martedì, Ottobre 22, 2019
Home > Attualità > 12 ottobre: il giorno di Cristoforo Colombo

12 ottobre: il giorno di Cristoforo Colombo

ll 12 ottobre è e rimane il “Columbus Day”, appellativo conferito dal Nordamerica, dall’America per eccellenza, seppure celebrato per la prima volta, nel 1869, da immigrati italiani a San Francisco, per quanto Colombo, ormai ispanizzato, all’epoca del suo grande viaggio, arrivasse nel “Nuovo Mondo” sotto le insegne dei Re Cattolici, Isabella e Ferdinando, che avevano riunito la Spagna e stavano per fondarne la grande ma caduca potenza!
Cristoforo Colombo (1451 – 1506), figlio di Domenico Colombo e di Susanna Fontanarossa, fra i personaggi della Storia , con una biografia incredibilmente movimentata, è uno di quelli maggiormente coinvolti nell’agiografia, nelle memorie popolari, nella coscienza collettiva, nelle poesie recitate alle scuole elementari; la sua fama ha contribuito a fare di noi Italiani il Popolo di “Navigatori” oltre che di Santi e di Poeti! E per noi liguri, ovviamente, costituisce un vanto insuperabile, una leggenda vivente, un mito che si staglia nella Storia e, a Genova, contendono i natali del grande marinaio Albisola Marina, Chiusanico, Cogoleto, Terrarossa di Moconesi, Cuccaro Monferrato, persino Piacenza e Bettola, ma di tutte Savona è forse quella che può, a miglior diritto, rivendicare, nella disputa col capoluogo, il titolo di esserne patria, essendo ciò attestato già da Gabriello Chiabrera e da molta storiografia tra cui val la pena di ricordare il padre somasco Giambattista Alberti – omonimo del grande architetto rinascimentale – nel XVII secolo! E allora rechiamoci in pellegrinaggio sulle alture di Legino, in via Valcada, per visitare quella che viene ricordata, da una lapide, come sua casa natale!
Con il 12 ottobre 1492, quando, dopo il grido “tierra” lanciato dalla vedetta Rodrigo de Triana (Juan Rodríguez Bermejo) – figura che, appunto, dagli studi dei nostri anni più verdi ci è stata immortalata – Colombo sbarcò sull’isola di Guanahanì, come la chiamavano gli indigeni e che egli ribattezzò San Salvador, per quanto oggi, come distretto delle Bahamas, si chiami Watling, si fa terminare il Medioevo ed iniziare l’Età Moderna!
Colombo non lo sapeva, che quel giorno dello sbarco sarebbe divenuto un giorno cruciale per la cronologia della Storia! Che enorme responsabilità! Così come il lontano re degli Eruli, Odaocre, non sapeva, il giorno in cui rimandò le insegne imperiali a Costantinopoli, nell’anno 476 dell’Era Cristiana, che il suo gesto faceva finire l’Evo Antico ed iniziare l’Evo Medio! A volte accadono eventi di una portata inimmaginabile, da parte di chi li compie!
Pensare che Colombo, il più grande marinaio della Storia, che prima di approdare in Portogallo aveva viaggiato per l’Europa e l’Africa, raggiungendo luoghi agli antipodi, dall’Islanda alla Guinea,aveva sbagliato tutto: sì, aveva sbagliato tutto; egli voleva “buscar el levante por el poniente” ovvero giungere a levante per la via del ponente, perché era nel lontano oriente che si voleva arrivare, per instaurare rapporti politici e commerciali, per riuscire a raggiungerne le ricchezze e, magari, soffiare il commercio delle spezie, il grande affare di quel tardo, tardissimo Medioevo, ai portoghesi, che stavano cercando la via per raggiungerne i mercati, in India, lungo le coste dell’Africa!
Aveva sbagliato, anzi, di svariate migliaia di chilometri, basandosi sulla famosa carta di Paolo dal Pozzo Toscanelli (1397 – 1482) e non venne mai a sapere, finché visse, di aver scoperto, senza volerlo, un nuovo continente!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *