lunedì, settembre 24, 2018
Home > Attualità > Elezioni 2018, 5 Stelle e Lega Nord brindano. PD bisogna ripartire. Le opinioni della stampa estera

Elezioni 2018, 5 Stelle e Lega Nord brindano. PD bisogna ripartire. Le opinioni della stampa estera


di Michael Traman - 5 marzo 2018, 12:06

Sono ormai chiari i risultati delle elezioni. C’è chi ha vinto, palesemente, e chi è rimasto con le ossa rotte. Tuttavia, come ampiamente pronosticato, nessuno ha raggiunto la maggioranza assoluta e starà al presidente Mattarella individuare chi dovrà provare a formare un governo. La coalizione di centrodestra ha raggiunto un 37% che poteva essere prevedibile, ma l’elemento che fa scalpore è lo storico sorpasso della Lega su Forza Italia. Da ricordare che il Carroccio non superò il 5% alle elezioni del 2013. Questo elemento ha un notevole impatto sullo “stile” che avrà un eventuale governo. Berlusconi, il cui risultato segna, forse, la fine del mito del Cavaliere, non è stato in grado di compiere l’ennesima “rimonta”. Il leader di Forza Italia aveva annunciato che in caso di predominio del suo partito sarebbe stato Antonio Tajani il candidato premier. Pare chiaro che le posizioni sull’Europa e non solo dell’attuale presidente del Parlamento Europeo siano diverse se non diametralmente opposte rispetto a quelle di Salvini. Il Movimento 5 Stelle ha fatto il botto e si presenta come il primo partito per distacco. Più di dieci punti rispetto al PD del segretario Matteo Renzi, che non ha superato il 20%. Un risultato catastrofico. Ovviamente, governare il Paese in un periodo storico difficile come quello che abbiamo attraversato non è semplice e, in generale, è più facile condurre una campagna elettorale dopo che si è stati all’opposizione. Ma un risultato di tali dimensioni negative non può essere archiviato soltanto con questa spiegazione. Hanno sicuramente inciso la questione delle banche e, mi sia concesso, una perdita del contatto con le realtà più disagiate della penisola, dove hanno spadroneggiato quelli che molti definiscono populisti. Questo presunto allontanamento dai “valori di sinistra” aveva portato alla creazione di Liberi e Uguali, a guida Pietro Grasso e con padri nobili come Bersani, D’Alema e la presidente della Camera uscente Boldrini. Anche questa nuova formazione politica ha fallito, dato che auspicava un risultato doppio rispetto al poco più del 3% ottenuto. La narrativa del ritorno a vecchi ideali non sembra aver fatto presa sull’elettorato che, specialmente al Sud, dove la disoccupazione è notoriamente ad alti livelli, ha votato in massa per i pentastellati, la cui carta vincente è stata, con molta probabilità, quella del reddito di cittadinanza. Nel caso in cui Di Maio dovesse guidare l’esecutivo, sarà interessante vedere se ci saranno le coperture per una misura che, per come presentata, non merita di essere bollata come “assistenzialista”. Infine, una considerazione sul tanto vociare sull’ “ondata nera” e sul ritorno della dialettica “fascista – antifascita”: i numeri ci dicono che non è più un “sujet clivant” per gli italiani visto che quei partiti di chiaro stampo fascista hanno ottenuto numeri risibili (si vedano Casapound e Forza Nuova, praticamente non pervenute) e il magro bottino della sinistra, che avrebbe dovuto puntare su altri temi.

Questo, a grandi linee, il quadro delineato dalle urne. Un’Italia divisa in due, verde lega al Nord e stellata in meridione. Il tema della sicurezza e la proposta della flat tax sembrano aver fatto presa nella regioni settentrionali (storicamente produttive), mentre, man mano che si scende nella penisola, la voglia di cambiamento mista alle misure di attenzione ai più deboli hanno mandato in orbita i grillini. Da un punto di vista comunicativo, la vittoria di queste due forze segna la fine definitiva del “politichese” e la penuria di manifesti in giro per le città ha sancito il predominio del web nella campagna elettorale.

All’estero, le categorie con le quali vengono classificati i partiti italiani sono essenzialmente due: chi a favore dell’Europa, chi contro l’Europa. L’analisi dei titoli di alcune testate on line di Belgio, Regno Unito e Francia dimostra come quanto accaduto ieri venga catalogato come la vittoria di un populismo avverso all’Europa e come le differenze programmatiche tra la Lega e il Movimento così come le diverse regioni su cui hanno fatto presa vengano ignorate, quasi come se formassero loro una coalizione. Non si può dire che non abbiano in un certo senso ragione. La narrativa anti establishment (italiano ed europeo), se si considerano tali le due realtà sopra descritte e Fratelli d’Italia della Meloni, scavalca il 50% di coloro che sono accorsi alle urne. Vediamo ora, in sintesi, alcuni titoli:

The Globe and The Mail: No clear winner in Italian election as exit polls show gains for populists (Nessun chiaro vincitore in Italia, gli exit poll mostrano il successo dei populisti)

The Observer: Italy turns its back to Europe, as polls points to hung the parliament. (L’Italia volta le spalle all’Europa, si prospetta un parlamento senza maggioranza)

Daily Mail: EU facing a ‘nightmare scenario’ in Italy […] (Scenario da incubo per l’Europa in Italia)

Le Soir: En Italie la victoire des europhobes et des antisystème (In Italia successo per l’eurofobia e per i sentimenti antisistema)

Le Temps: En Italie c’est la victoire des voix antisystème (In Italia vince il voto contro il sistema)

Le Monde: Aucune majorité n’émerge, les populistes en tête (Nessuna maggioranza, populisti in testa)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *