Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURAESTERO

Sessant’anni fa’ la morte di Marilyn Monroe

Un mito del nostro tempo

La notte fra il 4 ed il 5 agosto del 1962, Marilyn Monroe moriva nella sua villa di Brentwood a Los Angeles, aveva 36 anni.  Anche lei, come tanti anni prima il musicista francese Alberic Magnard (1865 -1914), divenne più nota per come era morta che per come era vissuta – chi vuole approfondire sull’interessante compositore francese, come al solito, trova le notizie  in rete … – ; tutte le teorie complottiste  che sono state diffuse e che nella scomparsa della Monroe hanno trovato una ghiottissima occasione, come al solito, hanno messo a mezzo i Kennedy, poi ristrettisi a Robert Kennedy in particolare o la mafia, con un assassinio architettato da Sam Giancana, il boss dei boss, in una maniera talmente strabiliante da far sfigurare tutti i pazzeschi tentativi, nei cartoni animati,  del famoso Willy il Coyote di catturare l’uccello Beep-Beep!  A tacitare un po’ tali fantasiose congetture un libro di Federica Brunini, direttrice di @thegoodlifeitalia e autrice del romanzo “La matematica delle bionde“, di cui parlava ieri “Repubblica” e che, secondo quanto riportava il giornale, che citiamo, intravvede  “una Marilyn forte, tenace, intelligentissima, artefice del suo destino”, secondo la scrittrice “Marilyn non era affatto una vittima del sistema, ma stando all’interno del sistema cercava di volgerlo a suo vantaggio”. Sempre da “Repubblica”: “Una donna molto differente da quella che ci è stata consegnata dopo la sua tragica morte, avvenuta, ormai le voci più autorevoli concordano al riguardo, probabilmente a causa dell’assunzione accidentale di un combinato di farmaci. Senza volontà, dunque, di suicidio.” Pertanto tutte le strampalate illazioni sulla sua fine, avvolta ancora nel mistero, come si legge  di solito, finirebbero un po’ confinate!

In occasione dei suoi 60 anni mancati,  inoltre, sarà disponibile su Netflix, dal prossimo 23 settembre, Blonde. Il biopic original, dall’omonimo romanzo bestseller di  Joyce Carol Oates, diretto da Andrew Dominik che esplorerà il lato dark dell’attrice;  chissà ….!

In ogni caso il mito della Monroe nacque dopo la morte, per quanto già fosse un mito!  in trentasei anni è incredibile cosa sia stata la Monroe: attrice, sex symbol, forse il primo nel suo genere, modella, cantante, produttrice, con una vita privata  – ma quanto privata? – tormentata; il suo personaggio venne costruito sul grande schermo e finzione e realtà presto finirono col fondersi. Comunque non si costruisce una carriera così senza capacità, determinazione, volontà, autostima; non si diviene un personaggio tale, in soli trentasei anni, senza eccezionali qualità, per quanto  venissero avanzati dubbi  sulle sue qualità di attrice, per primo dallo stesso numero uno della 20th Century Fox, Darryl Zanuck. Ma la Monroe, anzi Norma Jeane Mortenson Baker Monroe, la castana divenuta la biondissima Marilyn Monroe, non si lasciava intimorire e passava con facilità dal ruolo di attrice a quello di spogliarellista, per cercare sempre occasioni, strade, opportunità di carriera… Se vogliamo la Monroe è quanto mai un personaggio del nostro tempo, dove l'”appparire” è -quasi – tutto! Ben lo testimonia il sempre stupendo ritratto fattole da Warhol che meglio mette in luce il personaggio “popolare”!

 

 

Foto  di Marylin Monroe da L’Indro

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: