusse. E’necessario far conoscere la storia di questi edifici e cosa rappresentano senza dimenticare le visite, i tour e le mostre; tutto ciò permette a turisti e residenti di conoscere palazzi che hanno fatto discutere. Si potranno scoprire ben 9 strutture attraverso eventi, tour guidati ed accesso libero; la manifestazione permette di discutere sulle strutture dei palazzi e creare un pensiero diverso a quello per cui Genova ha solamente i palazzi storici come quelli dei Rolli. E’necessario che la città permetta di conoscere queste strutture”.

Stessa soddisfazione da parte di Maurizio Gregorini, cultural manager del comune di Genova :”Il patrimonio di Genova è uno dei più ricchi in Italia ed è necessario dedicare un evento all’architettura del ‘900 genovese; ci saranno anche giri in battello ed eventi collaterali ormai già sold-out. Ringrazio le Assicurazioni SIAT ed Ediliziacrobatica dicendo che presso alcune location ci saranno spettacoli tra cui un percussionista presso la Darsena ed un’arpista a Castello Mackenzie; tutti gli eventi sono gratuiti ma occorre prenotarsi. Organizzare la prima edizione di questo evento è stato un rischio poichè non potevamo sapere se avesse successo ma c’è stata una comunicazione importante ed è andato tutto bene; dopo il primo giorno di apertura le prenotazioni erano praticamente sold-out e l’edizione numero due è altrettanto rischiosa perchè il pubblico sa già cosa sia. Non abbiamo una tipologia specifica di pubblico ma sono tanti i giovani; apriremo nuovamente alcuni edifici già visti nel 2021 perchè hanno avuto successo tra cui il Carlo Felice e Castello Mackenzie mentre altri sono una novità come il Grattacielo SIAT di Vietri a lato di Via XX Settembre, ancora poco conosciuto, senza dimenticare la visita esterna della Facoltà di Economia con la Darsena. Ci saranno edifici classici ed altri più nuovi senza dimenticare le mostre e gli eventi collaterali sul tema”.

“Con questo progetto è stato centrato l’obiettivo prefissato e c’è stato un grande sforzo per realizzare tutto”, prosegue l’architetto e fotografo Jacopo Baccani, “ma voglio ricordare che tutti i divulgatori sono stati formati presso l’Università di Genova. Sono tanti i modi per raccontare questo argomento coinvolgendo il pubblico; l’arte moderna va spiegata, contestualizzata e rimessa sotto la luce giusta. E’fondamentale avvicinare le persone al patrimonio architettonico genovese e noi siamo a disposizione per soddisfare una richiesta sempre più crescente di conoscenza”.

“La fondazione ha come scopo quello di diffondere la cultura architettonica e capire che alle persone piace scoprire le bellezze della propria città”, afferma Pierluigi Feltri, presidente della Fondazione Ordine Architetti di Genova, “e gli architetti di oggi accompagneranno i visitatori. Questo permette di capire gli edifici e la loro storia tanto che alcune strutture hanno già raggiunto il numero massimo di prenotazioni; la nostra realtà partecipa ad un bando del Ministero della Cultura pensato per le periferie. Il nostro obiettivo è quello di far conoscere le architetture genovesi e la nostra professione; è importante, attraverso le visite, conoscere gli edifici più importanti ed i capisaldi dell’architettura moderna. Abbinare questo evento all’apertura dei Palazzi dei Rolli è necessario perchè sono simili e l’architettura del ‘900 è molto importante; questo evento è un’ottima occasione per far conoscere il nostro lavoro e nuovi progetti”.

“La manifestazione in questione è importante perchè affine ai nostri obiettivi; facciamo ristrutturazioni ed un settore della nostra azienda si occupa dei monumenti. E’necessario dare valore agli edifici di pregio e per noi appoggiare questo evento significa far conoscere gli edifici in modo diverso da quello attuale; la nostra azienda è nata proprio a Genova e partecipare a tutto ciò è un legame in più con la nostra città”, conclude Francesco Pernici in rappresentanza di Ediliziacrobatica.

 

Per la prenotazione delle visite guidate : www.happyticket.it/

Programma dettagliato su : www.visitgenoa.it/maledetti-architetti/

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: