Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURAREGIONE

Teatro Carlo Felice, presentata l’opera “La Cenerentola”

Il secondo appuntamento della Stagione Lirica 2022/2023 dell’Opera Carlo Felice Genova sarà La Cenerentola, dramma giocoso di Gioachino Rossini su libretto di Jacopo Ferretti; l’opera sarà diretta da Riccardo Minasi, direttore musicale del teatro e la regia sarà curata da Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi nell’allestimento realizzato dalla Fondazione Teatro Carlo Felice con scene e costumi ispirati agli originali firmati da Emanuele Luzzati nel 1978 a cura della Direzione degli Allestimenti Scenici del Teatro (con la collaborazione ai costumi di Nicoletta Ceccolini) e con le luci di Luciano Novelli. Capolavoro di azioni e reazioni, nella Cenerentola, ossia La bontà in trionfo (questo il titolo completo) le apparizioni, i capovolgimenti e i colpi di scena si susseguono con ritmo serrato lasciando lo spettatore senza fiato. L’elemento favolistico, che astrae la realtà e rende tutto possibile, resta elemento imprescindibile nell’opera di Rossini che, insieme al librettista Jacopo Ferretti riesce a portare, in modo geniale e sempre convincente, questo dramma giocoso alle vette assolute del suo catalogo.

“Rivolgo un sincero grazie ai lavoratori del teatro per cosa fanno dicendo che abbiamo produzioni con l’innovazione del linguaggio ma la tradizione popolare dell’opera resta ed i grandi cantanti presenti in quest’opera renderanno omaggio ad una figura importante per la città come quella di Lele Luzzati”, dichiara il Sovrintendente Claudio Orazi, “ed è stato un grande sforzo ricostruire la sceneggiatura originale del 1978. Ringrazio l’assessore Corso ricordando che abbiamo tante prenotazioni da parte degli studenti e ne siamo orgogliosi; abbiamo in programma spettacoli in altre realtà della Liguria tra cui Rapallo ed Imperia. Il teatro ha un importante ruolo sociale e sia la regione che il comune di Genova ci credono; sarà presente il nostro direttore musicale Riccardo Minasi che guiderà l’orchestra ed il coro. Avremo anche una nuova regia ed un’importante compagnia di canto con cantanti di livello internazionale ma la cosa più bella è vedere che sono molti i giovani che si sono prenotati per assistere allo spettacolo; sarà portato in scena uno stile classico dopo Béatrice et Bénédict che è stata una sceneggiatura sperimentale. Il teatro ha una capacità di proposta che guarda alla tradizione e all’innovazione e questo è un dramma giocoso con una musica bella di Rossini”.

Stessa soddisfazione da parte dell’assessore Francesca Corso in rappresentanza del sindaco :”Porto i saluti del sindaco Bucci dicendo che la città è orgogliosa del Carlo Felice che è aperto ed inclusivo; la stagione è molto bella ed attrae i giovani. Cenerentola ha una grande fama e vederla in scena nel periodo in cui viene celebrata la Giornata contro la Violenza sulle Donne è importante perchè viene raccontata la storia di una donna che si riscatta; è fondamentale far conoscere la nostra arte e cultura che deve essere accessibile a tutti”.

“Il debutto di Riccardo Minasi nella lirica è molto importante e dopo un’opera pressocchè sconosciuta avremo un capolavoro di Rossini”, prosegue il direttore artistico Pierangelo Conte, “ed il nostro cartellone trova un equilibrio tra le opere dimenticate e quelle più famose come Cenerentola. Il legame con la figura di Luzzati è importante e con quest’opera prosegue il percorso di valorizzazione del lascito del grande scenografo e artista genovese dopo il successo riscosso dall’Elisir d’amore nel 2021 e dal Turco in Italia nel 2022; quest’opera era prevista ad aprile 2021 ma è stata rimandata a causa della pandemia”.

“La figura di Luzzati è importante”, afferma Piero Maranghi, uno dei registi, “ma voglio ricordare una sua frase che mi è piaciuta molto : il giuoco è una cosa seria. E’fondamentale riflettere ed essere qui ed un’opera come la Cenerentola potrebbe essere ambientata anche ai giorni nostri; questo è un personaggio semplice e puro che poi esplode e l’incontro con il mondo di Luzzati è fondamentale”.

“Il teatro deve evolversi e non dimenticare da dove parte”, sottolinea il regista Paolo Gavazzeni, “ma la Cenerentola dell’800 non è più attuale. E’bello portare in scena lo spettacolo di Luzzati ma è necessario stabilire l’identità del teatro; Cenerentola reagisce ai maltrattamenti con la bontà d’animo ed il teatro è un punto di confronto portando avanti le idee di tutti che ci fanno crescere”.

“La Cenerentola rappresentata qui è diversa da quella della fiaba; anzichè la matrigna è presente un patrigno e la storia non prevede la scarpetta ma una sorta di bracciale che permetterà al principe di riconoscere la sua amata. Il mio ruolo è funzionale a quello del principe e ed il sottotitolo della rappresentazione è La Bontà in Trionfo”, conclude l’attore Roberto De Candia.

 

Per i gruppi è attivo l’indirizzo gruppi@vivaticket.com a cui ci si dovrà rivolgere per le prenotazioni e l’acquisto di biglietti per i della nostra Stagione.

ORARI
Da lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 19.30

Sabato dalle ore 10.00 alle ore 19.30

Spettacoli serali: chiusura 15 minuti dopo l’inizio

Spettacoli pomeridiani della domenica: apertura due ore prima dell’inizio con chiusura 15 minuti dopo l’inizio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: