Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Celle: addio all’Asilo Aicardi; rimarrà solo quello dei Piani

Il 27 gennaio lo storico asilo Nicolo’ Aicardi di Celle ha raggiunto il centocinquantesimo anno ma, da agosto, a causa della mancanza di bambini, del calo delle nascite e della preferenza accordata dai genitori alla Scuola Materna Statale, la sede di Via Bernardo Arecco ha dovuto chiudere, attestando così voci che circolavano da tempo; i piccoli iscritti rimasti saranno accorpati con quelli della struttura dei Piani, finora sede del “nido”! E’ un notevole pezzo di storia cellese ad andarsene!

 L’asilo Aicardi ha una storia interessante: deve il nome a Nicolò Aicardi, il quale poco prima della morte, avvenuta nel 1861, aveva lasciato, come volontà testamentaria, l’intenzione di voler creare un’opera per i bambini in età prescolastica, le persone anziane e i disabili. Riuscì nell’intento la famiglia Poggi, dapprima con Paolo Poggi nel 1867, il primo presidente, che realizzò in due aree del paese due sezioni d’asilo; lo stesso fece il fratello Giovanni Battista Poggi tra il 1882 e il 1897. Nello statuto dell’Ente, così se ne spiegava lo scopo:” accoglienza dei bambini in età prescolastica, al fine di educarli e svilupparne la personalità infantile onde prepararli alla frequenza della scuola dell’obbligo.”.

Michele Poggi, figlio di Giovanni Battista, Sindaco di Celle e poi Deputato, divenne il successivo Presidente dell’asilo (dal 1898 al 1934) e acquistò lo stabile di via Arecco, in passato adibito a colonia che ospitava bambini scrofolosi, che vennero trasferiti, in seguito, nelle colonie “Bergamasche”,a levante del paese.

Dal 1867 al 2000 l’Asilo Aicardi ha ricevuto l’aiuto importante delle suore figlie di Maria Immacolata, un ordine religioso senza scopo di lucro.

Sono stati costruiti, nel tempo, grazie all’asilo, lo stabile a fianco alla struttura, che tra la prima e la seconda Guerra Mondiale venne adibito a scuola di avviamento al lavoro dopo la quinta elementare mentre, nel dopoguerra, venne trasformato nel teatrino-cinema Aicardi, ristrutturato, da poco, a cura degli Alpini di Celle e sede ora dell’Associazione Alpini Cellese. Successivamente venne istituita la scuola elementare di Sanda, le case operaie presso la chiesa di San Michele e, per ultimo, nel 1995, sotto la Presidenza veramente “materna” di Alfonsina Freccieri, è stato istituito l’asilo nido dei Piani. Opere realizzate grazie a mezzi di finanziamento provenienti da rendite del patrimonio (lasciti), da rette di frequenza e da contributi privati o pubblici.

Sono circa una trentina i bambini presenti nella struttura rinnovata, di cui 15 trasferiti dalla sede centrale a quella della frazione Piani, con locali totalmente messi a nuovo secondo le norme vigenti, nei quali sono presenti una mensa ed una cucina interne, con prodotti a km zero, da sempre fra i vanti dell’Asilo Aicardi!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: