Come resistere al CoronavirusCultura e MusicaL'arte dell' Eco

Raffaele Arecco, dalla Terra allo Spazio

Come resistere al Coronavirus? Resisteremo, ritorneremo alla nostra normalità, che non considereremo più lo stato mediocre della nostra esistenza, ma la situazione abituale e naturale della nostra vita, coi nostri affetti, con le nostre piccole certezze, con tutte le occasioni cui non facevamo caso, come solo prendere un caffè, che adesso ci sono impedite, come aspettare i nostri fratelli e cognati a pranzo la domenica, adesso un vero sogno…è la mancanza di esse che ci fa sentire quanto, nelle loro semplicità, esse siano importanti, esse siano noi stessi…

Per intanto pensiamo davvero alle cose belle, interessanti, coinvolgenti che ci aiutano a passare questi giorni di angustie ed a “pensare positivo”…

Prima che iniziasse il periodo di chiusura totale di tutto, compresi musei e mostre, a Celle Ligure, sabato 22 febbraio scorso, Isabella Carabelli, la vedova del pittore Raffaele Arecco, prima di ritirarsi definitivamente a Milano, sua città natale, ha voluto far dono al Comune di Celle, di undici quadri di Arecco (1916-1998) perchè Celle possa onorare degnamente la memoria di questo suo illustre concittadino. Ora i lavori sono custoditi negli spazi del Palazzo Comunale. Raffaele Arecco attende ancora un riconoscimento che metta in giusto rilievo la sua opera; artista complesso, iniziò con una veduta naturalistica per passare poi ad una tendenza metafisica, o ad un espressionismo personalissimo, se lo vogliamo scorgere nelle sue figure di contadini e di pescatori curvi a cogliere i frutti della terra e del mare duramente attinti, talvolta ad un astrattismo geometrico enigmatico, molto “novecentesco”, per poi approdare ad una visionaria e profetica idea dell’uomo nello spazio, considerato in una situazione dell'”imponderabile”, in cui, abbandonata la terra dove fatica sempre più a trovarsi, stretto nella morsa di una lotta primordiale, stenderà forse un’ala verso un Assoluto che conoscerà meglio, ormai stabilitosi  in una dimensione ad esso più prossima; una sua originale concezione “spazialista”, maturata a seguito dei viaggi nel cosmo,  che unisce filosofia, scienza, arte…e comunque Arecco, nel Paradiso degli Artisti dove si trova, per ciò che ho scritto mi guarderebbe un po’ dubbioso e non molto convinto, comunque con un’amichevole pacca sulla spalla di apprezzamento del mio sforzo, con il lampo dei suoi occhi di un verde incredibile…

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: