AttualitàCalcioSport

Sotto l’ombra Del chinotto a cura di Felicino Vaniglia

Difficile quando a parlare è più quello che succede fuori che quello che succede dentro al campo è riuscire a evidenziare un risultato eclatante quale è stato quello conquistato dai giovani biancoblù guidati da De Paola contro l’attrezzata Caronnese giunta al Bacigalupo domenica scorsa con il favore del pronostico e forte del secondo posto in classifica (ora terzo). Magari il 2 a 1 finale che ha visto trionfare gli striscioni potrà anche essere stato premiato da un minimo di fortuna visto che i lombardi dopo aver centrato il pari hanno concluso il match in 9 a causa delle espulsioni nel secondo tempo al 16° di Di Prisco (entrata dura su Venneri) e al 27° di Curci (che commette fallo guadagnandosi il secondo cartellino giallo). Ma per quanti hanno potuto assistere alla partita resta viva l’immagine di un gruppo che nonostante le note vicissitudini societarie ha dato dimostrazione di compattezza, carattere e vitalità.Da tempo non si vedeva sugli spalti tanta partecipazione e sostegno al limite della commozione. Nella giornata del rinato orgoglio del Vecchio Delfino per un attimo sono sembrate sparite le dense nebbie che ancora incombono sul suo destino. Le reti di Disabato e Siani hanno quasi d’incanto riportato al calcio giocato facendo dimenticare una realtà fatta di Cda straordinari, di debiti da coprire, di contratti da onorare : avversità che non hanno arrestato la voglia di vincere di Giovannini e compagni ( o almeno per adesso, non ci sono riuscite).La speranza (certo bisogna avere un minimo di predisposizione al credere nei miracoli, piccoli o grandi che siano) è che la situazione gradatamente si ricomponga e sotto questo profilo diciamo che qualche piccolo segnale di ripresa lo si registra.Certo bisognerà attendere gli eventi. Dovesse trasferirsi Ghinassi al Rieti (pare che anche Albani potrebbe far ritorno all’Atalanta così come D’Ambrosio al Torino) e continuare un trend fatto di allenamenti col contagocce (prima o poi ciò è destinato ad avere una inevitabile ricaduta sui risultati) la vedo dura riuscire a non trovarsi coinvolti dentro alla zona play out.La trasferta in programma al Luperi contro la temibile Fezzanese (stessi punti in saccoccia) può già essere una prima conferma di come la truppa stia metabolizzando il contorno.Forza, dunque, Savona! Continua a crederci!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: