martedì, Agosto 20, 2019
Home > Cultura e Musica > Sul colle del Parasio fervono i preparativi per i festeggiamenti in onore di San Donato

Sul colle del Parasio fervono i preparativi per i festeggiamenti in onore di San Donato

Come da consuetudine, nella prima domenica di agosto 2019, nell’antichissima chiesa (un tempo pieve e prima parrocchia di Varazze) posta sul colle del Parasio (fra i resti del castrum romano-bizantino), tanto cara a generazioni di varazzini, si svolgeranno i festeggiamenti in onore di San Donato, secondo vescovo di Arezzo e martire, organizzati dal’Associazione Culturale e Confraternita di San Donato. Programma
– Giovedì 1 agosto alle ore 21:00
– Incontro di preghiera in preparazione della festa: esposizione Eucaristica, Vespro, Omelia e Benedizione.
– Sabato 3 agosto alle ore 21:15
– Concerto con la partecipazione del Soprano Federica Repetto, del Tenore Silvano Santagata, accompagnati all’Armonium dal Maestro e Direttore del Coro Polifonico Beato Jacopo da Varagine, Giovanni Musso: un piccolo ed intenso viaggio nei suoni e nei colori della Musica Sacra.
– Domenica 5 agosto alle ore 9:00
– S. Messa celebrata dal parroco di Sant’Ambrogio don Claudio Doglio, animata dal Coro dell’Annunziata. Alle ore 20:30 i Vespri e al termine processione attorno al colle con la statua del Santo (portata dai soci di Varagine.it) ed i Crocifissi delle confraternite cittadine e benedizione sacerdotale. Presterà servizio la Banda Musicale Cardinal Cagliero di Varazze.
– Mercoledì 7 agosto alle ore 21:30
– Festa Liturgica di San Donato – S. Messa a suffragio dei benefattori defunti. Il messaggio del Consiglio Direttivo dell’Associazione Culturale San Donato: «Sabato 3 e domenica 4 agosto 2019 sul Colle di San Donato, nel borgo del Parasio, l’Associazione Culturale San Donato e l’omonima Confraternita manterranno viva l’antichissima tradizione dei festeggiamenti in onore di San Donato. Ogni anno si rende evidente come fede e devozione s’intrecciano con volontariato e impegno nel mantenere vivo un evento che alimenta il senso di appartenenza di una
comunità. Quando, come a San Donato, volontari con il loro impegno lavorano per condividere momenti religiosi,
culturali o d’intrattenimento, si compie un evento speciale: uomini e donne si incontrano e festeggiano loro
stessi, la voglia di stare insieme e di celebrare la propria identità. E questo non è poco. Un grande filosofo,
recentemente scomparso, con acute parole ha definito la società in cui viviamo come “ società liquida”. Una
società che ha perduto i propri punti di riferimento, che non offre più un tessuto entro il quale ciascun uomo
si possa sentire come a casa propria, ma che “condanna alla solitudine il cittadino globale”. Le feste di
quartiere sono poca cosa rispetto all’immensità del mercato globale, che induce a vivere per il consumo,
sostenendo l’illusione che siano i suoi prodotti a dare la felicità … . Ma le nostre feste sono granelli che
accanto ad altri granelli, mantengono vivo il senso vero di una comunità. Per questo la Festa di San Donato
continua da tempo immemorabile. E per poter continuare, non è sempre la stessa ma cambia, come cambiano i tempi.Nei primi anni del 900 la grande statua di San Donato, opera di G.B. Rebagliati “u scultu” veniva portata in
processione lungo la strada provinciale fino al borgo di Bolzino; oggi la processione si snoda attorno al
Colle nel buio della sera e simbolicamente porta la piccola cassa lignea con l’immagine del Santo, ma ancora mantiene il suo autentico significato. I festeggiamenti in onore di San Donato, sul Colle del Parasio, sono da sempre considerati un patrimonio dell’intera Città; con questa radicata convinzione, anno dopo anno i Confratelli, amici e simpatizzanti sono impegnati nel mantenere vivo e partecipato questo importante appuntamento.» – (Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Culturale e Confraternita San Donato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *