Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

A monte l’Unione dei comuni del Finalese

Marcia indietro del Comune di Finale Ligure, sull’Unione dei Comuni del Finalese” che, nel 2015, aveva stretto con Orco Feglino. Le Unioni dei Comuni hanno senso se l’obiettivo reale, da raggiungere in fretta, è quello di fondersi in un unico Comune, tale è il motivo fondamentale per cui Finale ci ha ripensato e ora prevale la volontà di riprendere,  entro la fine dell’anno, la piena titolarità delle funzioni amministrative che aveva delegato alla gestione associata: servizi sociali, scuola, turismo, cultura, relazioni con il pubblico, sportello unico delle attività produttive.

Gestione in forma associata che aveva funzionato bene, assicura l’amministrazione finalese, con iniziative coordinate e buoni risultati, senza però poter eludere problemi e criticità.  Ad esempio, si è riscontrato che il trasferimento delle funzioni impedisce di approvare nei termini di legge il bilancio preventivo triennale 2018-2020. Ma, soprattutto – osservano gli amministratori finalesi – l’Unione è un ente di secondo livello, con un consiglio eletto dai soli consiglieri comunali e che quindi non risponde direttamente agli elettori. Per giunta la delega di importanti funzioni, come quelle sopra elencate, implica lo svuotamento delle attività di indirizzo e controllo che sono prerogative dei rispettivi consigli comunali, con il l’offoscamento dell’attività degli organi eletti.

Ben vengano, insomma, le Unioni tra Comuni, perché rappresentano “un passaggio epocale”, ma solo se sono il preludio ad una fusione tra gli enti che ne fanno parte, da attuare attraverso un referendum, coinvolgendo gli elettori. Ed a ciò si potrà giungere pure in termini rapidi, magari già con le elezioni amministrative del 2019. Nel frattempo, però, le funzioni delegate rientrano nella sede del Comune di Finale, in via Pertica, entro la fine dell’anno. Lo Statuto dell’Unione dei Comuni del Finalese, a dire il vero, prescriveva che la revoca delle funzioni delegate non avrebbe potuto avvenire prima di tre anni, ma basterà modificare una frase delle convenzioni sottoscritte: la “durata triennale” verrà mutata in “fino al 31 dicembre 2017”!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: