CalcioSport

Sotto l’ombra Del chinotto – In alto la testa

Bisognava rialzarsi dopo la sconfitta bruciante nel derby con la Sanremese perso per 2 a 0, dove erano mancati in un colpo solo risultato, impostazione tattica e soprattutto l’atteggiamento giusto. L’obiettivo primario era questo ed è stato raggiunto. Non possiamo dire brillantemente vista la pochezza dello Stresa a tutt’oggi penultimo e che nell’occasione giostrava senza ben quattro titolari (Frascoi, Papini, Diaw e Bratto). Ma senz’altro era determinante tornare subito alla vittoria circostanza che essendo coincisa con l’inaspettata debacle casalinga del Casale consolida i biancoblu al terzo posto in classifica a – 11 dalla capolista Lecco (una distanza probabilmente incolmabile) e a -3 dai matuziani buoni secondi. Tutto sommato la partita lascia a mio parere indicazioni che vanno al di là del classico risultato all’inglese. Per intanto il nuovo modulo (un 4 – 4 -2 molto offensivo considerato l’avversario) ha regalato maggior compattezza e ha permesso al rientrante Tognoni e a Kallon (che ritengo più letale a match in corso che non dall’inizio) di sfruttare meglio le fasce e dare così più effervescenza al gioco d’attacco. Condivisibile anche l’aver fatto rifiatare Garbini, Lombardi e Bacigalupo nonchè l’ancora inesperto Grandoni junior che al Comunale era stato forse lanciato frettolosamente allo sbaraglio. La ciliegina è stata poi la doppietta (e fanno 14 in stagione) di Francesco Virdis (rigore trasformato imparabilmente e secondo gol con aggancio e tiro da incorniciare) che giunto a quota 68 in 11 gare (coppa compresa) si proietta di prepotenza alle spalle di Giorgio Borgo cannoniere degli striscioni di tutti i tempi con 82 centri. Avrebbe meritato di segnare anche Simone Guarco,, un vero esempio di serietà e duttilità, schierato finalmente al fianco di Venneri, cui è stato annullata una conclusione viziata da fuorigioco dubbio e che ha poi colpito un palo clamoroso. Viva la praticità dunque, un ingrediente che sarà di certo utile nella trasferta con il Sestri Levante. Non aver preso gol (unica pericolo il palo pieno dell’ex Paolo Scienza classe 97 dai venti metri) è un buon viatico.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: