Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Sotto l’ombra Del chinotto – Quando un “gruppo” diventa “squadra” crea le premesse per vincere

Se riviviamo il super derby Savona-Vado, che ha premiato i biancoblù di mister De Paola (un’emozionante rimonta finita 2 a 1 in cui al vantaggio dei vadesi su colpo di testa di Varela che ha capitalizzato al meglio un millimetrico angolo calciato da Bruschi, hanno risposto i due sigilli del sempre più convincente Siani portatosi a quota 8), ci rendiamo conto di come l’organizzazione stia alla base di ogni successo. Ciò vale nello studio, come nel lavoro, come nella vita sociale e sia ben chiaro soprattutto in ambito sportivo. Di fatto la vera sfida per entrambe le due compagini , seppur concentrate su obiettivi diversi, era quella di riuscire a creare un gioco “vincente” anche quando le situazioni interne o esterne paiono non  permetterlo. Tutti, o mettiamola così, quasi tutti, sono capaci di competere ai massimi livelli quando ci sono le condizioni ideali, pochi sanno invece sapersele costruire continuamente. La storia ci insegna che l’invincibilità dell’esercito romano era dettata dalla logicità della sua “organizzazione”, sempre pronta a ricompattarsi velocemente nonostante i colpi subiti (quelli inferti agli encomiabili giovani striscioni sono sotto gli occhi di tutti) e quindi sfondare le linee avversarie perché era ben chiaro a tutti ( non mi sembra francamente che questa sia una prerogativa che contraddistingue la pattuglia coordinata e diretta dal vulcanico Tarabotto) come agire in caso di cambio dello schema. Questa è la vera sfida oggi nel calcio moderno in generale ed in una gara tirata come lo è un derby in particolare : saper creare, ogni qualvolta la partita lo richieda (mi riferisco ai cambi di sistema : Ghinassi e compagni hanno iniziato con il 3-5-2 per poi passare al tradizionale e più rodato 4-3-3 una volta trovatesi sotto, per finire con una sorta di 4-5-1 sotto palla) le competenze organizzate capaci di rigenerare l’equilibrio necessario.Nel dopo gara si è sentito parlare di metterci il “cuore” (è indispensabile, ma spesso non basta), di adattabilità al “rettangolo verde” ( con un presunto vantaggio a favore di chi si allena e gioca sull’erba naturale : scusate, ma la scorsa stagione non era forse visto come un handicap dagli ex gerenti di via Chiabrera?), di disparità di “trattamento arbitrale” (posso assicurare che dalle parti del Bacigalupo non si gode certo di questi benefit e da tempo) e chi più ne ha, più ne metta. Non è così che si legge la “remontada” in discussione. Troppo frequentemente infatti gli improvvisati del momento sono convinti che per poter “vincere” sia sufficiente avere un gruppo di professionisti molto “skillati” dal punto di vista tecnico (la cronistoria dell’iter da Patrassi a Sgubin dice proprio l’esatto contrario, basti pensare a quanti hanno abbandonato il progetto cammin facendo).Questo non è per niente vero. Perché c’è una bella differenza tra “essere un gruppo” e “essere una squadra”.Il gruppo è un insieme di persone che “fanno qualcosa assieme”, essere una squadra significa finalizzare lo stare assieme (oserei dire nel bene e nel male).  Nel calcio il saper essere “squadra” e il saper giocare da “squadra” sono punti d’arrivo che non si ottengono per grazia ricevuta e per fortuna, ma che invece sono il frutto di un lavoro organizzativo di qualità a partire dall’intensità e dall’applicazione con cui si propongono gli allenamenti. Presi uno a uno  i giocatori del Vado probabilmente non valgono la classifica in cui versano avendo dichiaratamente una potenzialità ben superiore. Ma rimango convinto che nè il modulo prescelto (troppo sbilanciato in avanti specie in trasferta) nè il tipo di conduzione del lavoro infrasettimanale abbia sortito gli esiti voluti.La sensazione che ne ho tratto è quella che la forza del gruppo non riesca a sovrastare quella dei singoli. Se si esamina il match ci si accorge che quando i rossoblù si sono affacciati dalle parti di Vettorel questo è avvenuto solamente su spunti personali ( vedi la bellissima azione personale di Rotulo al 36^ del primo tempo) o sfruttando palle ferme partite dai piedi del solito Bruschi. Ben altra idea di calcio sviluppano i giocatori di De Paola, sia nei movimenti, che negli automatismi, che nelle coperture. Si vede la mano del tecnico e per certi versi quella del “rigenerato” ds Papa che attorno al portiere, al centrale di difesa, al play e al centrattacco (i 4 cardini dell’architettura standard, Guadagnin, Ghinassi, Disabato e Siani, lasciati agevolmente nella condizione di far “partita”) provvedono a far ruotare armonicamente esterni votati al sacrificio.Ecco riassunto in breve ciò che ritengo abbia determinato il risultato di domenica 2 febbraio, rifuggendo dal modismo che mette al centro la recente tendenza di ridurre il tutto all’incidenza determinante degli episodi a favore o contro. Si tratta di una visione troppo riduttiva che non tiene in debito conto di ciò che sta prima, durante e dopo di una partita. Alla prestazione positiva (che non sempre corrisponde al risultato ottenuto) copartecipano una serie di elementi che occorre saper considerare altrimenti si perde di vista lo stato di avanzamento dell’opera. Vediamo ora il futuro immediato cosa ci propone.Per il Vado che affronterà  al Chittolina i genovesi del Ligorna (ultimo in classifica, in picchiata dopo la cinquina subita dal Bra e orfano dello spauracchio Monteforte) vi sarà l’occasione ghiotta di aggiudicarsi la terza consecutiva tra le mura amiche dopo Ghivizzano e Sanremese facendo molta attenzione a non scoprire il fianco ( 39 gol subiti in 22 gare, quasi un gol per ogni tempo di gioco disputato, parlano da se).Per il lanciatissimo Savona (avrete notato che si è glissato sulle spinose vicende societarie, anche se  i verdetti sulle prime due vertenze presentate dagli ex Piacentini e Muzzi sentenziati dalla Commissione Accordi Economici della LND non lasciano certo tranquilli poichè determinate sanzioni potrebbero, come già avvenuto, riflettersi negativamente anche in termini di graduatoria) l’ostacolo più che mai ostico da superare è rappresentato dalla Lavagnese. Si tratta di un cliente scomodo, in striscia positiva da 6 turni , reduce da un pari “pesante” in quel di Prato e rivitalizzato dall’innesto degli ex biancoblù Rossini e Tripoli.L’incontro dovesse corrispondere all’ennesima impresa proietterebbe le ambizioni savonesi in una dimensione fino ad ieri impensabile.Nel caso inverso si tratterebbe di uno stop che nè ridimensiona, nè scalfisce quanto di straordinario si è fatto negli ultimi mesi e marcatamente dall’inizio del 2020.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: