Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀITALIA

25 novembre, per STARE INSIEME

Un giorno per ricordare la violenza sulle donne e cambiare

Oggi 25 novembre, ricorre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, data di richiamo civile istituita dall’ Assemblea Generale delle Nazioni Unite con risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, con l’invito solenne ai governi, alle organizzazioni internazionali ed alle ONG di svolgere, nel giorno, celebrazioni ed eventi rivolte a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della violenza contro le donne.

La data della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne fissa l’inizio  dei “16 giorni di attivismo contro la violenza di genere” che precedono la ricorrenza della “Giornata mondiale dei diritti umani”, che si celebra il 10 dicembre di ogni anno, iniziativa promossa nel 1991 dal Center for Women’s Global Leadership (CWGL) e sostenuta dalle Nazioni Unite, a rimarcare che la violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani. Tale serie di giornate di impegno comprende altre date significative, tra cui il 29 novembre, il Women Human Rights Defenders Day (WHRD), il 1º dicembre, la “Giornata mondiale contro l’AIDS” e il 6 dicembre,   quando si commemora il folle episodio della strage del Politecnico di Montreal, quando uno squilibrato ventincinquenne uccise quattordici studentesse di ingegneria, col proprosito di combattere il femminismo.  Il colore arancione è utilizzato come colore di identificazione della campagna, ogni anno concentrata su un tema particolare. Dal 2014 ha assunto come slogan “Orange the World”.

In molti paesi, come l’Italia, il colore esibito in questa giornata è il rosso e uno degli oggetti simbolo è rappresentato da scarpe rosse da donna, allineate nelle piazze o in luoghi pubblici, a rappresentare le vittime di violenza e femminicidio. L’idea è nata da un’installazione dell’artista messicana Elina Chauvet, dal titolo Zapatos Rojos, installata nel 2009 in una piazza di Ciudad Juarez, e ispirata alla sorella dell’autrice, assassinata dal marito, e alle centinaia di donne rapite, stuprate e assassinate in questa città di frontiera del nord del Messico, snodo del mercato della droga e degli esseri umani, divenuta sinistramente nota in tutto il mondo per tali avvenimenti. L’installazione è stata replicata successivamente in moltissimi paesi del mondo, fra cui Argentina, Stati Uniti, Norvegia, Ecuador, Canada, Spagna e Italia. La campagna in Italia viene in particolar modo sostenuta dal “Centro Antiviolenza” e dalle Associazioni di donne impegnate contro la violenza sulle Donne.

L’AICC – Associazione Italiana Città della Ceramica -, di cui fanno parte anche Savona, Albissola Marina, Albisola Superiore e Celle Ligure, contigue sul mare e strette nella “Baia della Ceramica” –  raccomanda e promuove, da parte degli artigiani e agli artisti dei quarantasei centri che ne fanno parte, la realizzazioni di aristiche scarpette rosse in ceramica, dall’anno scorso anche viola, su proposta del  CAAC – Centro Argentino de Arte Cerámico -, gruppo di donne ceramiste coordinato da Anita Bado con la giornata “Ni una menos”, il cui colore simbolico è il viola al posto del rosso. “Scarpe Viola – Vive Ci Vogliamo” “Zapatos Violetas – Vivas Nos Queremos”.

E dal Continente Sudamericano proviene anche la data del 25 novembre, giorno in cui si commemora il brutale assassinio, nella Repubblica Dominicana, delle sorelle Patria, Minerva e  Maria Teresa Mirabal, avvenuto il 25 novembre 1960, durante la dittatura di Rafael Leònidas Trujillo, che opprimeva il Paese caraibico. Le tre sorelle vennero rapite dalla polizia segreta mentre si recavano in visita ai loro mariti incarcerati per motivi politici, condotte in un luogo nascosto e stuprate, torturate, finite a colpi di bastone  prima di essere gettate in un burrone, a bordo della loro auto, per simulare un incidente.  Nel 1981, nel primo incontro femminista latinoamericano e caraibico svoltosi a Bogotà, in Colombia, si pensò di celebrare il 25 novembre come la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in memoria delle sorelle Mirabal.

Facciamo in modo che l’ennesima giornata che rammenta la morte violenta, divenga un giorno di rinascita, di rispetto, di amore, di STARE INSIEME!

Numerose le iniziative a Savona e Provincia.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: