AttualitàCronacaPolitica

Riflessioni sulla Quaresima

Riceviamo e pubblichiamo un testo dell’esponente cattolica torinese Angela Ciconte.

Personalmente non sono contro la figura del Papa in quanto Capo della Chiesa, ma non posso far finta di nulla nel vedere il chiaro abuso di potere in atto in questi ultimi anni, che hanno generato solo confusione

A
Angela Ciconte

e divisione. La Bibbia ci insegna che dai frutti si riconosce l’albero, e se i frutti di questo pontificato hanno generato l’attuale caos, di sicuro bisogna porsi almeno alcune domande. Essere Cattolici non significa essere pecore con l’intelligenza di una gallina, ma come ci è stato insegnato nella Bibbia, dobbiamo essere astuti come serpenti e puri come colombe, perchè se siamo pecore che non riconoscono la Voce del Buon Pastore, rischiamo di smarrirci e venire sbranate (in questo caso non dal lupo cattivo ma dal demonio) che come leone ruggente va in giro cercando chi divorare. La Bibbia ci insegna anche che il Buon Pastore è Gesù, e dice ancora “Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei”. Allora mi domando, come mai in questo momento storico, molti Cattolici non riconoscono più la voce del Buon Pastore e vedono solo la grande desolazione? Quella stessa desolazione che tutto il mondo ha potuto tristemente osservare in TV durante la preghiera del 27 marzo in una Piazza San Pietro completamente vuota (anche se purtroppo in questo strano pontificato quella stessa Piazza, Centro del mondo Cattolico, è andata lentamente ed inesorabilmente sempre più svuotandosi). Durante la “supplica” in difesa dal coronavirus, fatta dal Vescovo di Roma, la maggioranza dei cattolici ha anche gridato al “miracolo” vedendo in cielo (inquadrata dalla telecamera) una forma che poteva vagamente somigliare alla sagoma della Madonna, senza sapere però che ove c’E’ Suo Figlio Lei (come sempre) rimane in disparte. Non è mai protagonista ma Mamma Amorevole che richiama i suoi figli verso Suo Figlio, ma se Suo Figlio è presente, Lei di certo non gli “ruba la scena”. E l’esultanza di molti cattolici che hanno visto un miracolo ove il Miracolo non poteva esserci è il chiaro “segno dei tempi” che indica come l’emotività oggi superi la Fede. Il Cattolico moderno, più che l’Incontro intimo con il Suo Creatore, anela agli “effetti speciali” di cui la TV li ha abituati. Ma il Signore non ha bisogno di “effetti speciali” ne’ di comunicare “via etere” (anche perché saprebbe veramente fare di più e meglio) ce lo ha dimostrato con la Sua Risurrezione e ce lo dimostrerà un’ultima volta con il Suo Trionfale Ritorno. Altra nota tristissima di cui pochi si sono accorti, è aver visto cadere una fitta pioggia battente sul preziosissimo Crocefisso Miracoloso rimasto senza riparo, che aveva salvato Roma dalla peste ma non è stato a sua volta salvato dall’essere rovinato. Noi Cattolici abbiamo ancora nel cuore la potenza del Pontificato di San Giovanni Paolo II che ha guidato il popolo di Dio nella Via della Fede. In ventisei anni di Pontificato mai si è creata la minima divisione, il minimo dubbio, ma ha sempre messo al Centro Dio e la Sua Parola. Seppur nell’era moderna, ha portato Cristo anche nei cuori dei più giovani, in migliaia lo hanno seguito nelle GMG indimenticabili in cui sono stati rapiti dalla Bellezza di Dio. Con la memorabile frase “Non abbiate paura, aprite, anzi spalancate le porte a Cristo” è chiaro che se oggi fosse al soglio di Pietro, certamente non avrebbe MAI permesso che le porte delle Chiese fossero chiuse alle funzioni religiose. Anzi! Le avrebbe sicuramente spalancate alla Grazia ed all’Azione di Cristo Unico Salvatore. Chi ha Fede in Dio, antepone la salvezza dell’anima alla salvezza del corpo perché la prima è Eterna, mentre il secondo è corruttibile ed il suo destino certo è la morte. Compito della Chiesa è la salvezza dell’anima, non del corpo, anche perché la carne e lo Spirito hanno desideri opposti, quindi è molto strano vedere oggi una Chiesa che tenta di salvare la vita terrena alle persone “abbassando” il loro Ministero e trasformandolo in simil-sindacalisti o simil-assistenti sociali, rinunciando di tenere Fede alla propria Missione Sacerdotale che gli è stata affidata direttamente da Dio e non permettendo che la Potenza dell’Eucaristia possa produrre tutti i Suoi Effetti in ogni esistenza umana. Il Sacerdote ha la possibilità di dare una testimonianza di Fede nella Nuova Presenza scaturente da ogni Consacrazione che muta pane e vino in Corpo e Sangue del Signore ed ha il Compito di CONSACRARE “il Dono per Eccellenza” che è l’EUCARESTIA. E’ forse stato dimenticato che: “Ogni volta che il Sacrificio della Croce col quale Cristo, nostro Agnello Pasquale, è stato immolato (1 Cor 5, 7) viene celebrato sull’altare, si effettua l’Opera della nostra Redenzione. E INSIEME, col Sacramento del Pane Eucaristico, viene rappresentata e prodotta l’UNITA’ dei fedeli, che costituiscono un solo corpo in Cristo” (cfr 1 Cor 10, 17). Se la Chiesa ricordasse che l’Eucarestia ci è stata Donata nell’Ultima Cena mai avrebbe permesso che fosse tolta ai suoi fedeli in questa nefasta Quaresima privando il popolo di Dio del Nutrimento dell’Anima per il quale Dio stesso ha chiesto a Suo Figlio Gesù il Sacrificio sulla Croce. Prima ed ultima Pasqua, nella prima ci viene Donato il Corpo Eucaristico, nell’ultima ci viene Tolto…
Purtroppo, tutto questo pontificato sembra contrapporsi agli insegnamenti fin’ora dati dalla Chiesa stravolgendo il Magistero stesso. Tutto sta avvenendo ad una velocità e rapidità tali da non lasciare quasi il tempo di vederne la violenza ed i danni che ne conseguono. Solo la Tribolazione (appena iniziata e per la quale non siamo pronti come ci ha detto a luglio la Madonna di Medjugorie) potrà purificarci da tanti errori e solo la Sua Venuta Gloriosa potrà chiudere definitivamente satana all’inferno che ora è libero, sciolto dalle catene. Come si può rimanere in silenzio davanti a tutto questo?
Vorrei ricordare in ordine sparso, alcune cose fatte dal Vescovo di Roma, che hanno il sapore amaro del modernismo (svuotamento delle Verità Teologali) e per le quali in tanti percepiscono un attacco alla Chiesa:
ha dichiarato che non esiste un Dio Cattolico, ha negato l’esistenza dell’inferno presupponendo che le anime scompaiano ed ha dichiarato che Dio si è fatto diavolo. Alla Messa iniziale del Sinodo dei Giovani si è presentato con l’inquietante simbolo di un bastone a forma di corna. Ha sempre citato la Misericordia di Dio senza ricordarne la Giustizia. Ha introdotto la statua di Lutero in Vaticano e vi ha introdotto anche la pachamana, idolatrando una dea a cui si sacrificano i feti (facendola anche ripescare dal Tevere dove un Fedele l’aveva gettata perché giustamente inorridito per quanto avvenuto). Si è prostrato davanti alla “madre terra” ed ai piedi dei leader del Sudan (musulmani) senza mai inginocchiarsi davanti il Santissimo Sacramento, non riuscendo nemmeno mai ad impartire la Benedizione ai fedeli con il Segno della Croce, ma preferisce augurare buongiorno, buona sera o buona cena (come è capitato nel suo messaggio di venerdì scorso, non sottolineando ad esempio l’importanza dell’astinenza dalle carni o dei pasti frugali in quanto venerdì di Quaresima).
Ha firmato con l’islam un documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune (questo non è rinnegare Cristo?) ma non ha mai smesso di “bacchettare” i Cattolici. La sua attenzione è sempre rivolta per l’accoglienza degli immigrati (musulmani) senza provare nessun dolore per i Cristiani perseguitati nelle terre ove non riescono nemmeno a fuggire perché vengono uccisi prima. Pensa solo ai poveri economici senza mai preoccuparsi dei Poveri in Spirito che hanno fame e sete del Corpo di Cristo e della Sua Parola “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.” Non ha mai risposto ai Dubia che quattro Vescovi Fedeli e Timorosi di Dio gli hanno posto. Ha detto che ci si può autoassolvere (sarà poi vero che si possa fare?) senza ricordare che ai moribondi basterebbe la recita della Coroncina della Divina Misericordia di cui San Giovanni Paolo II era devotissimo. E’ assurdo che non vengano portati i Sacramenti ai moribondi (abbandonandoli a morire in solitudine senza nemmeno il conforto Spirituale). Sono stati sospesi anche i Sacramenti del Battesimo e del matrimonio. Ha fatto chiudere tutte le Chiese di Roma per poi farle riaprire il giorno dopo accusando altri di tale decisione; è stato anche pubblicamente smentito (le bugie non si dicono perché è peccato). Parla a lungo con Scalfari e cita ciò che dice Fazio, ma non nomina mai il Dio che rappresenta ricordando le Sue parole. Chiede di abbattere muri ma li alza nei confronti di politici italiani chi non gli piacciono, ricevendo poi chi invece è di suo gradimento (in tempo di coronavirus) senza tra l’atro rispettare la distanza di sicurezza. Purtroppo non si è limitato a deviare solo il messaggio di Gesù, molte volte ha anche descritto in modo “strano” la sua Amatissima Madre chiamandola ad esempio postina o donna come tutte le altre, o addirittura “influencer” di Dio (in realtà è Madre della Chiesa, quindi dovrebbe al limite essere “influencer” dei fedeli che ne fanno parte). Nella predica in Santa Marta di questo tre aprile, ha detto che la Madonna non è Regina ed ha ripetuto che è una donna come tutte le altre, aggiungendo che per quanto è successo a Gesù sulla Croce, secondo lui i “cattivi” hanno pensato “la colpa è di Sua Madre perché non ha saputo educarLo”. Secondo questo Vescovo di Roma, sotto la Croce, Maria si è lamentata con Dio perché non avrebbe rispettato nelle Sue promesse (il Figlio doveva essere Re, non morire in Croce). Il giorno dell’Immacolata del 2015, sulla facciata del Vaticano sono state fatte scorre immagini di animali anziché immagini della Madonna (come era giusto che fosse) anticipando così al mondo intero la sua preferenza al creato rispetto al Creatore e Sua Madre. Non vuole dichiarare il Dogma di Corredentrice, liquidando un discorso importantissimo con la seguente banale riflessione “La Madonna non è corredentrice, non condivide dunque con Gesù la potestà di redimere l’umanità dal peccato, e non serve perdere tempo con nuovi dogmi che stabiliscono nuovi titoli”. Come si può pensare di non dare questo Contributo a Colei che ha Donato la Vita a Gesù? Forse non baserebbe solo questo per darLe di Diritto questo Prezioso Titolo? Tale avversione è chiaramente in contrapposizione a quanto Maria durante le Sue Apparizioni ha richiesto in Olanda alla veggente Isje (Ida) Johanna Peerdeman, la quale ha visto la Madonna la prima volta all’età di 12 anni proprio il 13 ottobre 1917 (lo stesso giorno dell’ultima apparizione di Fatima in cui si verificò il Miracolo del Sole). Nell’ultima Apparizione ufficiale a questa veggente invece, la Vergine mostrò il globo terrestre dal quale emergevano innumerevoli teste umane di tutte le razze, e l’Apparizione si concluse con la visione dell’OSTIA CONSACRATA (di cui oggi ci privano) da cui si irradiava una grande Luce, mentre una voce diceva: “Chi mangia e Beve Me, ottiene la VITA ETERNA e riceve lo SPIRITO di VERITA’”. Queste Apparizioni sono state approvate ufficialmente dalla Chiesa nel maggio del 2002 ed è proprio in queste Apparizioni che la Madonna ha chiesto esplicitamente un nuovo Dogma, quello che dovrà attribuirLe il titolo di “Maria Corredentrice, Mediatrice e Avvocata”. La Signora di Tutti i Popoli promette solennemente che “Ella salverà il mondo sotto questo titolo” (20.03.1953); “per mezzo di questa preghiera libererà il mondo da una grande catastrofe mondiale” (10.05.1953). Spiega inoltre come farà: “Quando il dogma, l’ultimo dogma della storia mariana, sarà proclamato allora la Signora di Tutti i Popoli donerà la Pace, la vera Pace al mondo. I popoli però debbono recitare la mia preghiera in unione con la Chiesa” (31.05.1954). Questo dogma permetterà all’umanità di entrare in un nuovo tempo, in una nuova epoca, l’epoca dello Spirito Santo. Quando avverrà questo incoronamento di Maria, il demonio verrà sconfitto. Maria ha anche descritto le violente opposizioni e i contrasti che si sarebbero scatenati attorno al dogma ed ha profetizzato: “Sarà una lotta per la vita o per la morte, ma alla fine lo Spirito vincerà” (25.03.1972).
Bisogna anche sapere che San Giovanni Paolo II ha usato il titolo di Corredentrice almeno in sei occasioni durante i suoi discorsi, e lo ha fatto anche Papa Pio XI prima di lui. Altri Santi hanno dato una forte testimonianza a favore del titolo di Maria Corredentrice: San Pio da Pietrelcina, Santa Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein), San Leopoldo Mandic, San Massimiliano Kolbe e Madre Teresa di Calcutta sono i più conosciuti, ma ce ne sono molti altri che ne hanno sostenuti il Dogma. Partendo dal presupposto che San Giovanni Paolo II era un fautore di questo Dogma mi permette di asserire con certezza (in quanto detto da un Santo) che tra le due ipotesi (il NO del Vescovo di Roma) ed il SI del Santo, sono certa che seguendo il pensiero di un Santo, di sicuro non si sbaglia.
La cosa più triste ed inspiegabile è che purtroppo il picconamento al Magistero della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, continua implacabile proprio da parte di chi dovrebbe essere il Suo Vicario in terra, ed avviene con sempre maggior chiarezza (se mai ce ne fosse bisogno) arrivando a dichiarare pubblicamente ciò che ciechi e sordi non vogliono vedere ne’ sentire. Eppure è proprio lui che ha confermato di NON essere il Pontefice. E’ notizia di due giorni fa, che sulla nuova Edizione del 2020 dell’Annuario Pontificio (il volume ufficiale dell’organigramma completo della Santa Sede dove appare l’elenco dei titoli propri del Romano Pontefice) ove il Papa è sempre stato nominato: Vicario di Cristo, Successore del Principe degli Apostoli, Sommo Pontefice della Chiesa Universale, Sovrano dello Stato della Città del Vaticano e Servo dei Servi di Dio. Purtroppo (come è suo solito fare) con un “colpo di spugna” ha annullato secoli di tradizione (come se tutti gli altri Papi non fossero stati illuminati dallo Spirito Santo) ufficializzando ora la sola dicitura “Vicario di Cristo” . Peccato (ed in questo caso non solo in senso lato) che i canonisti interpellati siano tutti d’accordo nel confermare che il Papa non possa rinunciare al titolo di Successore degli apostoli, ne’ di essere Vicario di Cristo in quanto non sono solo titoli giuridici, ma hanno un carattere teologico.
L’attuale inganno in tempo di coronavirus, sta nel fatto che ci viene detto (e tanti accettano) che la Messa si può seguire dalla TV, peccato che non viene però spiegato che questo è valido solo per i malati veri (non per quelli ipotetici) e la Comunione Spirituale (dicendo la formula completa, non “mozzata” come avviene sui canali RAI) è da considerare solo per motivi di salute reali, non per paure alle quali si può trovare una giusta soluzione. È stato ampiamente dimostrato che per vizi e beni corporali sono stati trovati i modi per “ovviare al problema” del pericolo contaminazione, allora perché non farlo per le Messe e le Chiese (che seppur dovrebbero rimanere aperte almeno per la preghiera in realtà in molti Comuni sono CHIUSE) che a loro volta sono i Reali Luoghi di PRIMARIA IMPORTANZA? Forse che il Vescovo di Roma non sappia che non facendo partecipare alla Santa Messa obbliga i fedeli a violare il terzo comandamento che chiede di “Santificare le Feste”? Il tutto è ancor più grave (se si possa aggiungere gravità) perché tutto questo sta avvenendo in Quaresima.
A quanto pare, per il Vescovo di Roma cibare del Corpo di Cristo il popolo Cattolico è opinabile… Già a Loreto il 25 marzo del 2019 ha celebrato la Messa pubblica dentro la Santa Casa (con la Chiesa e la piazza piene di fedeli che hanno seguito la Messa attraverso maxi schermi) senza poter ricevere l’Eucarestia da lui ne’ da altri Sacerdoti. Un mio amico “Cattolico praticante” che ha partecipato a quella “strana Messa” ha risposto alle mie remore dicendo che comunque era stata una “bella festa”. Io risposi “una festa senza il festeggiato” e quel giorno ho capito come la Chiesa modernista stia cuocendo molti fedeli come rane bollite, i quali in “buona” o “cattiva” fede giustificano tutto, anche l’ingiustificabile. I Cattolici, nel caparbio tentativo di difendere l’uomo, si dimenticano di difendere le Leggi di Dio che comunque si devono anteporre all’uomo. Per quel che ho potuto comprendere in questi tempi, i cattolici in “buona fede” dimostrano la non conoscenza delle Verità Dottrinali e si basano sul sentimentalismo sottoponendosi ad una sudditanza fuori luogo, in quanto non sanno che il Papa dovrebbe essere Custode delle Verità Eterne; ma se da custode si tramuta in despota, allora, il Cattolico Vero dovrebbe riprendere il fratello nell’errore per ricondurlo sulla Via Maestra. Il cattolico che ignora le Vere Leggi di Dio, non sa che con un colpevole silenzio, o addirittura la malsana difesa che vedo in molti, diventa complice dell’errore. Chi è in “cattiva fede” invece, tacendo o giustificando l’ingiustifucabile, lo fa per la malizia del proprio cuore. I motivi possono essere vari: dal piacere del peccato ed incapacità a rinunciarvi (finalmente possono giustificarlo) all’accettazione passiva delle menzogne non volendo riconoscere le Verità Eterne. Oppure hanno timore di “non piacere” alla massa e non ricevere il loro plauso (stolti! Cosa potrà fare l’uomo per salvarli? ) o, ancor più tristemente: preferiscono stare dalla parte del “più forte” per poterne trarre benefici. In tanti si “vendono” per trenta like sulla propria pagina fb (siamo tutti tecnologici… quella tecnologia che piace tanto alla chiesa modernista). Spesso invece si tratta di codardia preferendo mantenere “rapporti tranquilli” con tutti. Per i Consacrati invece la tentazione può essere quella di “sfruttare” l’attuale situazione per un proprio “avanzamento” nella “carriera religiosa” mantenendo i fedeli nell’ignoranza attraverso la menzogna. Ci sono anche i Consacrati che soffrono per questa dolorosissima situazione ma devono tacere per non essere “decapitati” da chi (per ora) sembra il più forte potendo quindi pascere il gregge che Dio gli ha affidato nelle catacombe (ho la fortuna di conoscerne tanti). Ai tiepidi vorrei però ricordare che saranno vomitati dalla bocca di Dio, in quanto Lui ci chiede di essere il Sale della Terra. Fino al nostro ultimo respiro dovremo lottare e scegliere tra il Bene ed il male. Non possiamo rimanere neutrali in quanto non c’è “zona franca”: o si appartiene a Dio, o si appartiene demonio. Ovviamente più si appartiene a Dio e più si è attaccati perché il demonio lascia “tranquillo” chi è già suo. Ma chi nel Suo Nome verrà perseguitao sa che quella è l’Unica Via per seguirLo fedelmente, perché è stato Scritto “Se hanno perseguitato Me, perseguiteranno anche voi”.
A Medjugorie, per molti anni, il due del mese, la Madonna ha chiesto di pregare per la Chiesa ed i Sacerdoti. Ora penso di aver capito che la necessità di tali preghiere era perché la Madonna (che attraverso Suo Figlio vede nel tempo) sapeva già cosa sarebbe accaduto alla Chiesa della Quale è la Sposa ed ha tentato di renderci partecipi nella Sua Salvezza. Mi domando però, se noi abbiamo pregato abbastanza per questa intenzione. Certamente Lei Vincerà con il Trionfo del Suo Cuore Immacolato, ma noi abbiamo pregato abbastanza per questa Sua intenzione? Dobbiamo pregare affinchè quanti più Sacerdoti possibile possano farsi guidare dall’Azione dello Spirito Santo, perché solo così avranno la Luce e la Forza per opporsi al modernismo dilagante (che altro non è che lo svuotamento delle Verità Teologali e di cui ci ha parlato la Mamma a Medjugorie) difendendo il Magistero e la Tradizione, guidandoci così verso la Salvezza Eterna.
Mons. Antonio Livi che è nato al cielo questo 2 aprile (stesso giorno in cui è nato al cielo San Giovanni Paolo II) ha detto “Per più di cinquant’anni i teologi eretici, malvagi, hanno cercato di conquistare il potere, e adesso ci sono riusciti. E’ per questo che parlo di eresia al potere” ed ancora. “Se si vuole applicare il dogma ai tempi moderni, in cui vi sono delle eresie, bisogna necessariamente condannarle. Non condannare alcunché significa approvare tutto; e approvare tutto significa che non vi è più la fede cattolica”.
Maria Valtorta ha scritto “Guai a coloro che lasceranno perire i fratelli e trascureranno di fare della Parola che ho loro affidata pane per le anime affamate di Dio. Guai a chi rinnegherà apertamente Iddio e chi lo rinnegherà con le opere, Io non farò differenza. E in Verità vi dico, con dolore di Fondatore eccelso, che all’ultima ora tre quarti della mia Chiesa mi rinnegheranno”
San Luigi Maria Grignion da Montfort ha scritto “Il segno più infallibile e più indubitabile per distinguere un eretico, un uomo di cattiva dottrina, un reprobo, da un predestinato, è che l’eretico e il reprobo non hanno che disprezzo o indifferenza per la santissima Vergine, cercando, con le loro parole ed esempi, di SMINUIRNE IL CULTO E L’AMORE, apertamente o di nascosto, talvolta sotto SPECIOSI PRETESTI ”
Purtroppo nel 2020 la storia si ripete: Ponzio Pilato (la legge umana) si lava le mani, il Sinedrio (la nostra Chiesa) condanna Gesù (privandoci di Lui) e l’umanità sceglie di nuovo Barabba (il menzognero). Ma Gesù, come duemila anni fa, continua a chiederci “Se ho detto qualcosa di sbagliato, dimmi di cosa si tratta. Se invece quello che ho detto è giusto, perché mi colpisci?” L’uomo moderno, dovrebbe comprendere che in questo stato di cose, elevare preghiere a Dio per debellare un virus che terrorizza, è fuori luogo. Dovrebbe piuttosto pregare e riflettere per comprendere che nulla potrà esserci tolto di ciò che dovremo affrontare, se prima non mettiamo Lui al Centro delle nostre vite. Malgrado la nostra paura (ingigantita se non abbiamo Fede in Lui) tutto si compirà (non la nostra ma la Sua Volontà sia fatta) e questa e le future tribolazioni altro non sono che la nostra purificazione che ci prepara al Suo Ritorno nella Gloria. Solo dopo, finalmente, vivremo il Vero Tempo di Pace.
Lo stato attuale di cose è portato da decenni in cui il mondo Cattolico ha permesso di essere invaso e fagocitato dalle ideologie di Cattocomunisti, radical chic e sinistroidi che con una fede di copertura (sepolcri imbiancati) i quali, autoproclamandosi Cattolici senza esserlo veramente, hanno inquinato la Vera Fede. Maria ci insegna però che non sono le parole (o proclami) a fare di noi veri Cristiani, ma i fatti, i quali sono inequivocabili. Le parole possono confondere, ed è attraverso di esse che il demonio ha tentato Eva facendola cadere nel peccato. È il peccato originale a renderci deboli, ed è Grazie alla Sua Morte e Risurrezione che siamo stati Salvati.
Negando le Messe ed i Sacramenti, la Chiesa ha creato un precedente gravissimo che per NESSUN MOTIVO può essere accettato passivamente.
Don Beppino Co’ (esorcista) ha scritto un bellissimo libro dal titolo “La Verità va urlata dai tetti” ed io penso che chi ha conosciuto Cristo, non può non farlo.
Concludo con quanto San Paolo ha scritto nella lettera ai Galati “Mi meraviglio che, così in fretta, da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo voi passiate a un altro vangelo. Però non ce n’è un altro, se non che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Ma se anche noi stessi, oppure un angelo dal cielo vi annunciasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunciato, sia anàtema! L’abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi annuncia un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema! Infatti, è forse il consenso degli uomini che cerco, oppure quello di Dio? O cerco di piacere agli uomini? Se cercassi ancora di piacere agli uomini, non sarei servitore di Cristo!”
Quanto ho scritto rappresenta la mia intenzione nelle parole del Beato Piergiorgio Frassati “Non sono bigotto sono Cristiano”.
Un caro saluto e, malgrado tutto, Santa Quaresima.
Angela Ciconte

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: