sabato, Ottobre 19, 2019
Home > Attualità > Surriscaldamento globale: apocalisse ma non troppo

Surriscaldamento globale: apocalisse ma non troppo

Incertezze e stranezze di quella che è divenuta una suprema certezza

L’iniziativa di Fidepa e della giovane ingegner Bussino sono lodevoli, per carità,degne di ascolto e di esempio ma sembra un po’ insolito porre rimedio ai cambiamenti climatici, veri o supposti che siano, così semplicemente come installare un pannello fotovoltaico sul tetto o andare a piedi invece che in autobus; la lotta contro i cambiamenti climatici dovrebbe assumere l’onere di un’impresa titanica ed epocale altrettanto gigantesca dell’azione sovrumana e faustiana che li avrebbe provocati, perchè la colpa sarebbe dell’uomo! Cambiare il clima…forse sarebbe più facile spianare una catena montuosa! E di cambiamento climatico ne parla ormai un telegiornale sì ed uno no, rincorrendosi, mi si consenta, a chi la spara più grossa; l’ultima stramberia riferita, ma potrebbe essere anche utilizzato un altro termine, più forte, che inizia comunque con il gruppo consonantico “str” e finisce con “ata” – non la società partecipata ambientale savonese in cattive acque beninteso, per rimanere in tema –  vorrebbe che il presente mese di maggio, certo capriccioso, fosse il più freddo degli ultimi settanti anni! Chi ha memoria non buona, ma appena mediocre, di mesi di maggio in cui ci si vestiva come in autunno se ne ricorderà più di uno – a parte che c’è già si vede gente che si veste come a Ferragosto – ed io potrei citare il 1984, quando ad un varo di “Campanella” dove allora ero impiegato, era andato con un giubbino invernale di panno blu, allora di moda! Intanto però la giornalista che intervistava l’ “esperto” – forse Carlotta Mannu che, con Laura Cason, è la vestale RAI degli eventi atmosferici, Valentina Bisti essendosi intelligentemente defilata – che, come sempre, riaffermava che il “surriscaldamento” manifesta, fra i suoi più tipici effetti, gli eventi estremi ed opposti, si preoccupava di sapere quanto sarà torrida l’estate; perchè la disgrazia meno disgraziata fra quelle che si succedono, la catastrofe meno catastrofica che può avvenire é proprio quella del surriscaldamento globale! Scendiamo nel concreto: nessuno, forse solo Nerone quando fece appiccare il fuoco alla sua capitale, è accondiscendente verso i disastri e le calamità; le inondazioni, i terremoti, le frane, gli smottamenti vengono giustamente scongiurati e si preparano o si cerca di metterli in atto, piani di emergenza per quando, malauguratamente, avvenissero; strano che invece la catastrofe incombente del surriscaldamento, dalle nostre parti, sembra provochi la pù vibrante preoccupazione sulla prova costume che sprona i bagnanti, agli albori della stagione, a mettersi a dieta! Ben lontano dall’Alaska, dove il “surriscaldamento” provocherebbe l’erosione del permafrost e inghiotirebbe villaggi…se ne parla però da dieci anni e non è ancora avvenuto un evento significativo! Come non è avvenuto qui e se si trovano reperti della Prima Guerra Mondiale che erano seppelliti dal ghiaccio che ora si scioglie, se non è una sparata, vuol dire che, dove sono rimasti, il ghiaccio li avrebbe coperti dopo.. o no! Un paio di giorni fa, alla trasmissione radiofonica “Prima Pagina”, un signore intervenuto nella linea diretta riferiva di una conferenza tenuta da un noto meteorologo di cui non faccio il nome ma che è divenuto abbastanza popolare per la sua partecipazione ad una trasmissione che ha nel titolo il tempo – che fa’ -, dalla quale la figlia tredicenne, poverina, è uscita sconvolta…Ebbene questa ragazzina è nata nel pieno dell’era del surriscaldamento globale in corso; tutta la vita di questa ragazzina, pur ancora molto breve, è costellata di “anni più caldi da qualdo si misura la temperatura” per non usare l’odioso- ed idiota- più caldo di sempre, di caldi record, di eventi estremi, e di tutte le amenità che vengono propinate, ebbene questa ragazza non dovrebbe stupirsi di nulla visto che sta vivendo l’inizio dell’ apocalisse; e la sua poco più che coetanea Greta Thunberg ben del resto lo sa, essendo divenuta, alla sua verdissima età, gia una coraggiosa paladina dell’ambiente e sulla quale rimando ogni considerazione al magistrale articolo del collega Lorenzo Ivaldo sull’edizione cartacea!  Ebbene, l’apocalisse si sta avvicinando, anzi, più velocemente di quello che si posa pensare, anche questo viene ripetuto, nel frattempo però, come diceva Craxi ad altro proposito – tra l’altro avendo ragione!- “andate al mare”; per noi gli effetti sono ancora benefici!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *