lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > La storia amministrativa della nostra Italia

La storia amministrativa della nostra Italia

Storia Amministrativa dall’Unità d’Italia ad oggi. Noi siamo arrivati male e tardi all’Unità e oggi che tutto cambia, traballa, che lo Stato è in crisi, si dice serva rinsaldare le radici nazionali, l’immagine e soprattutto l’economia per dare una risposta alla globalizzazione nella sua diversa configurazione, che fino al 1970 privilegiava l’accentramento. Capire la storia passata aiuta a vivere la realtà di oggi. La crisi del 2008 ha reso evidenti le difficoltà, determinato l’aumento della spesa e dei poteri dello Stato. Nel 1853 Cavour stabilisce le regole della Pubblica Amministrazione e nel 1860 attua il piano per la formazione di uno stato unitario, la Piemontizzazione dello Stato, fino a conseguire nel ’63/65 con le grandi leggi, la effettiva unificazione amministrativa. Dopo plebisciti vari, imitando la tradizione Francese, con una rapidità nel lavoro di attuazione, unica, senza eguali e soprattutto rimasta tale sino alla Repubblica ed anche oltre, vedi le Prefetture. Con Crispi, poi finisce l’era Cavour e nel 1870/ 80, con la destra storica liberale, ha inizio la seconda unificazione,.per giungere a Giolitti e di lì al colonialismo, al fascismo, il passo è breve con un deficit che sale alle stelle (!888/89). A fine 800,la struttura amministrativa pubblica che è ancora Piemontese, cerca di bloccare il fenomeno socialista e con Giolitti iniziano le politiche sociali, lo stato dei servizi e si giunge alla !a Guerra Mondiale, alla crisi che dopo porterà al fascismo I tecnici dell’economia aprono le porte ai grandi Istituti Statali, gli Enti Pubblici e l’accentramento è la costante La Corona cede e si passa al fascismo. Con il 1923/25, si fanno largo le leggi del Governo Mussolini, che prendono in mano l’assistenza, la previdenza, la vecchiaia, le assicurazioni, si realizzano quella democratizzazione non completata dal periodo rosso post Prima Guerra Mondiale. Il Fascismo non fù una abdicazione della Monarchia, perchè il Re fu preservato, anche se operavano disgiuntamente. Si arriverà agli anni 1940 per sapere chi comandava l’esercito e il Re alla fine, forse per cercare di salvare la Monarchia, fa dimettere Mussolini. Con la Repubblica la struttura dello Stato resta intatta , Einaudi e De Gaspari, dimenticati in fretta, si ha una grande gara dei Partiti fino al 1961/63 ed una unica novità, la indipendenza della Magistratura, mentre restano forti gli Enti Pubblici eredità del periodo fascista. Con gli anni 70 si cerca un cambio, pagato a caro prezzo, non si riuscirà a prevenire le stragi
Ecco una interessante graduatoria pubblicata dal “Fatto quotidiano” sui debiti Governativi contratti. Negli ultimi tempi 1° Amato, seguono Gentiloni, Monti, Dini, Berlusconi. Sicuramente erano ben superiori i debiti contratti durante i periodi coloniali e bellici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *