Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Presentato il piano di investimenti legato al PNRR nel settore sanitario

Grande successo per l’incontro di presentazione del piano di investimenti legato al PNRR nel settore sanitario.

“La rete degli ospedali di comunità sarà un importante tassello di investimenti fino al 2026 ed i fondi saranno soggetti alla tagliola dell’Unione Europea”, dichiara il presidente Giovanni Toti, “e saranno inglobati nella riforma sanitaria con l’accordo ex articolo 20 riguardante l’edilizia sanitaria. La ristrutturazione della rete territoriale sanitaria è importante e bisogna evitare l’uso improprio del Pronto Soccorso dando soddisfazione alle persone per i bisogni sanitari visto che le case e gli ospedali di comunità sono importanti; ci saranno 18 ore per i medici di base e le disfunzioni legate alla sanità territoriale dovute al Covid saranno un brutto ricordo. 79 milioni saranno destinati alle case di comunità, agli ospedali ed al potenziamento della rete diagnostica senza dimenticare la digitalizzazione; al più presto avremo le voci di spesa in bilancio per le gare ed entro fine anno verranno affidati i cantieri che saranno avviati il prossimo anno. I tempi sono stretti ma non ci sarà un depauperamento del territorio ed i sevizi si integreranno; la sanità territoriale sarà più forte ed i servizi saranno creati in base ai bisogni delle persone. In giunta abbiamo portato un piano di rafforzamento della medicina territoriale per 80 milioni destinati agli ospedali ed alle case di comunità ed alle centrali operative territoriali senza dimenticare 25 milioni per il rinnovo del parco tecnologico; il primo pezzo degli investimenti sanitari dei prossimi anni sarà unito all’edilizia sanitaria. Questo è il primo grande passo per una nuova sanità”.

Stessa soddisfazione da parte del coordinatore della Struttura di Missione per la Sanità Giuseppe Profiti :”La creazione della rete territoriale è importante così come il piano sociosanitario regionale legato alle strutture territoriali tra cui gli ospedali e le case di comunità come luoghi fisici; le strutture saranno riempite con regole diverse ed il capitale umano assicurerà le risposte necessarie. La nuova rete territoriale coinvolge le strutture pubbliche e disegna il nuovo ruolo dei medici di base; verrà disegnata una nuova rete degli ospedali che sarà completata entro il 2026. Occorre portare risposte dove nasce il bisogno ed il nuovo sistema ha bisogno di adattamenti; gli ospedali di comunità avranno posti letto a bassa intensità sanitaria e per la riabilitazione post-acuti che è molto importante. La fine del processo di analisi porta ad una valutazione territoriale tra il 2022 ed il 2024 quando avremo un piano sanitario regionale; la rete territoriale prevede strutture ospedaliere e case di comunità per le prime risposte collegate alle centrali operative territoriali. Le strutture avranno regole diverse per assicurare le risposte necessarie ed anche i medici troveranno risposte alle loro domande; sarà presente un’importante diagnostica strumentale di alta tecnologia negli hub ospedalieri con una rete che acquisirà i dati sanitari dei pazienti. L’integrazione socio-sanitaria e le case di comunità sono la risposta giusta ai bisogni sanitari e gli ospedali a gestione diretta pubblica saranno importanti; altrettanto degni di nota sono i diversi servizi a seconda del bacino di utenza”.

“Vi sarà una rivoluzione territoriale composta da quattro pilastri ed un potenziamento organizzativo; avremo 33 case di comunità, 11 ospedali e 16 centrali operative territoriali. Le case di comunità sono state create in base ad attente valutazioni dei bisogni pensando soprattutto alla costa e all’entroterra tra cui la Valbormida; avremo un finanziamento di più di 79 milioni per le spese strutturali coinvolgendo le centrali operative che coordinano le strutture e danno risposte”, conclude il direttore generale di Alisa Filippo Ansaldi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: