AttualitàCultura e Musica

Sanremo; settantesimo

E ci siamo: il Festival di Sanremo sta per aprire la sua settantesima edizione: un traguardo storico, l’affermazione di un evento che, ormai si è detto in tutte le salse, ha una valenza molteplice: artistica, sociale, affettiva; è stato detto che Sanremo delinea la nostra storia, la nostra “piccola storia” sicuro, che è proprio quella che riguarda tutti noi, ma Sanremo vuol dire anche la storia delle trasformazioni, dello spettacolo, dalle voci alla Radio delle prime edizioni, con l’indimenticabile “cari amici vicini e lontani” di Nunzio Filogamo alle attuali possibilità di visione e di ascolto, sui social e sulla rete in genere, dal “bianco e nero” delle prime edizioni televisive in un’atmosgfera da “cafè chantant” agli “effetti speciali” odierni, spettacolari, lo scorso anno, come scenario per le canzoni del conduttore Baglioni – si ricorderà lo spendido inizio con “Acqua dalla Luna” -, dal riservato teatro del Casinò allo sfavillante colore dell’Ariston, dalle canzoni sentimentali dei primi anni alle inclinazioni verso l’impegno sociale, come per i brani che hanno vinto le ultime edizioni, e forse è giusto così, anzì è giusto così, pur se chi scrive, negli anni passati, aveva manifestato qualche preplessità sul valore artistico, propriamente musicale, delle  canzoni in finale. Come sempre, il Festival di Sanremo è legato alla figura del conduttore, quest’anno Amadeus, negli anni divenuto sempre più popolare, brillante tanto nella presentazione di grandi eventi, quanto nei “game shows” che ci fanno discreta compagnia tutte le sere e cui un’occhio lo buttiamo sempre volentieri; garbato, carismatico, ironico, una pubblicità televisiva del Festival ce lo mostrava, simpaticamente, bambino davanti alla Televisione “in bianco e nero” incuriosito dal Festival, poi adolescente e ventenne sempre più coinvolto, sino a divenire l’uomo di spettacolo che è, con l’approdo ad un palco scenico fra i più ambiti, che fu degli “uomini che hanno fatto la Televisione”, Mike Bongiorno e Pippo Baudo.

Come sarà Sanremo alla sua settantesima edizione: facciamolo dire allo stesso Amadeus, direttore artistico, come altre volte il conduttore: «Aspettate di vedere Sanremo 2020 prima di giudicarlo. Per ora è come se si volesse giudicare un film dalla locandina, bisogna entrare al cinema e guardare e poi giudicare».

Non mancheranno le innumerevoli polemiche, già cominciate, a dire la verità, e ben dirompenti, che già hanno toccato la politica ed il mondo della cultura; non mancheranno scontenti e critiche feroci, ed i detrattori si scateneranno in condanne senza appello, ma tutto fa’ parte del “pianeta Sanremo”, che si continua a vedere con un certo sospetto senza voler ricoscere quale un eccezionale spettacolo, come è!

E allora via, stasera: accanto ad Amadeus, come si sà, Fiorello, incontenibile “mattatore” con un cast femminile di prim’ordine: Francesca Sofia Novello, Laura Chimenti, Antonella Clerici, Diletta Leotta, Emma D’Aquino, Sabrina Salerno, Alketa Vejsiu, Mara Venier Georgina Rodriguez, Rula Jebreal, donne di varie esperienze e competenze e, già sappiamo, polemiche anche sull’ultima citata!

Stasera. al debutto potremo ascoltare le prove di

Achille Lauro
Anastasio
Bugo e Morgan
Diodato, Elodie
Irene Grandi
Raphael Gualazzi
Marco Masini
Rita pavone
Riki
Le Vibrazioni
Alberto Urso.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: