Attualità

SAVONA, IL PECCATO E I PECCATORI

savona torretta

di G.G

La verità è sempre rivoluzionaria, Savona ha molte verità nascoste e nessuna rivoluzione.
Quando la verità viene deliberatamente occultata in quanto scomoda, o manipolata dai soliti marpioni politici con le mani in pasta, i cittadini si ritrovano a subire cose e fatti illeciti oltre tutto senza potersi difendere o denunciare.
Cinque anni di questa ultima amministrazione comunale, molto del tempo dedicato a cercare di scoprire i genitali delle lumache invece di darsi da fare per risvegliare una città in coma, il peccato e i peccatori di chi ha eluso le proprie responsabilità civiche, ignorando doveri e ruoli, spesso a ‘ingrassare’ gli amici degli amici.
I cittadini, i loro diritti sanciti dalla Costituzione, debbono essere ascoltati e non  ignorati a priori, si debbono colmare le diseguaglianze sociali per non acuire instabilità, malesseri, odio: le attuali elezioni comunali hanno evidenziato, e penalizzato i candidati delle false promesse e nessuna concretezza, candidati senza arte ne parte senza alcuna esperienza politica, molta presunzione e voglia di apparire ‘tanto per’.
La ricerca di un lavoro, e non solo per i giovani, si è trasformata in una competizione per la sopravvivenza con implicazioni anche drammatiche, le prospettive in tal senso a Savona sono pari allo zero, nessuno muove un dito per cercare soluzioni mirate, molto meglio costruire palazzi e palazzacci dei quali non si comprende la necessità.
Un recente sondaggio tra gli studenti prossimi al diploma, o alla laurea, ha dato risultati a dir poco mortificanti, bocciata in toto la politica del lavoro, affiora disprezzo e preoccupazione nei confronti di chi amministra, un atto di accusa che non risparmia nessuno a parte Papa Francesco che gode di straordinaria ammirazione.
Dovrebbe essere un impegno sacrosanto sopperire a tale stato di disagio sociale (spesso ci illudiamo che mai toccherà a nostri figli e nipoti) imbastendo con urgenza un progetto specifico, con scelte ponderate e coraggiose, riflettendo sui macro errori passati, eliminando una volta per tutte paletti e lacci predisposti da chi della propria incapacità ne ha fatto un mestiere lucroso.
Si ritrovano disillusi, i nostri Padri che nell’immediato dopoguerra, abbandonati i fucili della Resistenza, si sono tirati su le maniche è dato vita a una città libera, con fabbriche, industrie notevoli, grande attività portuale e commerciale: dovessero mai ritornare sulle montagne, c’è il rischio che questi partigiani al primo colpo del nemico si arrendano senza colpo ferire.
E meno male che qualcosa è cambiato, meno struzzi e più falchi oggi i cittadini intuiscono ciò che si nasconde dietro finzioni, ambiguità e facce toste senza ritegno e, quel che più conta, preso coscienza che i peccati di questi lor signori  non sono i  nostri come per lungo tempo  hanno tentato di farci credere. 

Redazione
the authorRedazione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: