AttualitàCultura e Musica

Tinin Mantegazza, un milanese tra due mari

Se n’è andato a 89 anni, all’ospedale Bufalini di Cesena, dove era stato ricoverato per un malore, Tinin Mantegazza, vulcanica mente creativa, che ha saputo spaziare, disinvoltamente, dal giornalismo alla regia, dalla tv all’animazione culturale, all’organizzazione teatrale, alla scenografia,alla pittura ed all’illustrazione, riuscendo in ogni campo; fra le realizzazioni più note al grande pubblico, di cui è stato autore, si ricorderà il celebre ‘sig.Toto’ delle schede di approfondimento di Enzo Biagi; autore per la televisione, per tutti coloro che furono bambini negli anni ’90, Mantegazza vuol dire to l’ideatore del personaggio di Dodò, l’allegro e straordinario uccello variopinto protagonista dello show contenitore pomeridiano per l’infanzia, “L’Albero Azzurro”.
Mantegazza aveva scelto Cesenatico, come sua dimora elettiva, pertanto le coste romagnole, ma, di origini milanesi, proveniva da un altro mare, dal nostro: era infatti nato a Varazze nel 1931.Ritornò a Milano in giovanissima età e lì si affermò negli anni 1970, per numerosi importanti progetti legati al teatro sperimentale e come autore per il Corriere dei Piccoli e illustratore di libri per ragazzi.

Prima ancora del celebre “Albero Azzurro”, Mantegazza aveva collaborato con la RAI con lo show “Telefiabe” e per programmi di approfondimento culturale, per i quali curava schede tecniche lavorando a contatto con diverse personalità del giornalismo, tra le quali appunto Enzo Biagi.
Negli anni 1950 era stato illustratore per le redazioni di La Notte e del Corriere dei Piccoli e sempre in quegli anni aveva aperto una piccola galleria d’arte, La Muffola, dove accanto ad artisti come Luzzati, Pericoli, Rossello, Ceretti si esibivano giovani attori e cantanti, poi divenuti volti notissimi dello spettacolo, come Enzo Jannacci, Giorgio Gaber, Paolo Poli, Cochi e Renato e Bruno Lauzi, fino all’esperienza dello storico Cab ’64. Con la moglie Velia ha avuto l’idea di realizzare pupazzi e di animarli in forme originali per spettacoli teatrali e televisivi, fondando il “Teatro del Buratto.” Tra im suoi libri “La storia di Rosanna detta Cappuccetto Rosso” (Gallucci editore) “ I tre porcellini e il lupo puzzone” (Il ponte Vecchio), “Le sette vite di un creativo irriverente” (Corsiero editore) e l’ultimo: “Restituiamo Roma al Vaticano (con tante scuse) e altri esercizi di scrittura” (Corsiero editore), libro che aveva presentato nel febbraio dello scorso anno, al Museo della marineria di Cesenatico, in occasione dei festeggiamenti per il suo compleanno.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: