Please assign a menu to the primary menu location under menu

CRONACA

MARJUPOL – SAVONA – UN’AMICIZIA DA NON DIMENTICARE

“Si dice giustamente che i mari non dividono, bensì uniscono i popoli”, così inizia con il capitolo “La strada dell’amicizia” un libricino stampato nel 1984 a Donetsk nel Donbass, intitolato “Zdanov-Savona- i legami d’ amicizia di due città gemellate” .

Un titolo semplice, quasi scontato, ma che in questi terribili giorni di guerra assume un significato profondo e ci induce a riflettere. Possiamo noi aiutare in qualche modo Mariupol? Anche se l’assedio che la stringe si fa sempre più impietoso e tragico, vogliamo tentare di farlo? E’ giusto dimenticare quei saldi legami che all’epoca della pubblicazione duravano già da sei decenni?

Da giorni, appena scoppiata la guerra, volevo scrivere di questa città- martire, ma non avevo dati esatti per collocare l’inizio dei rapporti di gemellaggio tra i due porti lontani, uno del Mare di Azov, l’altro del Mare Mediterraneo. Ora, invece, ho la certezza che esso fu firmato il 12 ottobre 1979 a Zdanov e l’anno successivo a Savona , grazie al ritrovamento, nella mia biblioteca, di questa preziosa, piccola pubblicazione in cui, attraverso le parole dei due sindaci, A.M.Zazulja e Umberto Scardaoni, di Mario Vagnola, Presidente dell’Agenzia Marittima Galleano, dei due segretari dell’Associazione URSS-Italia e Italia- URSS , L.N.Shunin e Maria Grazia Piccardo, si ripercorre un cammino fatto di forti legami commerciali, divenuti poi di collaborazione e amicizia. Prima che lo scenario politico internazionale cambiasse con la caduta dell’URSS e le navi di Zdanov, nel 1989 tornata al suo nome storico, smettessero di attraccare al porto savonese, nel frattempo diventato un polo crocieristico di primo piano.

Al di là della scontata retorica sovietica di quegli anni, ritorna di estrema attualità quanto scritto nel documento relativo al gemellaggio: “Ci unisce non solo il ricordo delle pesanti prove toccate ai cittadini di Zdanov e di Savona negli anni della Seconda Guerra Mondiale ma, cosa fondamentale, la volontà, grazie agli sforzi comuni dei popoli di tutte le nazioni, di supportare la causa della pace, di rafforzare la solidarietà internazionale, di non permettere che accada una catastrofe termonucleare”.

Le prime navi della flotta del Mar di Azov erano giunte da noi già nel 1924 con il loro carico di carbone e nello stesso anno la Rappresentanza commerciale sovietica in Italia aveva proposto all’agenzia marittima “Agostino Francesco Galleano” di fungere da agente marittimo delle navi sovietiche dirette a Savona. Tre anni dopo Galleano divenne anche spedizioniere del carbone estratto in Unione Sovietica. Con gli anni (intanto nel 1966 Mario Vagnola era subentrato a capo dell’Agenzia Galleano) il principale indirizzo della flotta del mare di Azov, fra le più antiche e importanti realtà marittime dell’URSS, era ormai quello del trasporto in container , e Savona il porto più frequentato dalle sue navi.

Che i rapporti tra le due città non fossero solo strettamente commerciali, posso testimoniarlo di persona: poiché all’epoca insegnavo lingua russa all’Associazione Italia-URSS, ricordo bene le frequenti visite alle navi di Zdanov, dove venivo inviata insieme ai miei allievi e a Maria Grazia Piccardo. Si trattava di allegre serate conviviali, in cui finalmente si aveva la possibilità di praticare la lingua, aiutati anche da frequenti brindisi con la vodka e da abbondanti tartine di caviale, per noi un cibo esotico e costoso. Una volta mi fu anche regalato un vocabolario di lingua ucraina che ancora conservo. Non mancavano poi altre iniziative per mettere in contatto i marinai con gli abitanti di Savona e far loro conoscere la storia e le bellezze cittadine.

Se queste visite erano assolutamente informali (ma sempre sotto l’attento controllo del commissario di bordo), fra le città gemellate venivano organizzate manifestazioni ufficiali, che comprendevano incontri istituzionali, conferenze, reciproci doni,ad esempio di opere ceramiche e di artigianato locale, concerti, mostre di artisti locali. Una, di opere provenienti da Savona, portata a Zdanov dalla nave “Konstantinovka”, ebbe un grande successo e fu poi esposta anche nella vicina Donetsk . Fra gli anni 1960-70 nella città sul mar di Azov vennero costruiti alcuni cinema-teatro, ed uno di questi, ancora esistente e di recente rimodernato, ebbe il nome “Savona”.

Nel 1981 una delegazione del Comune, guidata dal professor Dante Luciano, assessore alla cultura, compì una visita ufficiale a Zdanov allo scopo elaborare un progetto di collaborazione per gli anni successivi. Lo testimonia una fotografia in bianco e nero in cui egli compare insieme ai membri del consiglio municipale della città gemellata, mentre un’altra immortala i sindaci Zozulja e Scardaoni, mentre firmano , a Savona, il protocollo d’intesa del gemellaggio.

Molti anni sono ormai trascorsi, durante i quali i mari non ci hanno più unito, ma non per questo dobbiamo dimenticare l’amicizia di un tempo, che solo circostanze storiche e commerciali hanno allentato, se non temporaneamente interrotto.

Spero che anche il sindaco di Mariupol possa un giorno fare la dichiarazione che quello di Odessa ha rilasciato ieri al TG1, e in cui egli ringraziava di cuore la città gemellata di Genova per gli aiuti loro inviati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: