Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Pegli Freestyle Show 2022, Regione Liguria patrocina la due giorni pensata per i ragazzi affetti da disabilità

Torna dopo tre anni di stop il Pegli Freestyle Show, con le evoluzioni del motocross rider Vanni Oddera e da quest’anno con tanti altri sport che daranno modo a tutti, anche ai ragazzi affetti da disabilità, di sperimentare diverse attività. Tutto ruota intorno al concetto di “mototerapia” di Oddera, allargato poi anche alla mountain bike, al jet-sky di Manuel Reggiani così come alla barca a vela e al go-kart, tutte attività sportive che saranno praticate in un weekend carico di adrenalina, sorrisi e sano divertimento dove il comune denominatore sarà quello di mettere a disposizione di chi è meno fortunato la propria passione per far vivere momenti di spensieratezza a tutti, nessuno escluso. Protagonista indiscusso di questa manifestazione è Vanni Oddera, pilota savonese che da ormai vent’anni gira il mondo facendo acrobazie sulla sua moto da cross e che ha deciso di mettere il suo talento a disposizione dei meno fortunati attraverso la mototerapia, attività dove bambini e disabili possono provare l’euforia di salire in sella col campione ed il suo seguito di grandi sportivi per trascorrere qualche ora di puro divertimento. Parte integrante di questa manifestazione, che si terrà sabato 14 e domenica 15 maggio all’Arena degli Artisti e Parcheggio di Molo Archetti di Pegli, non saranno solo Vanni Oddera e gli sport adrenalinici, ma anche la musica con la famosa band dei Buio Pesto che terrà sabato dalle ore 21 un concerto gratuito. Questo evento ha anche il pregio di pensare all’ambiente ed è per questo motivo che l’organizzazione, in collaborazione con AMIU, ha abbracciato la filosofia di riduzione della plastica eliminando i contenitori usa e getta in materiale plastico. I bicchieri riutilizzabili, che possono considerarsi un vero e proprio gadget, verranno forniti con cauzione (si raccomanda anche l’utilizzo di mezzi pubblici per arrivare a Pegli). L’Evento è raggiungibile tramite bus AMT (linea 1, n2 – fermate: Lungomare Di Pegli / molo archetti), Treno (stazione FS di Genova Pegli), mentre sarà possibile parcheggiare in via Cassanello, via Opisso, Traversa Ronchi Ponente e via al Porto Petroli; per le associazioni e le famiglie di portatori di disabilità sarà riservato un parcheggio nell’area dell’evento (Parcheggio Molo Archetti).

“Ho iniziato il mio lavoro di assessore allo sport quando lo sport era fermo”, dichiara l’assessore regionale allo sport Simona Ferro, “e l’attività sportiva ha molto valore soprattutto per i disabili poichè è una sorta di terapia che aiuta a superare i propri limiti. Lo sport fa superare i propri limiti ma può essere anche una cura terapeutica come è stato per Francesco Bocciardo e Vanni Oddera è un campione di motocross che mette a disposizione dei disabili la sua professionalità; sabato e domenica ci saranno diverse attività tra cui il motocross e la mountain bike con un importante messaggio di condivisione degli spazi. L’evento sarà anche plastic free con una particolare attenzione all’ambiente; saranno consegnati bicchieri dietro una cauzione e per riavere i soldi occorre restituirli e sabato 14 alle ore 21 i Buio Pesto saranno presenti per rallegrare tutti gli intervenuti”.

Parole simili da parte del Dottor Carolo Doufur, dirigente reparto ematooncologico dell’istituto Gaslini :”Lo sport ha in sè un valore importante e mi piace vedere Vanni Oddera che gira in moto nelle corsie degli ospedali rendendo i bambini felici; i piccoli pazienti che svolgono attività di questo tipo hanno dei benefici nell’affrontare percorsi difficili ed è fondamentale portare segnali di questi tipo dimostrando che la vita fuori dall’ospedale continua”.

“Lo sport, l’arte e la musica uniscono ed includono”, afferma Vanni Oddera, “ma abbattono anche le barriere. La mototerapia migliora la qualità della vita e sono contento che questo evento possa riprendere; domenica saranno a Genova più di 500 bambini disabili ed io salterò appaiato a piloti stranieri. Ringrazio gli organizzatori che credono all’inclusione e la regione appoggia questo evento da dieci anni; la mototerapia mi porta a mettere la mia passione al servizio degli altri. Mettiamo i ragazzi nelle aree dove saltiamo, li rendiamo partecipi e li portiamo in moto con noi; porto con me ogni tipo di disabilità perchè con noi non esistono barriere”.

“Lo sport trasmette un importante segnale di inclusione”, sottolinea l’assessore regionale alle politiche sociali Ilaria Cavo, “ed è un bellissimo segnale per i bambini e le famiglie che permette loro di stare insieme con lo sport che include. In questi due giorni ci sarà tanti divertimento in nome dello sport inclusivo rendendo importante la presenza delle associazioni; questo è un evento radicato con un grande seguito che trasmette un grande segnale. La regione è presente e ci crede”.

“Ho sposato questo progetto con orgoglio perchè aiutare gli altri mi fa stare bene; per questi ragazzi andare in moto è una gioia immensa”, conclude un amico e collaboratore di Vanni Oddera.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: