sabato, Dicembre 7, 2019
Home > Attualità > Cengio: maggiore attenzione a “differenziare”

Cengio: maggiore attenzione a “differenziare”

Defferenziata, ancora differenziata, sempre differenziata; il Comune di Cengio è negli ultimi giorni alla ribalta, per un appello ai cittadini utenti, da parte dell’Amministrazione del Sindaco Francesco Dotta, del seguente tenore:”Nelle scorse settimane, SAT Servizi Spa ha segnalato alcune difficoltà incontrate nella raccolta differenziata degli imballaggi in plastica e metallo a Cengio. A tal proposito, insieme all’Amministrazione Comunale, sono stati organizzati incontri con la cittadinanza al fine di spiegare le nuove regole per istruire i cengesi ad una buona raccolta differenziata”. 

“Come segnalato da SAT Servizi Spa, purtroppo è stata riscontrato che i cittadini gettano nei contenitori gialli, dedicati alla raccolta degli imballaggi in plastica e metallo, oggetti che, pur essendo di plastica non devono essere gettati nei cassonetti gialli, perché nonsono imballaggi. Inoltre, molti inseriscono all’interno del medesimo contenitore giallo anche altri rifiuti, composti di materiali diversi se non, addirittura, sacchetti contenenti rifiuto indifferenziato. Il contenitore di colore giallo, infatti, è dedicato esclusivamente alla raccolta degli imballaggi di plastica e metallo”. 

​Per imballaggio si intende il prodotto, composto di materiali di qualsiasi natura, adibito a contenere e a proteggere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, a consentire la loro manipolazione e la loro consegna dal produttore al consumatore o all’utilizzatore. Questa è la situazione attuale: più del 50% del materiale trovato nei cassonetti deve essere scartato; l’impianto di recupero non accetta più materiale con più del 40% di scarto; per ottenere dei contributi (a beneficio dei cittadini) anziché pagare, lo scarto deve essere inferiore al 20%”

“Questo comportamento non corretto comporta danni economici rilevanti sul servizio che poi pagano tutti i cittadini. Gli effetti principali sono: costi aggiuntivi sullo smaltimento della plastica; impossibilità di valorizzare i rifiuti della raccolta differenziata e perdere dei contributi a vantaggio di tutti i cittadini; multe per il mancato raggiungimento degli obiettivi di qualità e raccolta differenziata; disagi e ritardi sull’esecuzione del servizio con relativo aumento dei costi di raccolta dei rifiuti per i rifiuti riciclabili non accettati dall’impianto ed inviati alla discarica”. 

“Tutti questi costi aggiuntivi sono sostenuti dal Comune e, quindi, da tutti gli utenti che pagano la tassa smaltimento rifiuti (TARI) infatti, per legge, sono i cittadini che pagano interamente e direttamente i costi sostenuti per la raccolta dei rifiuti. Questo significa che tutti i costi aggiuntivi per la gestione della raccolta, i mancati guadagni derivanti dai materiali recuperati, i costi di smaltimento in discarica, le addizionali e le multe regionali sulle impurità nelle raccolte differenziate, si trasformano automaticamente in un aumento della tassa dei rifiuti quando invece, una corretta raccolta porterebbe, semmai, ad una riduzione”. 

“Detto questo, chiediamo ad ogni singolo cittadino un maggiore impegno a differenziare in modo corretto tutti i rifiuti (ancora oggi più dell’80% del rifiuto del Comune di Cengio che finisce in discarica potrebbe essere differenziato, a cominciare dalla frazione organica) e, in special modo, gli imballaggi in plastica e metallo, proprio per non causare i danni che provoca un conferimento non adeguato” .

Tutto giusto ovviamente, ma, e lo scrivente l’ha già scritto e ci si arrabbia, i cittadini utenti “non sono degli  addetti alla raccolta dei rifiuti”, mai e poi mai, mentre si cerca, da parte delle Società che gestiscono la raccolta, di attribuire a loro, in modo strisciante, un po’ di tale qualità; gli utenti sono utenti e basta; a loro spetta, e guai a chi non lo fa, smistare i rifiuti ed inserirli nel contenitore specifico e basta, senza scervellamenti e complicazioni assurde comunque e soprattutto lo si dovrebbe fare quando si ha necessità di liberarsi dai rifiuti; ciò dovrebbe essere garantito e doversi tenere in casa i rifiuti, come avviene a Celle per i residenti in centro, perche i sistemi di raccolta sono “Itineranti” è un obbligo che dovrebbe, una buona volta, finire, sennò stavamo meglio quando stavamo peggio e se avevamo un sacco pieno di spazzatura ce lo andavamo a depositare quando volevamo. Del resto SAT e ATA hanno poco da recriminare; specialmente la seconda, sull’orlo del fallimento, riscuote sempre meno favori, eufemismo per dire che è sempre più invisa, da parte soprattutto delle Amministrazioni comunali e ciò significa che qualcosa non va, nella pur sempre essenziale differenziata e che qualcosa deve essre rivisto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *