AttualitàCultura e Musica

Varigotti non rinuncia alla festa di San Lorenzo

San Lorenzo si avvicina e se Celle, paese dello scrivente,

San Lorenzo di Spinello Aretino

ha rinunciato alla suggestiva processione serale in ascesa verso la chiesina dei Ferrari, Varigotti  si prepara invece alla ricorrenza della Festa patronale, con le precauzioni  e le cautele che l’emergenza dovuta al Covid tuttora impone; ed infatti la Parrocchia e  l’associazione Amici di San Lorenzo hanno deciso di celebrare, nel pieno rispetto delle vegenti regole Covid, la festa di San Lorenzo con eventi che si svolgeranno, come da tradizione, nelle due giornate del 9 agosto,  la vigilia e il 10 agosto , giorno della festa.

Comunque, come a Celle,  a causa delle restrizioni sanitarie,  non si terrà la processione che sale dal Borgo  alla straordinaria chiesa medievale di “San Lorenzo Vecchio”, pertanto la messa serale a lume di candela non verrà celebrata. Di sera, infatti, sarebbe difficile, affermano gli organizzatori,  gestire gli accessi lungo il sentiero e regolare gli ingressi nella chiesa. In luogo della celebrazione serale, come si faceva un tempo, verrà cantato e recitato in Parrocchia, alle 21.15 del giorno 9 agosto,  il Vespro Solenne di San Lorenzo, cui seguirà la benedizione Eucaristica. Suoneranno le campane a festa poco prima dell’inizio del Vespro.

Al mattino del 10 agosto, alle ore 10.00, verrà celebrata la messa festiva nella chiesa medievale di San Lorenzo Vecchio, ricordando i 25 anni di fondazione dell’Associazione “Amici di San Lorenzo”, nata con lo scopo di tutelare l’area della suggestiva e veneranda chiesetta, provvedendo in particolar modo alla manutenzione, alla conservazione e alla tutela del monumenti collaborando con la Parrocchia.

Alle 18.30 verrà celebrata, sempre nella Chiesa parrocchiale, la Santa Messa Solenne, seguita dalla benedizione dei quattro punti cardinali sul sagrato della chiesa, con la Reliquia del Santo Patrono. Al termine suoneranno le campane a festa. Prima della messa, come ogni giorno, verrà recitato il Santo Rosario alle 18.00.

I posti disponibili nella Chiesa parrocchiale sono circa 100.

Lorenzo, in latino Laurentius, (Huesca, 225 – Roma, 258), fu allievo del futuro Papa Sisto II a Saragozza, poi con lui a Roma, dove divenne diacono e subì il martirio durante la persecuzione ordinata dall’imperatore Vleriano. Seconda la tradizione, Lorenzo  venne giustiziato venendo bruciato su di una graticola, episodio che trova molte raffigurazioni, nella Storia dell”Arte, come la figura del Santo, cui sono dedicati insigni edifici di culto, come, tra gli altri, a Milano, a Firenze, a San Gimignano, nella stessa Varigotti, a Finale!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: