Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Poste italiane un grande disservizio

 

Ritirare una raccomandata all’ufficio postale ,è diventato un calvario nel vero senso della parola,  la prima falla è  quella che il  postino consegna le raccomandate  al mattino (10,00-11,00) quando le persone non sono a casa a fare i ravioli o dare la cera per terra, ma sono a lavorare, quindi perché non programmare la consegna al ‘ora di pranzo quando in molti rientrano nella pausa?  invece  il postino lascia l’avviso di riscossione, che indica che tali raccomandate possono essere ritirate solo dopo tre giorni dal ricevimento dell ‘avviso,  aggiungiamo a questo disguido , il fatto che recarsi in posta significa perdere un’ enorme  quantità di tempo, colpa delle code interminabili  di persone. Nella mattinata di martedì 15 novembre, sono entrato nell’ufficio postale di Corso Tardy & Benech a Savona, alle ore 8:50 e sono uscito alle ore 10:20, davanti a me vi erano solo 6 persone, quasi tutte si   sono fermate allo sportello per 15/20 minuti, vi erano solo due sportelli funzionanti con due operatori, piuttosto lenti peraltro, dopo un’ora di attesa, io come tante altre persone abbiamo cominciato a perdere la pazienza , chiedendo di parlare con un responsabile, al quale abbiano fatto presente, che su 5 sportelli  solo 2 erano operativi e che  non era possibile attendere così tanto tempo (una mezza mattinata) per il ritiro di una raccomandata. Sarebbe più logico mettere uno sportello ,destinato alla sola consegna delle raccomandate ,così da evitare di perdere tanto tempo, trascurando il proprio lavoro ed i propri impegni. Dovrebbe essere un servizio all’utente, invece è un puro disservizio,  ma sembra che il problema non interessi molto a Poste italiane, per concludere il discorso dico,  che la  raccomandata che mi  era stata inviata era  una notifica  da parte del Comune di Sapona il quale  mi multa per aver fatto 62,12 km ,invece che 60 Km come il limite previsto , totale da pagare  €. 69,47  che  a parer mio è un vero furto per soli 2 km..In un momento in cui soldi nelle tasche degli italiani sono sempre meno, ormai gli automobilisti sono polli da spennare , il comune dovrebbe pensare anche ad altre cose, invece pensa solo ad arricchire le casse comunali, noi italiani, come cita il famoso detto “sono brava gente” giustamente ci lamentiamo, ma continuiamo a pagare come banche, sperando ancora per poco. !!!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: