Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Rugby, il Savona chiude in bellezza, battuto lo Stade Valdotain

 

Il Savona vince il confronto in trasferta con lo Stade Valdotain per 33 a 17 e conclude gli incontri di serie C Promozione consolidando il secondo posto alle spalle del Novara, neopromosso in B. L’incontro non è mai stato in dubbio, anche se il ritmo ed il gioco hanno risentito delle numerose assenze e della stanchezza del fine stagione. Ad equilibrare la bilancia, la grande prestazione di capitan Costantino, autore di tre mete, ed il ritorno in mischia di Luvarà che ha galvanizzato gli otto avanti portandoli alla loro miglior prestazione stagionale. Lo Stade Valdotain ha giocato un buon rugby ma non ha sfruttato la touches, punto di forza della giornata, ed ha subito nel gioco aperto; caparbio nel primo tempo, ha sempre rincorso il punteggio senza perdere il contatto col Savona. Nella ripresa è calato fisicamente e negli ultimi 20 minuti ha subito, riuscendo a reagire solo in azioni di alleggerimento; va dato atto di non aver mai ceduto, prova nei sia la meta siglata a 10’ minuti dalla fine, proprio a coronamento di un caparbio e riuscito contrattacco. Il Savona parte subito convinto, spingendo in difesa i valdostani. Al 3’ Ademi apre le marcature con un calcio piazzato a cui i valdostani replicano con una meta partita da una touches ai 15 metri dalla linea di meta trasformata in un raggruppamento offensivo che ha aperto la difesa bianco-rossa. Il Savona riparte in attacco e dopo due minuti sigla una meta corale partita a metà campo con due raggruppamenti, apertura veloce e superiorità numerica dei tre-quarti realizzata sulla bandierina. Seguono fasi di gioco al piede, con cambi di campo tanto repentini quanto inutili; al 16’ da una touches vinta dal Savona sui 22 parte un carrettino che guadagna terreno, fa partire un pallone pulito che Costantino non apre ma gioca dritto per dritto superando le linee difensive e schiacciando in meta ( 5-13). A seguire si registra il miglior momento dello Stade, caparbiamente in attacco per cercare la meta dell’aggancio; ci riesce al 28’ con un’azione individuale del suo mediano di mischia che gioca in solitario una palla vinta dalla mischia a 5 metri dalla meta ( 10-13). Negli ultimi minuti del tempo il Savona preme di nuovo e in due occasioni varca la linea di meta aostana senza riuscire a realizzare. Saggiamente al 39’ rinucia a giocare un calcio di punizione e Ademi lo infila fra i pali, chiudendo il tempo sul 10 a 16. Nella ripresa lento calo dell’Aosta mentre il Savona sale in cattedra; al 14’ da una touches vinta sui 15 metri avversari parte un pallone veloce che spiazza la difesa dello Stade e Costantino sfrutta gli spazi offerti accelerando imprendibile in meta. Ademi trasforma e siamo al 12 a 23. Segue una fase di gioco torpido, dove le due squadre attaccano entrambe senza convinzione; al 30’ dopo aver guadagnato terreno con calci di spostamento lo Stade si ricorda di avere una mischia forte e trasforma una mischia vinta avanzante nei 5 metri dalla meta ligure in una piattaforma per il proprio mediano che raccoglie e si allunga in meta ( 17 a 23). Sulla ripartenza il gioco va nella metà campo dei padroni di casa che, pressati, concedono una punizione; Ademi si incarica del tentativo e porta a casa 3 punti pesanti, 17 a 26. Superato il breck (vantaggio superiore ad una meta trasformata), il Savona gioca tranquillo, facendo valere la maggiore tenuta atletica. Al 37’ partendo dai propri 22 i biancorossi innescano l’azione più spettacolare dell’incontro con una fase di gioco aperto che lancia tutti i giocatori in avanzamento grazie al continuo sostegno sul portatore di palla; sui 22 avversari capitan Costantino finta il passaggio sulla linea ed attacca dritto per dritto, mandando gli avversari in diagonale e aprendo un buco attraverso il quale schiaccia la sua terza meta. Nulla cambia fino al fischio che decreta il 17 a 33 finale e contestualmente la fine di un campionato dove il Savona si è costantemente migliorato, ponendo le basi per la prossima stagione. Altri risultati: Ivrea – Cus Pavia 31 – 49, Union Riviera – Amatori Novara 0-44. Classifica finale: Amatori Novara punti 50, Rugby Savona 30, Union Riviera Imperia 22, CUS Pavia 18, Ivrea Rugby Club 17 e Stade Valdotain Rugby 13.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: