Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURAREGIONE

Voci dalle periferie: meno un giorno alla prima edizione di PRÛ A PRA’

Musica e cultura nel ponente cittadino, con concerti e contest a ingresso gratuito, nell’ampio parcheggio della stazione ferroviaria di Prà; si apre venerdì 14, e prosegue fino a domenica 16 ottobre, la prima edizione di Prû a Prà, un evento lungo tre giorni organizzato da Duemilagrandieventi e Genova Hip Hop Festival, in collaborazione con il Circolo Arci Pianacci. Obiettivo del progetto, realizzato grazie al contributo del Ministero dei Beni Culturali e del Comune di Genova nell’ambito del bando “Spettacolo nelle Periferie”, è quello di portare arte, cultura e spettacolo nelle zone periferiche della città per creare opportunità culturali che possano rinforzare la vocazione di Genova come città policentrica e, allo stesso tempo, promuovere lo scambio generazionale attraverso l’arte; per questo motivo, gli spettacoli sono gratuiti e accessibili a tutti. Prû a Prà si sviluppa sulla fascia di rispetto di Pra’, un luogo simbolico della periferia genovese, situato tra il porto e il borgo, che è stato teatro di importanti interventi di riqualificazione urbana e che rappresenta un esempio concreto di soluzione urbanistica adottata per migliorare la vivibilità tra la città e il suo fronte portuale.

“Questo evento è sostenuto dal PNRR”, dichiara uno degli organizzatori, “e dopo essere partiti con l’idea di un’altra location abbiamo deciso di organizzare tutto nei pressi della stazione”.

Stessa soddisfazione da parte di Enrico Testino, vice presidente di Arci Pianacci :”La collaborazione tra realtà diverse è molto importante e saranno coinvolte anche associazioni locali; tutto ciò è un evento nuovo per Prà perchè è coinvolta una zona diversa dal solito che ha una nuova riconfigurazione e la Fascia di Rispetto ha una vocazione importante. Saremo coinvolti noi e altre associazioni del territorio e la sinergia tra approcci diversi dà buoni frutti; tutto ciò è una novità per il ponente cittadino visto che l’ultimo grande concerto che si è tenuto in zona è stato 25 anni fa. La location usata ci piace molto e qui si realizzano spesso eventi importanti”.

“Genova ha un alto potenziale inespresso e serve una collaborazione tra realtà diverse”, sottolinea Vincenzo Spera, presidente di Assomusica e procuratore di Duemilagrandieventi, “ma è altrettanto necessario rafforzare i legami tra le diverse generazioni. Portiamo novità in una zona diversa dal solito e l’evento sarà un successo a prescindere; è necessario coinvolgere maggiormente i giovani poichè questa è per Genova una grande occasione. Abbiamo ricevuto fondi dal Ministero della Cultura legati al PNRR per il bando “Spettacolo nelle Periferie” ed il nostro è uno dei progetti più importanti nel suo genere; ci saranno tanti artisti giovani ed il programma lascia ampio spazio alla musica che nasce nelle aree in cui è presente il disagio come il rap ed il trap e tocca argomenti sociali importanti”.

“Noi siamo i media partner dell’evento ed essere qui è motivo di orgoglio”, afferma Julian Borghesian di Radio Rai, “ricordando che daremo importanti contributi foto e video. Genova è una sorta di Repubblica Marinara della musica e dei cantautori ma è necessario far conoscere il rap ed trap capendo perchè nascono nelle periferie; a Roma i ragazzi del centro città che vogliono fare rap si trasferiscono nelle periferie per avere maggior ispirazione nei loro brani”.

“Il lavoro è bello e lo spettacolo è importante; la Fascia di Rispetto deve essere valorizzata poichè Prà non è una periferia di Genova ma una cittadina che nel 1926 si unisce alla Grande Genova. La nostra è una città multicentrica che non ha periferie come le altre città ma ha tanti piccoli centri con la loro storia e cultura; fare spettacoli qui è importante ed ogni cittadina ha la sua dignità che deve mantenere. La voglia di rivalsa ed orgoglio di chi vive qui è sempre presente ma è necessario rendere viva la città facendo sinergie con altri eventi come, ad esempio, i Rolli; questa manifestazione è il primo esperimento di un bando che dà fondi per portare musica in un luogo decentrato della città. Per noi è necessario realizzare eventi di ogni tipo in ogni quartiere della Grande Genova e spero che siano tre giorni di successo”, conclude il Sindaco Marco Bucci.

 

Si inizia venerdì 14 ottobre con il Trap Day, che prevede i concerti dei rapper Nitro, Vaz Tè, Disme, Olly, Vegas Jones e Giaime, nomi che negli ultimi anni si sono affermati nel panorama rap italiano, amati dalla Generazione Z e non solo.

Le giornate saranno condotte da Julian Borghesan di Rai Radio Tutta Italiana.

 

Il concerto di sabato 15 ottobre sarà invece dedicato alla musica intramontabile con la voce di Orietta Berti, personaggio iconico della musica popolare italiana, nonché regina dei tormentoni estivi e delle classifiche grazie al singolo “Mille”, registrato in collaborazione con Fedez e Achille Lauro.

 

Prû a Pra’ si chiude domenica 16 ottobre con la cultura hip hop: dalle 13 alle 21 si alterneranno contest di freestyle e breakdance, che vedranno impegnati nei panni di giudici artisti, b-boy e freestyler di fama nazionale e internazionale.

 

Per iscriversi ai contest, inviare un messaggio alle pagine social di Prû a Prà:

Instagram – https://instagram.com/pruapra_2022?igshid=YmMyMTA2M2Y=

Facebook – https://www.facebook.com/pruapra

L’iscrizione è gratuita.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: