Attualità

Riaperture si, riaperture no: proteste di baristi, ristoratori, parrucchieri

L’ Assessore regionale al turismo, Gianni Berrino,  si esprime  in merito alla manifestazione che il prossimo 28 aprile avrà luogo in molte località liguri e italiane in modo simbolico: alle 21.00 le luci di bar e ristoranti si accenderanno e, alla presenza dei soli titolari, verrà simulata un’apertura serale, sperando che la legittima protesta di ristoratori e baristi non venga vietata, perchè per andare ad accendere le luci dei loro locali, devono uscire di casa e cosa scrivono sull’autocertificazione?

“Quella del prossimo 28 aprile sarà una manifestazione fatta con grande dignità, rispetto delle regole imposte e che io appoggio totalmente perché il turismo è il settore più colpito dall’emergenza sanitaria e allo stesso tempo anche il più trascurato dal Governo vista la permanente assenza del ministro Franceschini”.

Così afferma Berrino, che prosegue: “La preoccupazione dei titolari, ma anche dei lavoratori dei pubblici esercizi, è comune a quella di albergatori, balneari e delle tante professioni legate in special modo al turismo.  Preoccupazione dovuta oltre al non aver nessuna certezza su quando la stagione potrà, almeno in parte, incominciare, alle regole che verranno messe per permettere le aperture. Come Regione faremo il possibile per dare risposte concrete, come già stiamo facendo per esempio con i bonus per aiutare le aziende ad assumere il personale necessario”. 

“All’inizio della settimana prossima, in accordo col presidente Toti, sarà convocato un primo tavolo di confronto con le categorie per la cosiddetta ‘Fase 2’. Le regole e le limitazioni per forza di cose ci saranno ma dovranno essere di buon senso, non comportare spese esagerate e limiti insostenibili permettendo agli esercenti di lavorare e ai clienti di godere al meglio del loro aperitivo, della loro cena o della loro vacanza”.

In controcanto il PD regionale critica l’ordinanza di Toti e così dichiara in una nota:

“L’ordinanza di Toti, ancora una volta, genera solo confusione e caos. A questo punto nessuno riesce a capire quale sia la norma a cui fare riferimento: se quella regionale o più ragionevolmente il Dpcm del Governo. Un’ordinanza analoga della Regione Lombardia è stata appena impugnata dal Tar”.

“L’unica certezza è che grazie a quest’ennesima trovata elettorale della Giunta in piena emergenza a pagarne le conseguenza saranno i liguri. A cominciare da chi è chiamato ad applicare le norme e che oggi si trova in forte imbarazzo come gli operatori di pubblica sicurezza e i sindaci, che in diversi casi stanno stanno adottando ordinanze più restrittive che rinviano ai Dpcm. I cittadini invece rischiano di prendere multe a raffica”.

“Se Toti avesse davvero voluto dare una mano al sistema produttivo ligure avrebbe dovuto lavorare su due elementi di stretta competenza regionale e determinanti, in preparazione dalla fase 2, prevista a partire dal 4 maggio: profilassi e mobilità e quindi sanità e trasporti. Da una parte, infatti, è fondamentale garantire che coloro che torneranno al lavoro tra una settimana siano negativi al test e dall’altra che il sistema di trasporto pubblico sia pronto ad accogliere i pendolari e non vada in tilt”.

“Toti non ha fatto nulla di tutto questo”.

Comunque sia le premesse dei provvedimenti nazionali sia le direttive regionali  presentano contraddizioni ed ambiguità e, in taluni casi, diffondono scontento; ad esempio il settore di barbieri, parrucchieri ed estetisti, che potrà ricominciare a giugno; qualche operatore  lamenta di non farcela ad arrivare sino a quella data, ma anche gli utenti, come ci arriveranno? Le signore sono più abituate ma i signori, si dovrà diventare dei “rasta”?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: