lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – Luci ed ombre di una vittoria “obbligata”

Sotto l’ombra Del chinotto – Luci ed ombre di una vittoria “obbligata”

Bisognava fare bottino pieno (dopo tanto, troppo tempo) e così è stato. Aver sconfitto con un incontestabile 2-0 ( tutti e due i gol nella ripresa) il modesto e poco incisivo Borgosesia fa tirare un sospirone a mister De Paola (” non mi era mai successo, subentrando in corsa, di esordire con due ko consecutivi..”) e riporta quasi d’incanto compattezza nel gruppo, morale alto, serenità nell’ambiente e rinnovato entusiasmo (che stava tornando ai minimi storici di canepiana memoria) nella tifoseria.Non si è fatta sentire a centrocampo la mancanza dei due “epurati” Fricano e Lo Nigro (probabili partenti dicembrini) ben sostituiti dai giovani e promettenti Albani e Lazzaretti (lo stesso David può dire la sua) così come la conferma di Tissone (questa volta schierato da terzino sinistro) induce a pensare che si possa fare a meno in futuro di un Rossini (al momento infortunato) che non ha mai convinto appieno.Ciò nonostante una squadra (è bene non dimenticarlo) che era partita per tentare di risalire in Lega Pro si trova, pur incamerando tre punti fondamentali per il proseguo del suo campionato, si trova ancora a navigare in piena zona play out. La trasferta di domenica prossima al “Palli” conto il Casale (primo in classifica e reduce dalla tripletta rifilata fuori casa al forte Chieri) potrebbe riportare la pattuglia biancoblù con i piedi per terra e far riaffiorare malumori e incertezze. Affinchè ciò non accada occorre pertanto riesaminare bene luci ed ombre del match vinto con i granata di Didu. Partiamo dagli aspetti positivi.E’ senz’altro aumentato il livello di attenzione e di concentrazione, specie in fase difensiva, dove diversamente da quanto visto con il Bra, non si è concesso praticamente niente. Buona la linea arretrata a quattro ad eccezione di Marchio approssimativo e poco pulito al cross ed in controllo.Le due reti segnate portano la firma dei due giocatori di più elevato tasso tecnico che come si suol dire dovrebbero fare la differenza. Stiamo parlando del ritrovato Disabato e soprattutto del sottopunta Tripoli (giunto al sesto centro stagionale), anche se ce ne sarebbe da dire sulla errata lettura della palla sopra da parte dei piemontesi che gli ha letteralmente aperto una autostrada permettendogli di sfoggiare un colpo che da solo vale il biglietto d’ingresso.Completiamo con le note dolenti.Se c’è un reparto che nel mercato di riparazione necessita assolutamente di un intervento è quello d’attacco. Il ruolo di prima punta è infatti tutt’oggi scoperto poichè ritengo che ai vari esperimenti già posti in essere anche il tentativo di inserirvi Siani (scuola Juventus) sia destinato a fallire. Il ragazzo ha cercato di stare in posizione per dare supporto ed equilibrio tattico ma lo si vede che spalle alla porta non è il suo mestiere, così come la propensione a fare sportellate. La maniera in cui è andato a siglare il gol poi annullato per fuorigioco lo dimostra.Può giocare trequartista o al limite seconda punta ma non sarà mai un bomber. Per intenderci uno come Francesco Virdis, che era presente al “Chittolina” dopo aver giocato sabato pomeriggio in anticipo con la maglia del Latte Dolce Sassari prima del suo girone ed aver realizzato una splendida tripletta sul campo del Budoni). Al suo indirizzo si sono alzati i cori degli ultras che lo rimpiangono e che ne sognano il ritorno tra le fila del Vecchio Delfino. Insomma urge una punta “vera” che garantisca quella “doppia cifra” che porti gli striscioni in zona play off o che nella peggiore delle ipotesi consenta una agevole salvezza ( visto l’equilibrio del torneo che vede dalla testa fino alla coda ben tredici squadre raccolte in 8 punti e in corsa per raggiungere qualsiasi obiettivo).Così come speriamo che le evidenti preoccupazioni scaturite sul fronte societario trovino al più presto le soluzioni e le risposte che tutti, dico tutti, si attendono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *