Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Violazioni di norme igienico-sanitarie, sono 30 le attività temporaneamente chiuse nel 2021 a Genova

Cibi avariati, assenza di acqua calda per l’igienizzazione dei locali, prodotti surgelati estratti dalle confezioni originarie e conservati singolarmente e in maniera impropria all’interno dei frigoriferi; sono solo alcuni degli illeciti che nel 2021 hanno portato alla temporanea chiusura di ben 30 attività commerciali nel territorio genovese, di cui 22 nel centro storico. I provvedimenti sono scattati a seguito dei controlli interforze che la Polizia Locale, di concerto con la Asl 3, mette in atto per verificare il rispetto delle normative in ambito igienico-sanitario. Dal febbraio 2021, la legge vuole che solo le Aziende Sanitarie e i Nas, Nuclei Antisofisticazione e Sanità dei Carabinieri, possano contestare gli illeciti relativi alle irregolarità in materia alimentare.

“Ringrazio l’Asl per la collaborazione senza dimenticare che la tutela verso le persone e le attività commerciali è alta”, dichiara l’assessore alla Polizia Locale Giorgio Viale, “e anche se i dati sulle chiusure non sono elevati abbiamo fatto controlli intensi. Nel 2021 abbiamo chiuso, su tutto il territorio genovese, 30 attività; abbiamo svolto uno speciale focus sul centro storico dovuto alla grande presenza di turisti ed alla difficoltà di seguire correttamente le norme igienico-sanitarie. Nonostante tutto abbiamo fatto controlli in tutta la città e mi sento di dire che questo è un fenomeno da stroncare ed è fondamentale il rispetto delle norme; ringrazio l’Asl e gli agenti della Polizia Locale per la collaborazione”.

Parole simili da parte di Gianluca Giurato, comandante della Polizia Locale di Genova :”Ringrazio l’Asl per la preziosa collaborazione dicendo che questi controlli sono necessari per la tutela della salute delle persone; le chiusure sono state fatte quando la situazione era molto grave per cui la salute era a rischio mentre nei casi meno gravi sono state fatte sanzioni e prescrizioni per mettersi in regola. Su 225 locali controllati in 249 abbiamo riscontrato violazioni; da febbraio 2021 vi è una norma per cui le Azienda Sanitarie ed i Nas possono fare controlli per verificare il mancato rispetto delle norme igienico-sanitarie. Abbiamo riscontrato casi di recidiva gravi e non sono fatte differenze tra gestori italiani e stranieri ma a questi ultimi abbiamo fatto più sanzioni poichè non hanno una cultura orientata all’igiene del cibo; è giusto fare controlli con specialisti ed abbiamo un rapporto proficuo sia con l’Asl che con i Nas e diverse volte abbiamo chiesto la loro collaborazione. Abbiamo riscontrato poche situazioni gravi e la sinergia con i soggetti deputati a questi controlli ha portato ad avere risultati importanti”.

“La sinergia tra l’Asl e la Polizia Locale è molto importante per i controlli nei ristoranti e nelle gastronomie; sono state chiuse 30 attività grazie a controlli amministrativi e sanitari uniti. Alle attività che hanno reiterato comportamenti sbagliati abbiamo fatto sanzioni più gravi e voglio dire che il centro storico è stato oggetto della nostra attenzione poichè la natura degli stabili rende difficile poter seguire le norme alla perfezione; non abbiamo fatto distinzione tra le attività gestite dagli italiani e quelle gestite dagli stranieri ma questi ultimi hanno una maggiore difficoltà culturale nella gestione dei prodotti”, conclude l’assessore Viale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: